Sordità, crescita, CNV... ed altro

Riuniamo qui esperienze e informazioni a riguardo, accogliamo le fatiche e le gioie di chi si prende cura del sorriso di un piccolo con bisogni speciali.

Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda miki.arcon » sabato 20 novembre 2010, 15:19

Come promesso eccomi, dalla tranquillità relativa del lavoro, a condividere un po' della strada faticosissima di questi mesi!! Che lo vogliate o no...
Mi scuso se saranno pensieri un po' sparsi, venendo interrotta continuamente non riesco a fare un discorso coerente, ma alcune cose vorrei proprio buttarle fuori!

Il mio bambino ha fatto 2 anni alla fine di ottobre! 6 mesi di protesi acustiche e qualche esame (audiometria) in ospedale. Facciamo logopedia 2 volte alla settimana e musicoterapia 1 volta, più esercizio a casa, giocando... Le risposte di Federico sono state molto esplicite: ha accettato di buon grado le protesi, si lascia visitare, togliere il cerume ecc, senza batter ciglio ma... Ha tirato su un MURO pazzesco per quanto riguarda la comunicazione, in qualsiasi forma. Non ripete i suoni, non da' a vedere quanto/se sente, non ci guarda più in faccia... Chiusura totale, e panico crescente da parte nostra. Lo spettro dell'impianto, che non vogliamo fare e che non risolverebbe secondo me un bel niente, che aleggia. Chicco, a detta della sua logopedista, è più maturo dei suoi 2 anni dal pdv emotivo ed ha un autocontrollo pazzesco per la sua età. Ha già capito di essere diverso, in autobus indica le persone con gli apparecchi come i suoi. Nel corso dei mesi le nostre aspettative, delusioni, ansie hanno contribuito a farlo chiudere e bloccare, e come un cane che si mangia la coda, questo rendeva me sempre più nervosa, impaziente, scoraggiata. Ho cominciato a trattar male (ma male davvero) Sofia, il nostro legame messo a dura prova dalle piccole provocazioni imparate alla materna. Federico è diventato l'incognita, il problema da risolvere, il bambino che DEVE imparare ad ascoltare, a parlare... Il terrore di non esserne all'altezza, e di farne un handicappato a vita...

Cos'è successo poi? Beh, accidenti, me ne sono accorta! Ed è già molto...
Siamo fuggiti dal circuito ospedaliero: ora Chicco porta protesi Linear, un'azienda che fa capo al circuito universitario e che ha la libertà di rischiare e provare regolazioni e soluzioni anche "fuori dal coro". Abbiamo fatto già 3 viaggi a Milano, tutti insieme, ospiti di amici "virtuali" che sono diventati reali (grazie World Wide Web!), coi soldi dell'handicap che riceve Chicco.
Pian piano ho capito che la strada per arrivare a convivere con l'handicap di mio figlio (accettarlo non si può, mi sa, mi starà sempre sul gozzo, inutile negarlo) era di accoglierlo intero, PER QUELLO CHE E', non lottare disperatamente per renderlo più o meno udente. Ed ecco perchè l'impianto non mi interessa, mio figlio non è una cosa rotta da aggiustare e non intendo rischiare la sua vita con un'operazione chirurgica invasiva solo perchè possa sentire i rumori del mondo... O la mia voce. Sì, certo, fa male, ed è dura, e sarà dura anche per lui... Però è un bambino allegro e pieno di vita, e SANO, e c'è altro a cui dedicarsi! Carezze, baci, colori e disegni, gesti ed espressioni. Parole diverse.

E qui scatta la scoperta: nell'arrovellarmi sul perchè si sia tanto chiuso, sul perchè io sia così nervosa e tesa, e la mia leggendaria pazienza sia svanita... Cerco e ritrovo la CNV... E con autentica RABBIA mi rendo conto che non me ne faccio nulla. Nulla. Le parole per lui ora non hanno nessun senso, non so neanche se le sente, non si ferma ad ascoltarle nè a leggerle sulle mie labbra (anche se io so che ne è già capace). Penso a questi anni, a quanto tutto sia passato attraverso il verbale: i discorsi con Franco, le spiegazioni a Sofia, chiedere scusa quando si sbaglia, parlare con dolcezza, studiare con cura le parole per scremare quelle violente... ora a che mi serve? Non conosco la lingua dei segni. Come posso insegnargli ad esprimersi? Sei arrabbiato, sei stanco, hai fame? Accompagno con gesti intuitivi, espressioni. Lui urla, acutissimo: "iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii". Non da' segno di aver capito. Non mi guarda. Non ho coraggio di ammettere con me stessa che in quei momenti lo detesto! Mi sfogo con Sofia: lei le parole le capisce e posso farle del male con esse. Arrivo ad un limite e finalmente mi vedo... Accolgo la rabbia verso questo figlio così testardo, oltre che sordo, e verso sua sorella che invece non sta zitta un momento! Riesco un po' ad accogliere questa Miki stanca ed arrabbiata e perennemente insicura delle sue scelte, e rifiato. Ricominciamo.

Non mi importa quanto senta Federico. Di questo si occupino i tecnici della Linear. Il mio bambino continua ad apparirmi perfetto così com'è, sono la sua mamma e non posso cambiare a questo riguardo.
Amo le parole e la loro forza e per prima cosa non voglio più usarle per ferire. Così di certo non lo invito ad amarle! Penso a tutto il non verbale che si è sorbito in questi mesi... Violento, rabbioso, giudicante mio malgrado. Si chiama Comunicazione Non Violenta, e la comunicazione non è fatta di sole parole!
Ora devo lavorare sui gesti, sulle espressioni... Diventare consapevoli del proprio aspetto, in un certo senso, non è facile! I sordi per necessità ti leggono nell'anima molto più facilmente di noi udenti proprio perchè abituati ad osservare la comunicazione non verbale. La sensibilità di Federico va rispettata, e io devo lavorare contemporaneamente su più fronti, accordando parole, gesti, volto, anima. 'Na faticaccia!!

E darsi empatia, quanto importante è??? E quanto difficile... Ma ho bisogno di voi, di stare qui, e per farlo devo darmi empatia, contiunamente. E' dura, sapete, quando leggi argomenti così belli e importanti, cui hai magari pensato anche tu in passato... Come spiegare la morte, come affrontare argomenti difficili, come aiutare il bambino a verbalizzare i suoi sentimenti. Inevitabile notare che il mio bambino con queste cose non ha nulla a che fare! Come si farà un'idea della realtà? Come fa ad affrontare le sue paure? Di fronte alla formichina che si muove e poi, per averla presa con le dita, non si muove più... Cosa pensa? Non ne ho idea. Nel suo mondo non ci sono nomi, nè spiegazioni. Non sono certa che sappia neanche il proprio nome.
E allora mi do' empatia, mi coccolo, bevo un buon caffè e vado avanti, dicendomi che HO FIDUCIA in LUI. Non ella tecnologia o nella logopedia... LUI ce la farà. Il mio compito è fornigli le occasioni per imparare e sviluppare le sue naturali capacità. Tutti i bimbi vogliono crescere e diventare come mamma e papà... Anche quelli con handicap!

E penso spesso (e mando un pensiero, sempre sperando che approdino qui) a quei genitori i cui bimbi non vedono, non parlano, non camminano... o hanno problemi cognitivi... I genitori di bimbi down, autistici, e chissà quante altre difficoltà che fanno sembrare la sordità una passeggiata di salute! Che leggono le mie parole e si sentono come mi sento io leggendo quelle che parlano di bimbi udenti, o guardando i filmati di Sofia che a 2 anni inventava canzoncine e usava i congiuntivi.

Vi abbraccio tutti, essere genitori è una grande sfida, da affrontare con gioia e fiducia, perchè questo i nostri bimbi si aspettano da noi, dal mondo, dalla vita: che sia BELLA. E lo è, no? Avanti tutta.

Scusate lo sproloquio strappalacrime...

Ne avevo bisogno :roll:
miki.arcon
*‿*
 
Messaggi: 786
Iscritto il: martedì 30 giugno 2009, 6:08
Località: over the rainbow
Figli: S. (2006) e C. (2008)

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda danipa75 » sabato 20 novembre 2010, 15:44

oooooooooooooooooooooooo mi fai piangereeeeeee

:abbraccione :abbraccione :abbraccione :abbraccione :abbraccione :abbraccione :abbraccione

anche se da lontano hai tutto il mio supporto!!
una donna da ammirare!!!
un onore poterti conoscere!
smack a tutti!
"Ma era quello il tempo migliore della mia vita, e solo adesso che mi è sfuggito per sempre, solo adesso, lo so".
Natalía Ginzburg
Daniela+3
Avatar utente
danipa75
*‿*
 
Messaggi: 1803
Iscritto il: mercoledì 29 ottobre 2008, 16:10
Località: Pesaro
Figli: E.06 J.08 N.11 E.15

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda Ella » sabato 20 novembre 2010, 18:34

Oh Miki! Sei riuscita a commuovere una corteccia dura alle lacrime come me! :sob:

Vorrei tanto tanto saper cosa dire, ma non ho parole, solo ti abbraccio ancora e ancora! :abbraccione :abbraccione :abbraccione :abbraccione :abbraccione :abbraccione
Ella
 

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda Roberta » sabato 20 novembre 2010, 23:39

Miki :abbraccione
Non esiste una strada verso la felicità. La felicità è la strada
Avatar utente
Roberta
*‿*
 
Messaggi: 1578
Iscritto il: giovedì 28 maggio 2009, 21:58
Località: Genova
Figli: M. febbraio 2008
E. agosto 2011

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda pulcinafiamminga » domenica 21 novembre 2010, 1:55

non ho parole... :abbraccione :abbraccione :abbraccione
tuo figlio è fortunato ad averti come mamma : Love : : Love : !!

marie
pulcinafiamminga
NTIS
 
Messaggi: 1080
Iscritto il: venerdì 17 luglio 2009, 10:08
Figli: Varun 15/03/2008

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda francesca78 » domenica 21 novembre 2010, 6:50

:abbraccione a te, ai tuoi bimbi, alla tua famiglia cosi' coraggiosa
francesca78
*‿*
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: mercoledì 30 settembre 2009, 16:11
Figli: due figli

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda FRA » domenica 21 novembre 2010, 8:34

cara Miki, qui ti dico solo che se tutti i genitori con bambini disabili avessero la tua consapevolezza e forza d'animo (e magari tutti gli adulti che se ne devono occupare...!), esisterebbero solo disabilità in senso stretto, ma non avremmo più handicap nella nostra 'civile e progredita' società.
: Love :
:abbraccione
FRA
Collaboratore
 
Messaggi: 2702
Iscritto il: mercoledì 23 dicembre 2009, 3:23
Figli: FU 20.10.2005

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda Martina » martedì 23 novembre 2010, 17:16

Miki :abbraccione
Non scrivo mai,ma ora mi viene da dirti che
Siete forti, ce la farete a superare ogni difficoltà!
Martina
 
Messaggi: 2
Iscritto il: giovedì 15 luglio 2010, 15:27
Figli: M.2009

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda Luce78 » martedì 23 novembre 2010, 17:40

Cara Miki ti :abbraccione , ti sono vicina e ti penso. Sei una mamma meravigliosa : Love :
In questi giorni ne ho parlato con mio marito perchè mi aveva raccontato di alcune esperienze di suoi amici. Uno lo conosco anch'io, è sposato ed ha una bellissima bimba. Anche lui è sordo. Mi ha raccontato mio marito che quando andava a scuola aveva un grosso apparecchio (parliamo di 30 anni fa) poi gli hanno messo quelli piccoli e lo ha anche adesso. Lui parla benissimo. Non so però dirti il percorso che ha fatto. E' una persona sensibile e positiva.
Invece un ex collega sempre di mio marito ha entrambi i genitori sordo-muti. Anche lui è una persona solare e serena.
Mi viene in mente poi il bambino di una coppia amici dei miei. Il bambino è cieco dalla nascita. I genitori sono delle persone empatiche e comprensive. Ora questo ragazzo ha 15 anni ed è una persona sensibile, acuta e positiva.
Ti sono vicina.
:abbraccione
Alice

"I nostri figli ci offrono l'opportunità di diventare quel tipo di genitori che avremmo sempre sognato avere" (Louise Hart)
Avatar utente
Luce78
 
Messaggi: 1365
Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 12:10
Figli: O. 2005

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda miki.arcon » martedì 23 novembre 2010, 18:13

Grazie a tutte... Sì, so che mio figlio molto probabilmente avrà una vita ricca e piena nonostante la sordità, ma il percorso è molto difficile. Soprattutto perchè richiede tantissime interferenze esterne con cui (per me in particolare) è difficile confrontarsi...

Ieri siamo stati dal dirigente scolastico per parlare dell'inserimento alla materna l'anno prossimo.

E' stato gentile e disponibile, ma tanto già so che i problemi si vedranno più avanti.

Innanzitutto lui ha parlato di ben 3 figure che dovrebbero lavorare su Federico: insegnante di sostegno, assistente alla comunicazione ed eventualmente educatore. Io ad annuire, e dentro di me ero così: :shock:
TRE PERSONE DIVERSEEEE??? Più le maestre? E che è, un sorvegliato speciale??? Che poi le probabilità che su tutta 'sta gente ce ne sia almeno una che mi sta sui maroni... sono altissime... :evil:

Poi, l'insonorizzazione delle aule sarà arduo averla, ma questo già lo sapevo... Figuriamoci, non hanno manco i soldi per la carta igienica.

E ovviamente, il regolamento scolastico impedisce di metterlo in classe con Sofia. Ma qui sarò irremovibile. Voglio la maestra Marina, punto. Primo, perchè mi piace, è fisica, è tosta, abbraccia i bimbi ed è creativa. Secondo, perchè ha già lavorato con bimbi con disabilità sensoriale (ciechi) e ha una cugina sorda, quindi non parte (almeno lei) digiuna di una disabilità di cui la maggior parte delle persone sa poco o niente. terzo, perchè vuole imparare la LIS e mio figlio a settembre prox sarà probabilmente un bambino esclusivamente segnante. Terzo, perchè Federico in realtà sta già facendo una specie di preinserimento... Quando vado a prendere Sofia si fionda in classe e passa anche mezz'ora prima che io riesca ad andarmene. Gioca con i giocattoli, corre dietro ai bimbi, dipinge... Conosce già alcuni bimbi, la classe, le maestre (almeno di vista, diciamo :P visto il poco che interagisce).

Oltretutto diciamocelo (e me l'ha ribadito chiaramente la logopedista): il problema di Chicco adesso è soprattutto relazionale, e non è legato alla sordità (anche se questa lo aggrava, ovviamente). Quindi avere una figura familiare in classe sarebbe un aiuto enorme, soprattutto per lui che ha pochi strumenti per capire quello che succede (e per ME che ho qualcuno che mi racconta che cacchio fanno con lui, ma questo me lo tengo per me of course).

Si preannuncia una bella battaglia... e non ho nessuna voglia di battagliare, ma s'ha da fa'. Poi fortunatamente, vogliano i gran capi o no, lui frequenterà poco perchè 2-3 gg alla settimana ha logopedia e col cavolo che lo lascio oltre le 13: avrà solo 3 anni scarsi.

La battaglia sarà a maggio-giugno, quando ci sarà un incontro con la scuola, i rappresentanti ASL, assistente sociale e psicologa: insieme queste belle personcine decideranno del destino di mio figlio nella scuola pubblica. Pensateci: non vi si rizzano tutti i peli solo all'idea? A ME SI' :twisted:

Ce la faremo, ovvio. Non abbiamo tanta scelta ;)
Ma devo fare taaaanto taaaaaaaanto esercizio di CNV da qui a maggio :sudato:
miki.arcon
*‿*
 
Messaggi: 786
Iscritto il: martedì 30 giugno 2009, 6:08
Località: over the rainbow
Figli: S. (2006) e C. (2008)

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda miki.arcon » martedì 23 novembre 2010, 19:27

Sì, ma infatti l'insegnante di sostegno dovrebbe lavorare sulla classe e non sul bambino, prorpio per favorire l'integrazione!
Solo xhe 3 mi sembrano proprio troppe... Sono tutte persone nuove per Federico, ognuna con le sue modalità di relazione... Mi sembra che possa fare più fatica invece che essere agevolato. Ma magari sono solo pare mie, che temo mi piazzino il sostegno e l'educatore e mi taglino l'ass alla comunicazione, che invece è quella che veramente CI SERVE perchè conosce la LIS!! E non lo temo a caso, perchè... è già successo ad altri, sigh!
miki.arcon
*‿*
 
Messaggi: 786
Iscritto il: martedì 30 giugno 2009, 6:08
Località: over the rainbow
Figli: S. (2006) e C. (2008)

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda FRA » mercoledì 24 novembre 2010, 14:27

Miki, non vorrei sbagliare, ma mi pare che l'educatore dovrebbe intervenire a casa, e non a scuola. se ho capito bene di che figura si tratta...

e quindi sì: mentre l'ins di sostegno è pagato dalla scuola (o ministero istruzione), le altre due figure sono a carico degli enti locali (provincia, comune), quindi è facile che se te ne forniscono una l'altra potrebbero negarla.

però tieni presente che tu non sei obbligata affatto a chiedere tutto... puoi benissimo rifiutare dal principio l'assitente educativo (o educatore), per stare più tranquilla. (in teoria potresti rifiutare anche il sostegno)

inoltre, non sono affatto certa che il mediatore della comunicazione conosca la lis, purtroppo.
ma poi, perché in capo a un anno dovrebbe usare solo i segni?
non ho capito bene se è una tua preferenza o lo hanno pronosticato gli specialisti.
FRA
Collaboratore
 
Messaggi: 2702
Iscritto il: mercoledì 23 dicembre 2009, 3:23
Figli: FU 20.10.2005

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda miki.arcon » giovedì 25 novembre 2010, 7:47

Gli ass. alla comunicazione fanno un corso che prevede la LIS (lo stanno facendo proprio quest'anno, patrocinato dall'ENS... Sicuramente mi capiterà un novellino, ma questo può essere anvhe un bene). L'educatore segue il bimbo sia a casa che a scuola: di fatto sono tutti "tappabuchi" perchè il ministero da' pochissime ore di ass. alla comunicazione...
La mia paura è rifutare qualcosa ora, per poi trovarmi senza più avanti, alla scuola primaria o oltre, quando Chicco avrà bisogno di qualcuno che gli prenda gli appunti, gli segni i compiti ecc.

Sarà segnante, perchè ha un disturbo relazionale indipendente dalla sordità: quindi per "scavalcare" quello è necessario puntare sulla forma di comunicazione più facilmente accessibile per lui.
E mi pento di non aver insistito di più ad introdurla prima, perchè già lo sapevo (ma va? Io ero uguale, solo si notava meno perchè sentivo/parlavo).
Poi le sorprese ci possono essere sempre... ma la logopedista è stata molto esplicita: bisogno trovare il modo di stabilire un canale comunicativo con lui, poi si potrà indurlo ad imparare come comunicare... ma finchè sta messo così, campa cavallo!
miki.arcon
*‿*
 
Messaggi: 786
Iscritto il: martedì 30 giugno 2009, 6:08
Località: over the rainbow
Figli: S. (2006) e C. (2008)

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda FRA » giovedì 25 novembre 2010, 8:34

"Sarà segnante, perchè ha un disturbo relazionale indipendente dalla sordità"

scusa, questo non lo avevo capito, anche se lo avevi detto qui:
miki.arcon ha scritto:
Oltretutto diciamocelo (e me l'ha ribadito chiaramente la logopedista): il problema di Chicco adesso è soprattutto relazionale, e non è legato alla sordità (anche se questa lo aggrava, ovviamente).



mi era sembrato si trattasse solo di "adesso" - cioè: per il momento - a causa della scarsa connessione con voi a cui avevi fatto cenno prima. ma non avevo capito che fosse un disturbo primario pure questo...

sul rifiutare o accettare le ore di questo o quel supporto, hai ragione.
ottenerne o meno in futuro dipende comunque tutto da fondi e soldi di cui disporranno le amministrazioni - molte volte le prassi si differenziano anche da regione a regione e secondo le congiunture delle politiche sociali...

io comunque penso sia sempre meglio non rifiutare niente (anche se 3 persone "da gestire", come dici, sono un po' troppe troppe), perché ogni situazione potrebbe costiutire un'occasione buona

ciao ciao
FRA
Collaboratore
 
Messaggi: 2702
Iscritto il: mercoledì 23 dicembre 2009, 3:23
Figli: FU 20.10.2005

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda miki.arcon » venerdì 26 novembre 2010, 7:58

FRA ha scritto:mi era sembrato si trattasse solo di "adesso" - cioè: per il momento - a causa della scarsa connessione con voi a cui avevi fatto cenno prima. ma non avevo capito che fosse un disturbo primario pure questo...


Mah, in realtà non è mica tanto chiara la faccenda, e del resto io NON voglio assolutamente cercare di ottenere una diagnosi al riguardo (un'etichetta alla volta, please).
Certo è che in questo momento la scarsà volontà di comunicare in qualunque maniera è IL problema di Federico, e il nostro con lui. Non abbiamo ancora capito esattamente a cosa sia dovuto questo rifiuto, c'è senz'altro una componente caratteriale, e del resto anch'io avevo difficoltà da bambina, ma nel suo caso è davvero difficile perchè con una relazione così faticosa diventa impossibile "forzare" l'uso del verbale... Neanche volendo... Non ti lascia lo spazio per proporre niente di niente.
Diciamo che i dubbi sull'impianto cocleare si sono dissipati da se', quando giorni fa la stessa logopedista (che non è contraria per principio, come altri) me l'ha sconsigliato decisamente. Un'operazione chirurgica adesso potrebbe compromettere il poco che abbiamo ottenuto, perchè in ogni caso l'operazione e il post operatorio sono molto duri per il bambino, e l'ospedalizzazione, pur minima, che ha avuto finora Chicco potrebbe facilmente aver contribuito a peggiorare la situazione attuale.

A volte mi chiedo cosa sarebbe cambiato se avessi imposto da subito quello che volevo (no impianto, LIS, niente sedazione per gli esami in ospedale)... Cerco di non pensarci, ma allo stesso tempo vorrei concedermi di essere un po' arrabbiata per questo, perchè alla fine la strada da percorrere è quella... E allora, potevamo evitare tante rotture a questo bambino e a noi stessi, e forse ora sarebbe tutto più semplice.

A volte il sorriso lo si toglie senza volerlo e senza accorgersene, chissà se/quanto lo si può restituire? Ve lo saprò dire... Oggi intanto porto Sofia a scuola e poi mi dedico al mio ometto : Love : magari lo porto all'acquario, credo che gli piacerebbe.

E' come se stesse dentro una bolla, io so che in realtà è una prigione molto fragile, ma lui no... E stiamo cercando di farglielo capire, ma senza usare le parole. Una bella impresa, non c'è che dire! :o.O:
miki.arcon
*‿*
 
Messaggi: 786
Iscritto il: martedì 30 giugno 2009, 6:08
Località: over the rainbow
Figli: S. (2006) e C. (2008)

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda melidi7 » venerdì 26 novembre 2010, 8:27

cara miki, è tanto che ti penso...tu e il tuo chicco...quanta frustrazione, quanta rabbia, quanti sensi di colpa e sconfitta leggo nelle tue lettere, ma anche tanta fiducia e positività...è bello leggerti.
ti ho mandato un mp--non so se l'hai visto? se sì...capisco il silenzio, e va bene così--davvero!

non vorrei scocciarti, sto per farti una domanda molto diretta al riguardo del signing--mi scuso in anticipo se non ne puoi più.

il tuo piccolo è in piena fase "apprendimento dei nomi" --lui, anche senza linguaggio sta, in cervello suo, faccendo una specie di "nomenclature" anche se è in base a solo immagini, gusti, odori, tatti, movimenti... e la mia domanda è, perche non stai imparando insieme a lui, già ora, il linguaggio dei segni? Perche lo stai lasciandolo li dentro questa "prigione fragile" come lhai appena chiamato, senza provare a "parlare" fra voi, anche un linguaggio vostro inventato? mi scuso, e subito, se ho malcapito, e tu lo stai già faccendo. :imbarazzo: :?

sicuramente lo stai, state, faccendo senza accorgervene: perche lui, che non senti, guarda, e usa quel sesto senso del cuore: *sente* fisicamente cose sentite voi energicamente parlando... sente col cuore il vostro cuore (questo è scienza, se ti interessa ti posso citare la fonte). dici che lui si sta chiudendo a riccio, e sento dalle tue parole che questo ti fa molto paura...nessun bambino a questa età piace essere detto cosa fare o non fare se non ne ha voglia :roll: ..è ho notato con i miei che se ho un 'energia del sì' interiormente tutto va diversamente. solo ora dopo 7 bambini sto imparando di come sono nel corpo. credo che tuo chicco non perderà mai questa cosa: per ora è solo così che lui "sente" voi...e se chiude a riccio, è perche l'energia gli sta "urlando" qualcosa che non vuole sentire...lui immagino è come un neonato tuttora --tutto sensazione fisiche che captano ogni energia degli essere intorno alui...invece di urlare, piangere, si chiude.

lungo pause di respiro...
mando questo perche sono troppe le lettere che ti scrivo per non mandare perche non finito.
sotto ce anche un pensiero che non so dove inserirlo quindi lo lascio sotto il mio abbraccio:
:abbraccione : Love :
xxxmelissa

...
sto immaginando anche dei giochi tipo montessoriane con le cartoline, che sarebbero per imparare a leggere, ma che si potrebbe fare per imparare i segni...hai parlato con un professionista montessoriana (so che lei ha lavorato con la maestra di Helen Keller per mettere a punto dei materiali...) poi ci sono tanti tanti materiali "prescolare" montessoriano adatte anche per il tuo chicco...no so...
mi sento molto impacciata ad intervenire così direttamente--ti penso sempre, forse per me sembra che abbiamo piu relazioni che esiste in realtà, e ti chiedo scusa per questa domanda un po appuntita.
nelle langhe
mamma di 7

http://apprendimentonaturale.blogspot.com/

"There is a Place beyond Rightness and Wrongness -- let us meet There." §Rumi
Avatar utente
melidi7
NTIS
 
Messaggi: 3827
Iscritto il: martedì 24 giugno 2008, 23:14
Località: piemonte
Figli: 11/07/1987, 16/01/91, 17/03/94, 21/11/97,
31/05/2000, 24/05/2003, 13/10/2005

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda Valentina L. » venerdì 26 novembre 2010, 12:41

veloce come il vento perchè non posso fare altro ma sono un po' di giorni che vi penso: hai mai pensato alla psicomotricità esperienziale (credo si chiami così)...mattia la fa e rispetto a quella proprosta nel centro di foniatria (salti tra i materassi e poco altro) è una cosa fantastica...se vuoi mi informo, chiedo meglio provo a cercare notizie e contatti per voi...magari la nomini alla logopedista e vedi che ti dice...all'epoca tutti con mattia dicevano che ci voleva un canale aperto per la collaborazione e questo è stato per noi...è un gioco liberatorio che lo aiuta ad elaborare quello che succede e vive...poi proposta matta da morire :sudato: :sudato: e puoi anche darmi della folle e zittirmi :o.O: :o.O: :imbarazzo: :imbarazzo: : perchè non provi (quando state voi due da soli) a togliergli le protesi e metterti tu delle cuffie che ti tappino le orecchi e provare un "approccio" fisico (anche solo coccole e tetta!)...prima di tutto questo com'era tra voi?!? mattia spesso fa delle scenate incredibili ed è furibondo perchè succedono delle cose che non gli piacciono e vorrebbe solo "ricominciare" da capo (elisa questo me lo hai fatto notare tu!! :clap: :clap: :clap: ) magari serve...sono matta lo so...scusa l'intromissione poco delicata
V.
V.
Valentina L.
*‿*
 
Messaggi: 1069
Iscritto il: giovedì 2 aprile 2009, 16:21
Figli: M 11/2006
A 05/2009

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda miki.arcon » venerdì 26 novembre 2010, 12:51

Meli, tranquilla. Mi ha fatto un grande piacere il tuo mp, e sto pensando a come fare... Perchè io col telefono ho grosse difficoltà (non è il mio "canale", mi mette veramente in difficoltà parlare senza vedere la persona!)
Le cose che dici sono giustissime, appena ho un attimo ti rispondo con calma. E' difficile immaginare le difficoltà di Chicco senza vederle dal vivo... Come mi piacerebbe fartelo conoscere!!!
Il materiale di tipo montessoriano si usa molto con i bambini sordi, ma per lui è ancora presto. Senza un linguaggio acquisito fin da neonati, i bambini sordi fanno più fatica a passare all'astrazione dei concetti: quindi, paradossalmente, a Federico le figure disegnate e le foto interessano meno di zero! Non ha ancora associato il disegno all'oggetto concreto... Comincia adesso a riconoscere nei giocattoli gli oggetti (auto, treni, bambole...), e infatti la logopedista punta su quello per introdurre i primi segni.

Grazie dei tuoi pensieri, vorrei avere un tempo e uno spazio infiniti per incontrare tutti voi senza togliere nulla a nessuno!
Sul resto tornerò con un po' di tempo in più, forse domani, perchè è interessante e merita forse un topic a sè (parlo della comunicazione spontanea mamma-bimbo). Mi sa che vi toccherà fare una sezione apposta solo per me e i miei deliri sulla sordità :hahaha: se no impesto il forum! O non ci sono, o ci sono troppo... La storia della mia vita! :culpa:
miki.arcon
*‿*
 
Messaggi: 786
Iscritto il: martedì 30 giugno 2009, 6:08
Località: over the rainbow
Figli: S. (2006) e C. (2008)

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda FRA » venerdì 26 novembre 2010, 16:35

miki.arcon ha scritto: Non abbiamo ancora capito esattamente a cosa sia dovuto questo rifiuto, c'è senz'altro una componente caratteriale, e del resto anch'io avevo difficoltà da bambina


non è che ci devi ritornare su, a come eri da bambina a questo proposito?
è vero che sono due situazioni diverse, ma è la seconda volta che fai questo riferimento: forse la chiave di queste 'difficoltà', come le chiami ce l'hai proprio e soltanto tu...



-scusa se non mi scuso per aver messo un altro spunto 'a cuocere'. credo che qui ognuna ne abbia almeno uno a testa, di spunto o suggerimento o osservazione, da dare nella speranza di dare un piccolo aiuto pur senza sapere tutto delle circostanze che avete vissuto già. più tutti i dubbi e le eventuali richieste di spiegazioni per le cose che non sappiamo (ad esempio a me ha incuriosito il problema della sedazione durante gli esami - ?) che rischi di essere presto bombardata inutilmente...
se non hai tempo o non lo trovi importante don't worry
FRA
Collaboratore
 
Messaggi: 2702
Iscritto il: mercoledì 23 dicembre 2009, 3:23
Figli: FU 20.10.2005

Re: Sordità, crescita, CNV... ed altro

Messaggioda foglievive » venerdì 26 novembre 2010, 18:00

poi mi dedico al mio ometto : Love : magari lo porto all'acquario, credo che gli piacerebbe.

E' come se stesse dentro una bolla,


Leggendo fin qui ho pensato che è come se tu sentissi che il tuo Chicco lo devi fare nascere una seconda volta.
Sono qui, con affetto..
Avatar utente
foglievive
NTIS
 
Messaggi: 3632
Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 22:37
Figli: M2006

Prossimo

Torna a Per bimbi e genitori con bisogni «speciali»

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron