Disturbo del deficit di attenzione

Disturbo del deficit di attenzione

Messaggioda jarboe » mercoledì 5 febbraio 2014, 21:29

Ciao, scusate la mia presenza sempre scarsa ma siete comunque il mio riferimento per le questioni educative... Oggi mi ha chiamata un'amica, molto in ansia perchè il pediatra avrebbe ipotizzato un possibile disturbo del deficit di attenzione per la sua bambina di 5 anni.
Io non so nulla di questo tipo di disturbi, ho sempre pensato fossero un'escamotage delle case farmaceutiche per dare psicofarmaci ai bambini ma magari mi sbaglio. Mi sembra anche così presto per dare un'etichetta a una bambina che mi pare normalissima, con la sua personalità spiccata e particolare ma comunque non incapace di concentrarsi. Ha delle crisi di rabbia ma anche questo mi pare nella norma.
Voi che ne pensate? Del caso specifico e del disturbo in generale.
Eventualmente avreste qualche lettura da consigliare?
Grazie mille.
jarboe
 
Messaggi: 74
Iscritto il: sabato 16 gennaio 2010, 15:43
Figli: Amelia 13.7.2008, Lucia 29.12.2010 Daria 8.5.2014

Re: Disturbo del deficit di attenzione

Messaggioda mamazaba » mercoledì 5 febbraio 2014, 22:12

a me era piaciuto " non e` colpa dei bambini", l'avevo citato andando OT nel post "token economy" (scusa da telefono non so mettere i link..)

e` un argomento che mi angosca quindi non mi esprimo, sono poco obiettiva , comunque anche a me sembra molto presto, a 5 anni, e soprattutto mi chiedo che strumenti abbia un pediatra per ipotizzare questo tipo di diagnosi.. :?
Avatar utente
mamazaba
*‿*
 
Messaggi: 2044
Iscritto il: martedì 13 ottobre 2009, 13:02
Figli: zaba 2008

Re: Disturbo del deficit di attenzione

Messaggioda mammapi » giovedì 6 febbraio 2014, 7:33

Secondo me potrebbe esserle utile leggere "I vostri figli hanno bisogno di voi", di Gordon Neufeld e Gabor Maté, Il Leone Verde Edizioni, che a me è piaciuto molto e che consiglierei a tutti i genitori. Il libro analizza i meccanismi dell'attaccamento e dell'orientamento e sostiene l'importanza di una relazione più stretta tra genitori e figli e, più in generale, tra adulti e bambini; in un passaggio riflette sul fatto che alcune diagnosi di disturbi vari, tra cui il deficit di attenzione, potrebbero essere ricondotte più semplicemente a un orientamento "sviato": il bambino è poco propenso a prestare attenzione agli adulti e a interessarsi a ciò che gli adulti gli propongono perchè è orientato (o comincia ad orientarsi) principalmente ai coetanei. Tendenzialmente il libro parla di bambini più grandi o di adolescenti, ma sono riportati anche alcuni esempi riferiti a bambini vicini come età alla bimba della tua amica.

Mi lascia un po' perplessa che si accenni a una diagnosi del genere per una bimba così piccola e, pur non conoscendo la situazione, mi viene da pensare che il pediatra corra un po' troppo. Intanto la mamma è già in ansia e la bimba in qualche modo lo sentirà... speriamo che le letture le aiutino a recuperare un po' di serenità e leggerezza!
mammapi
 
Messaggi: 139
Iscritto il: domenica 20 ottobre 2013, 20:12
Figli: C. 2011

Re: Disturbo del deficit di attenzione

Messaggioda jarboe » giovedì 6 febbraio 2014, 10:19

Grazie, le consiglierò senz'altro questi titoli.
E' una mamma già piuttosto ansiosa di suo e poco propensa a accettare le particolarità delle sue figlie con leggerezza.

Mi piacerebbe davvero capire se c'è del vero in questi disturbi (a parte la precocità della diagnosi) o quanto dipendano dal sistema scolastico o, come suggerisce mammapi, da questioni di attaccamento alla figura genitoriale.
jarboe
 
Messaggi: 74
Iscritto il: sabato 16 gennaio 2010, 15:43
Figli: Amelia 13.7.2008, Lucia 29.12.2010 Daria 8.5.2014

Re: Disturbo del deficit di attenzione

Messaggioda Silvia D. » sabato 8 febbraio 2014, 1:48

Non me ne intendo, ma ipotizzando anche che ci fosse una tempistica peculiare nella bambina, ovvero se anche avesse ai suoi 5 anni capacità di concentrazione inferiori alla media, mi viene da chiedermi quale genere di problema questo stia causando e a chi.
In genere sono gli insegnanti a sottolineare questo genere di cose quando la tempistica differente causa problemi ad esempio nello svolgimento delle lezioni.
Nel caso di questa bimba, sai qualcosa di più?

Nell'attesa di rileggerti, posso solo pensare ad un discorso di accettazione incondizionata della propria figlia, anche se con tempistiche e caratteristiche uniche...

Un abbraccio!
Avatar utente
Silvia D.
NTIS
 
Messaggi: 4040
Iscritto il: martedì 27 gennaio 2009, 17:52
Figli: L. 2008
E. 2011


Torna a Alla scoperta del mondo (3-6 anni)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron