bambino dotato?

bambino dotato?

Messaggioda Leti » giovedì 21 novembre 2013, 12:12

ciao ragazze,
è molto che non scrivo e torno con una preoccupazione che da un po' mi accompagna.
Mi riferisco al mio primo figlio, 5 anni appena compiuti, e alla mia sensazione che si comporti in modo da far piacere ad altri, anche a noi genitori.
Non so quanto sia normale per un bimbo della sua età il voler sentirsi dire che è bravo, aggiungo il fatto che un po' perfezionista (come me tra l'altro) ma spesso quello che fa è chiaramente influenzato dall'attesa di un'approvazione esterna.
Faccio qualche esempio, uno fresco successo ieri che mi ha creato un grosso senso di colpa.
Frequenta una volta alla settimana il corso di nuoto insieme a sua cugina (6 anni, lui la adora, lei anche ma ha un atteggiamento un po' autoritario nei suoi confronti, un po' da maestrina) e io so che lei non sarebbe venuta.
Quando lo vado a prendere a scuola materna e glielo comunico, lui inizia a sklerare perché non vuole andare se non c'è lei. Per tutto il tragitto in macchina ho cercato di spiegargli che in piscina si va perché si vuole nuotare e fare il corso non solo perché c'è la cuginetta. L'ho portato fino allo spogliatoio e lì il pianto è diventato più importante.
Io purtroppo mi sono arrabbiata (perché in fondo penso sia sbagliato passare il messaggio di fare una cosa perché la fanno altri), ho alzato un po' la voce, l'ho portato fuori dicendo che non saremmo più andati a fare il corso visto che a lui non interessava. Dopo qualche minuto di silenzio ho chiesto se ci aveva ripensato (aggiungendo anche che lui è capace benissimo di fare il corso senza la cugina, come è già successo una volta tra l'altro)e lui con tono sommesso ha detto si, voleva entrare. Siamo entrati e alla fine la cugina è pure arrivata : Sad :
Ora è palese che le mie pressioni sono state causa del suo cambiare idea ma io mi sono arrabbiata sul serio e gli ho spiegato le mie ragioni. Avrei dovuto acconsentire subito a non andare?
Altro esempio, la sera è sempre un po' faticoso portarlo a letto e farlo smettere di giocare. Ieri gli ho detto, "è già molto tardi, domani mattina non volglio sentire una lagna perché hai sonno" . Beh stamattina mi fa mentre lo aiutavo a vestirsi "stamattina non ho neanche fatto una lagna anche se ho sonno" :sob:

E così altri esempi simili.
A scuola le maestre mi dicono che è bravissimo, diligente, ligio alle regole.

Non so se provare piacere, quanto rinuncia a se stesso?
Fa così anche con i suoi amici che adora?

E soprattutto noi come dobbiamo comportarci, non esprimere la nostra disapprovazione per paura che lui sia condiscendente?

Sono molto combattuta, mi sento anche in colpa : Sad :

Scusate se non risponderò subito ai messaggi, leggo solo dall'ufficio
Leti
*‿*
 
Messaggi: 494
Iscritto il: martedì 30 marzo 2010, 13:05
Località: Milano
Figli: J.2008
G. 2012

Re: bambino dotato?

Messaggioda tuckberry » giovedì 21 novembre 2013, 13:43

Io penso che tanti bambini abbiano una naturale propensione a fare o non fare delle cose per rendere felici i genitori... non so se mi spiego correttamente... è un po' il discorso del bambino competente di Juul.
Personalmente però credo anche che ci siano altri due fattori che influenzano questa cosa, ovvero l'atteggiamento dei genitori e il carattere del bambino.

Sul primo punto, per capirci, penso a questo che hai scritto:

Leti ha scritto:Altro esempio, la sera è sempre un po' faticoso portarlo a letto e farlo smettere di giocare. Ieri gli ho detto, "è già molto tardi, domani mattina non volglio sentire una lagna perché hai sonno" . Beh stamattina mi fa mentre lo aiutavo a vestirsi "stamattina non ho neanche fatto una lagna anche se ho sonno"


è ovvio che la frase di tuo figlio è una conseguenza alla tua. Non intendo con questo dire che non si debba esprimere la propria disapprovazione, ma magari potresti provare a "far passare il messaggio senza il giudizio". Della serie "è molto tardi, se non vai a letto domani sarai stanco, avrai sonno... non è piacevole, no? dai che se andiamo a letto subito facciamo in tempo a leggere una storia!". Poi non so, vedi tu quale può essere l'espressione che può fare più al caso vostro...
Non dico sia sempre semplice, a volte siamo stanchi anche noi, giustamente!

Sul secondo punto, invece, sento un po' un riferimento personale e da quello dipende la risposta che ti sto scrivendo.Io sono sempre stata una bambina che voleva fare cose per rendere felici le persone a me care. Questo non significa che io fossi infelice e facessi tutto per forza... era proprio il mio modo di sentirmi felice! E' come quando si dice "la felicità dei miei figli è la mia felicità". A volte può valere anche in altre circostanze.
Sono così anche adesso, e credo che sia proprio il mio modo di essere, non credo sia frutto di "un'errata educazione" dei miei genitori.
Anche io mi sono sempre sentita bene ad essere "ligia alle regole" (per usare la tua stessa espressione): è una cosa che mi rende ordinata, serena, organizzata, stabile e tranquilla.
Non è detto che tuo figlio rinunci a se stesso. Forse è il suo modo di essere se stesso.
Scrivi che sei combattuta e che non sai se provare piacere, ma se il comportamento di tuo figlio fosse frutto solo di una forzatura esterna che lo rende infelice, credo te ne accorgeresti.
tuckberry
Collaboratore
 
Messaggi: 486
Iscritto il: giovedì 25 luglio 2013, 13:04
Figli: F1 11/2011
F2 03/2015

Re: bambino dotato?

Messaggioda Leti » giovedì 21 novembre 2013, 14:33

Grazie Tuckberry, mi hai un po' consolato :)
Spero ci sia una componente caratteriale in questo comportamento, in fondo anch'io sono un po' come te e mi piace rendere felice chi amo.

è ovvio che la frase di tuo figlio è una conseguenza alla tua. Non intendo con questo dire che non si debba esprimere la propria disapprovazione, ma magari potresti provare a "far passare il messaggio senza il giudizio". Della serie "è molto tardi, se non vai a letto domani sarai stanco, avrai sonno... non è piacevole, no? dai che se andiamo a letto subito facciamo in tempo a leggere una storia!". Poi non so, vedi tu quale può essere l'espressione che può fare più al caso vostro...
Non dico sia sempre semplice, a volte siamo stanchi anche noi, giustamente!


Infatti vari giudizi o minacce arrivano dopo molti tentativi!
E' proprio quando non c'è modo di convincerlo con le buone che arrivo a perdere la pazienza.
Pensa che certe volte mio marito lo prende per i piedi a testa in giù e lo porta in bagno, lui così si diverte perché gli piace, però per farti capire che a volte è proprio difficile non usare certe espressioni :culpa:
Leti
*‿*
 
Messaggi: 494
Iscritto il: martedì 30 marzo 2010, 13:05
Località: Milano
Figli: J.2008
G. 2012

Re: bambino dotato?

Messaggioda chiaraeanna » venerdì 22 novembre 2013, 10:59

Leti ha scritto:Altro esempio, la sera è sempre un po' faticoso portarlo a letto e farlo smettere di giocare. Ieri gli ho detto, "è già molto tardi, domani mattina non volglio sentire una lagna perché hai sonno" . Beh stamattina mi fa mentre lo aiutavo a vestirsi "stamattina non ho neanche fatto una lagna anche se ho sonno" :sob:



riprendo questo perchè anche a me succede. mia figlia è molto molto tenace e quando non vuole una cosa può diventare verament einsopportabile... anche io ho di queste uscite, vero che non mi piacciono, però onestamente provo anche ad arginare le lagne ... certo magari le uscite come quella sopra non sono il massimo, però cercare di contenere con frasi tipo "si lo so che è difficile che sei arrabbaita che questa cosa non la vuoi fare, però la dobbiamo fare lo stesso, cerchiamo di di aiutarci e non peggiorare la situazione" non vanno bene secondo voi? perchè, sarà anche l'età, ma mia figlia quando parte non la fermo più...
a questo proposito faccio anche una riflessione ulteriore, sulla scuola materna. avevo già scritto di la che mia figlia ha delle difficoltà, aggravate dal contesto che non accoglieva i suoi panti, tanto che era ancora più in crisi. ho davevro visto i suoi sforzi per non piangere, e ce la sta facendo, sta raggiungendo un suo abbiettivo... si tattiene è vero, però mi sembra anche contenta di questo risultato... posso vederci cmq qualcosa di buono in questa situazione secondo voi? certo avrei preferito modalità diverse... io non le dico mai che è brava se non piange, quando lei mi dice "sai mamma all'asilo non piango più" io le dico " lo vedo che sei felice e ti diverti"... le maestre invece le dicono che è brava... io non so se tutto questo percorse lei lo ha fatto per far paicere a qualcuno, a sensazione direi che lo ha fatto più per se stessa, però non ne ho la certezza...
chiaraeanna
 
Messaggi: 658
Iscritto il: giovedì 29 marzo 2012, 10:39
Figli: Anna 16.12.2010 e Camilla 01.12.2014

Re: bambino dotato?

Messaggioda migini » sabato 23 novembre 2013, 8:08

Io credo che il messaggio più importante sia quello che arriva dalla mamma. Se Anna riesce a non piangere a scuola ė perché ha elaborato le strategie per superare questo momento difficile e te vuol far sapere. Non credo che, visto anche ciò che hai raccontato del suo rapporto con le maestre, lo faccia per compiacere loro. N piange ancora nel momento del distacco. Qualche giorno fa mi ha detto che la maestra C non gli piace, mentre gli piacciono le maestre L e S. Quando gli ho chiesto perché mi ha risposto che la maestra C gli dice di non piangere, mentre le altre due lo consolano coccolandolo. Più chiaro di così! :-D
Per quanto riguarda la paura di dotare, che assale anche me, recentemente ho letto questa intervista a Juul che mi ha rasserenata. http://www.aduc.it/articolo/educazione+ ... _18777.php
E' un'intervista, quindi il pensiero di Juul può sembrare semplicistico ma ha placato un po' le mie ansie di mamma divisa tra le esigenze del suo bambino e quelle della vita familiare, con l'aggravante della paura di mandargli messaggi dannosi...
migini
 
Messaggi: 334
Iscritto il: domenica 20 maggio 2012, 14:21
Figli: N agosto 2010

Re: bambino dotato?

Messaggioda chiaraeanna » sabato 23 novembre 2013, 20:12

Grazie migini, credo che questo articolo dica molte verità...
chiaraeanna
 
Messaggi: 658
Iscritto il: giovedì 29 marzo 2012, 10:39
Figli: Anna 16.12.2010 e Camilla 01.12.2014


Torna a Alla scoperta del mondo (3-6 anni)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 3 ospiti