Sprechi e valore delle cose

Sprechi e valore delle cose

Messaggioda Franci.uk » domenica 5 settembre 2010, 14:40

Gli sprechi mi urtano molto. In casa mia, con la scusa della mancanza di tempo, si e' sempre sprecato tanto: cibo buttato, vestiti in eccesso (era il lavoro dei miei, quelli non mancavano mai) e spese superflue oppure affrettate. C'era un po' questa mentalita' di sostituire il tempo e l'attenzione con le cose materiali.
Mio marito odia pure gli sprechi, per ragioni diverse. La sua famiglia e' all'opposto della mia, hanno sempre speso molto al di sotto delle loro possibilita'. Noi non siamo all'estremo come i suoi genitori, ma di solito siamo molto oculati nelle nostre spese.

So che Valerio e' piccolo e non voglio fargli i discorsi "ci sono i bambini che non hanno da mangiare" che non mi piace neanche un po'. Ma spesso sono infastidita dai suoi sprechi. Fa le "sue" ricette, almeno 2-3 volte al giorno e cosi' mi svuota la dispensa. Va sul mobile della cucina, apre il frigorifero, si prende tutto il necessario. Giuro, spesso rido, perche' a volte le creazioni le travasa pure negli stampini da muffin o pirottini di carta, con qualche straripamento. Ma, quando come oggi, mi fa fuori 1 bicchiere di extravergine, caffe', tazze e tazze di latte, mi sale un nervoso!
Io gli ho detto che puo' usare gli ingredienti meno costosi, che puo' usare le spezie che sono piu' vecchiotte, spesso ascolta ma tante volte non faccio in tempo a girarmi che il danno e' gia' fatto.
Ha l'abitubine di intingere il cibo nell'acqua fredda, poi di sciacquarsi le mani. A volte con il latte...si versa magari un bicchiere di latte intero e poi non lo vuole piu'. E cosi' il cibo, non lo vuole, mi dice: butta.
Gli compo carta da disegno molto spessa e costosa, perche' penso che i bambini debbano disegnare su carta buona, pero' odio il fatto che usi 10 fogli in 1 minuto. Allora quelli li ho messi via per quando usiamo la pittura.
Ah, poi, le telefonate! Conosce il numero dei miei a memoria. E' capace di chiamarli anche 5 volte al giorno!

Io gli ho spiegato che le cose che abbiamo le dobbiamo comprare e che le possiamo comprare perche' papa' lavora tanto. Ora, io non voglio fargli scattare un senso di colpa dicendo quello, pero' vorrei fargli capire che le cose hanno anche un valore. Questa cosa mi preoccupa soprattutto adesso, quando/se comincera' la scuola, perche' proprio viviamo in un posto dove i soldi hanno un'importanza tutta relativa...per fortuna non vivremo qui per tanto tempo.
Come introdurre questi concetti senza far sentirlo sentire in colpa? Voi ne parlate? come affrontate la questione?

Valerio e' stato pure dolcissimo. L'altro giorno mi ha chiesto se andavamo in banca io e lui a prendere i soldini, cosi' papa' non doveva andare a lavorare e poteva stare a casa con noi :-D
Franci.uk
 
Messaggi: 419
Iscritto il: mercoledì 25 febbraio 2009, 10:27
Località: Principato di Monaco
Figli: Valerio 08 luglio 2007

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda mammafelice » domenica 5 settembre 2010, 15:58

Ciao, io non so se posso esserti di aiuto, perchè in questo sono molto diversa da te. Mio figlio pastrocchia finchè vuole, ma in giardino, con materiali "gratis".
Io non butto mai il cibo (a meno che ammuffito : WohoW : ), se il topo avanza metto da parte in frigo, se son cose che non gli son piaciute le finisco io al pasto successivo o si riciclano in ricette di avanzi.
Col cibo al massimo fa le pozioni: gioca con un bicchiere, acqua e poi mettiamo un po' di tutto quel che abbiamo sotto mano, ma proprio un goccino-ino. Oppure, da poco, aiuta me, ma senza che si debba buttare a parte il normale spreco per esempio di farina che sparpaglia un po' o cose così.
Da sempre, ma forse da prima che capisse, gli ho sempre detto che il cibo è per mangiare, ringraziamo il sole ela pioggia che fa crescere le piante. Se non vuole mangiare non mangia, ma il rispetto per il cibo l'ho sempre chiesto ugualmente.
Domanda stupida, ma quando ti dice "butta", da dove gli è venuto?
Se è abituato a vedervi buttare gli avanzi o le cose che non vi vanno più (mi riferisco a cibo o oggetti ancora funzionanti) allora è ovvio che non potrebbe capire perchè se lo fate voi va bene e se lo fa lui non sempre.
Scusa, ma all'idea di un bicchiere di olio evo buttato mi si rizzano i capelli :sob:
Non per una questione di soldi (ma in fondo anche fosse per quello non ci sarebbe nulla di male).
Per me è lo stesso per le luci, per esempio. O per far correre l'acqua. Per giocare va bene un po', poi gli ho sempre spiegato che non si può sprecare (acqua che diventa sporca e non si può più bere, elettricità che per averla si "sporca" l'aria come nei disegni dei barbapapa).
Ci sono tanti materiali di scarto o abbondanti che possono essere riciclati come gioco!
Per la carta lui disegna e tagliuzza sui fogli (già in carta riciclata : Wink : ) usati solo da un lato dal suo papà per lavoro.
Per pastrocchiare si approfitta di una bella passeggiata per riempire scatole e sacchetti di sabbia, terra, foglioline e semini, ecc.
Ma in fondo credo che su queste cose la cosa principale sia l'esempio dei genitori, solo così certe attenzioni vengono quasi in automatico senza che si debba imporre nulla, credo...
Scusate se sembro fissata, ma è che in realtà sull'ambiente lo sono : Chessygrin :
mammafelice
 
Messaggi: 30
Iscritto il: venerdì 6 agosto 2010, 13:49
Figli: Nicolò, 19 Febbraio 2007

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda FRA » domenica 5 settembre 2010, 20:08

pure a me non piace il discorso di farlo sentire in colpa sui bimbi che non ce l'hanno ecc. (però sull'acqua si, una volta gliel'ho detto, che ci sono alcune persone che hanno poca o niente acqua pulita da bere, quindi poteva riempire una bacinella ma non giocare con l'acqua corrente... a me dispiace troppo - io mi sento in colpa pure se lavo un panno a mano più volte ad acqua corrente che è potabile).
magari per il resto basta sottolineare che non si può usare tanto latte, olio e via dicendo per giocare perché sono stati comprati per bere /mangiare e fanno tanto bene e fanno crescere, altrimenti dopo che mangiamo? che beviamo a colazione? 'si vanno a ricomprare' sì, ma non è giusto lo stesso perché non servono a giocare, come i colori, il didò ecc. servono per nutrirsi e sono stati ottenuti con molto lavoro: il latte mungendo le mucche, l'olio spremendo le olive, lo zucchero lavorandolo ecc. (magari insistendo sui particolari: la mucca ha dovuto pascolare, poi essere munta e il latte bollito, pastorizzato, confezionato...), se mancano e non c'è tempo per ricomprarli poi si resta senza...
io pure altre cose, magari pericolose, che non volgio dargli, dico che non è una cosa per giocare e spiego il perché
FRA
Collaboratore
 
Messaggi: 2702
Iscritto il: mercoledì 23 dicembre 2009, 3:23
Figli: FU 20.10.2005

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda Danilo » domenica 5 settembre 2010, 20:47

Io cerco di limitare i danni.

Per i fogli di carta per i disegni a mano libera ho chiesto a mio cognato tipografo: non immagini quanta carta (stampata solo da un lato) buttano prima di andare in stampa, le dimnsioni vanno dagli A4 ai Bristol.

Per la stampante compro gli inchiostri e ricarico con la siringa (alla grande piace molto colorare), ogni tanto prendo le risme di carta per le stampe e le uso se mi sono finiti i fogli A4 di mio cognato.

Quando giocano con l'acqua corrente gli dico di non sprecare l'acqua che ci sono bimbi che non possono averla, idem con le cose.
Capita che srotolano il rotolo di carta igienica e si deve buttare ma pazienza.

Mi comporto in maniera diversa tra la grande 6 anni e il piccolo 3 anni cercando di far passare alla prima il messagio che le cose non si sprecano ma alla fine se chiede uno scotch completo da srotolare glielo prendo apposta per lei: costa una fesseria e non le faccio rimanere una "emozione" aperta ... almeno ci provo.

La bimba poi quando mia moglie fa qualcosa (ad esempio la pizza o i biscotti) partecipa alla preparazione: pare che le basti ... almeno per ora.
Danilo
 
Messaggi: 126
Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 8:20
Figli: Elisabetta 2004, Adelmo 2007

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda Franci.uk » domenica 5 settembre 2010, 20:50

mammafelice ha scritto:Se è abituato a vedervi buttare gli avanzi o le cose che non vi vanno più (mi riferisco a cibo o oggetti ancora funzionanti) allora è ovvio che non potrebbe capire perchè se lo fate voi va bene e se lo fa lui non sempre.
Scusa, ma all'idea di un bicchiere di olio evo buttato mi si rizzano i capelli :sob:


Se mi vede buttare qualcosa, sono solo gli avanzi. Perche' sprecare il cibo e' un grande no, no di questa casa.
All'olio, poi, ci tengo in particolar modo, e' pure l'olio che mi faccio venire dal mio paese di origine.

Purtroppo la possibilita' di pastrocchiare in giardino non ce l'abbiamo. Ma in casa la farina, il sale, bicarbonato, lievito e colori alimentari e colori vari non sono mai negati. C'e' sempre qualcosa in cantiere.

mammafelice ha scritto:Per la carta lui disegna e tagliuzza sui fogli (già in carta riciclata : Wink : ) usati solo da un lato dal suo papà per lavoro.


Io gli propongo vecchi giornali da tagliuzzare, ma la cosa non l'alletta. Ieri era tutto risentito perche' non volevo fargli usare 4 fogli da 180 g per fare un suo libro. Era il suo gioco! Voleva ripiegare i fogli a meta' e fermarli con l'adesivo. Peccato che poi non siano piu' riciclabili, nel senso che per disegnare non li vuole piu'.
A me piace che abbia carta bella per la pittura, questo proprio si', perche' fa tanta differenza. Mi sa che su questo saro' un po' piu' rompina.

FRA ha scritto:magari per il resto basta sottolineare che non si può usare tanto latte, olio e via dicendo per giocare perché sono stati comprati per bere /mangiare e fanno tanto bene e fanno crescere, altrimenti dopo che mangiamo? che beviamo a colazione? 'si vanno a ricomprare' sì, ma non è giusto lo stesso perché non servono a giocare, come i colori, il didò ecc. servono per nutrirsi e sono stati ottenuti con molto lavoro: il latte mungendo le mucche, l'olio spremendo le olive, lo zucchero lavorandolo ecc. (magari insistendo sui particolari: la mucca ha dovuto pascolare, poi essere munta e il latte bollito, pastorizzato, confezionato...), se mancano e non c'è tempo per ricomprarli poi si resta senza...


Fra, provero' a sottolineare molto il lavoro che ci vuole per produrli, perche' il poi si resta senza non sembra tangerlo per niente.
Franci.uk
 
Messaggi: 419
Iscritto il: mercoledì 25 febbraio 2009, 10:27
Località: Principato di Monaco
Figli: Valerio 08 luglio 2007

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda Emy » lunedì 6 settembre 2010, 0:31

Qualche volta è successo che i miei bimbi facessero pozioni, cerco di fargliele fare coi detersivi (non reattivi) saponi etc...perchè per le cose da mangiare, io ci tengo che non vadano sprecate.
Non credo sia dare un senso di colpa se dici che se usa le cose in un certo modo, non potrai più permettergli di usarle, ti prendi solo la tua responsabilità.In qualche modo puoi toglierle dalla sua portata?...ma non come una sfida...come un dato di fatto.
Mi dispiace molto a me quando si versano il lattd e poi lo lasciano li, dico loro:"la prossima volta cerca di versartene meno"
Emy
*‿*
 
Messaggi: 1661
Iscritto il: sabato 6 dicembre 2008, 2:02
Figli: S 2000 G 2002 D2004

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda Effi B. » lunedì 6 settembre 2010, 9:10

Ti capisco Franci. Condivido il tuo, e di tutti, dispiacere per gli sprechi.
E' uno di quei casi in cui sono un po' più rigida. Da una certa età in poi. Prima magari cercavo di distogliere, distrarre dal bidè (ma un po' di volte ha potuto anche fare le sue pozzette in bagno, lo ammetto).
Forse non tutti sanno che sei una cuoca professionista e che Valerio in questo ti segue. Non gli si può chiedere di cucinare con sabbia e sassi.
Anche io cucino molto con Carlo, ma facciamo sempre insieme. E sempre qualcosa che poi si mangia davvero. Forse potresti puntare la sua attenzione sul fatto che cucinare non significa fare esperimenti e pastrocchi da buttar via, ma creare qualcosa che poi si offre e condivide. Un bicchiere di olio non è necessario, ne basta meno. Se lui vuole solo pasticciare e non mangiare, allora cercate sì altri ingredienti. Un po' per volta. Magari distinguendo i giochi di pasticciamento da quelli culinari. Si va per tentativi.
Io comunque non mi risparmierei di chiedere gentilmente di non sprecare. E smetterei di buttare gli avanzi. Anche provare a farci qualcos'altro può diventare un gioco interessante. E così non gli dai più l'esempio che si buttano le cose (in questo mammafelice ha ragione).

Per la carta, anche da noi si usa fronte e retro. E pure io prendo dei bei fogli (mi piacciono quelli da 220 gr!) per le pitture. ovviamente ne vanno parecchi quando si tempera o acquerella, ma spesso riusciamo a usare anche il dietro pure lì, anzi, più pesanti sono e più lo consentono). Ma, se dopo 3 pennellate l'opera è computa, io lo lascio fare, il disegno è suo, è lui l'artista. Per colori a cera e pastelli ho preso blocchi a poco prezzo. Ottimi per i lavori a pennello i cartoncini, non importa il colore, perfetti quelli leggeri da imballaggio, tutto quello che si può recuperare dalle confezioni degli oggetti. Tengono il bagnato e fanno effetto quadretto. E poi a volte vano bene anche cartoncini già disegnati (vecchi calendari...) anche lì la creatività si sbizzarrisce a coprire quel che già esiste sul foglio.

Insomma, non credo ci sia niente di male a fargli capire un poco alla volta che le cose usate finiscono, che perché giungano a noi serve il lavoro di altre persone, come si generino, rinnovino ed esauriscano le risorse naturali. Per consolarti pensa che non devi avere troppa fretta: come in tutto sono cose che si imparano un poco alla volta. Magari oggi spreca un po' d'olio, ma nel resto della sua vita ne sprecherà meno di chi magari oggi la bottiglia dell'olio non può nemmeno toccarla, ma neppure ha qualcuno che lo aiuta a riflettere su quello che fa quando se ne serve. Un micropasso al giorno.

Un abbraccio,
Elisa
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 7757
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda mammafelice » lunedì 6 settembre 2010, 9:43

Elisa B. ha scritto:Anche io cucino molto con Carlo, ma facciamo sempre insieme. E sempre qualcosa che poi si mangia davvero. Forse potresti puntare la sua attenzione sul fatto che cucinare non significa fare esperimenti e pastrocchi da buttar via, ma creare qualcosa che poi si offre e condivide. Un bicchiere di olio non è necessario, ne basta meno. Se lui vuole solo pasticciare e non mangiare, allora cercate sì altri ingredienti. Un po' per volta. Magari distinguendo i giochi di pasticciamento da quelli culinari. Si va per tentativi.
Io comunque non mi risparmierei di chiedere gentilmente di non sprecare. E

Ecco, avrei voluto sapermi spiegare così bene io!
Quoto parola per parola: i pastrocchi col cibo per cucinare insieme e poi mangiare davvero. Gli altri pastrocchi con materiali diversi. A parte magari farina bianca che costa niente...
Però, anche se non avete il giardino, io la butto lì perchè sarebbe una bella esperienza secondo me: prendetevi una bella giornata d'autunno per andare a passeggiare in campagna (o al limite in un parco cittadino!) a caccia di materiali!
Mio figlio porta a a casa pure i sassi! Ma senza arrivare a cose così pesanti potete fare scorta di foglie colorate da incollare/ritagliare; terre di colori diversi; semini, rametti, ecc. Seconso me un'esplorazione del mondo alla ricerca di materiali è un'esperienza che vale la pena : Love :
mammafelice
 
Messaggi: 30
Iscritto il: venerdì 6 agosto 2010, 13:49
Figli: Nicolò, 19 Febbraio 2007

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda Nora » lunedì 6 settembre 2010, 10:24

Anche noi cuciniamo insieme e poi mangiamo, io doso gli ingredienti, loro possono: annusarli, toccarli, assaggiarli, mescolarli e versarli, con le manine pulite e con i loro attrezzi personali, se facciamo il pane loro danno la forma a 2 panini e poi se li mangiano, idem per le torte, hanno degli stampi piu' piccoli in cui mettono il loro impasto.
Non buttiamo niente, se vogliono giocare, facciamo i travasi con l' acqua del rubinetto e qualche goccia di colorante alimentare.

Anche noi ricicliamo i fogli di carta, li possono colorare da entrambi i lati e se desiderano li possono tagliare, poi abbiamo una grossa scatola con dentro tutti i rotoli di carta igienica e le scatole di cartone vuote, cereali, pasta etc, se li prendono e li colorano.

Ah io glielo dico eccome che c'e' gente senza cibo e senza acqua, spesso vediamo mendicanti per la strada, inutile negare la realta', sono problemi che esistono, non e' che voglio farle sentire in colpa e nemmeno ingozzarle, riempio sempre il piatto poco e caso mai poi ne' do ancora, ma non tollero di sentire dire" che schifo non lo mangio" se non l' hanno prima assaggiato, non so nemmeno dove l' abbiano sentito, anche se ho qualche sospetto, e' una frase veramente maleducata e irrispettosa verso il cibo, chi prepara e chi non ne ha.....
Nora
 
Messaggi: 869
Iscritto il: martedì 13 aprile 2010, 14:10
Figli: 2

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda katerpillar » lunedì 6 settembre 2010, 13:17

Mio figlio non dice che schifo ma la parola "assaggiare" l'abbiamo dovuta abolire dal vocabolario perché diventava immediatamente un NO :mrgreen:

Franci, io non so che dirti... mi pare che Elisa abbia spiegato bene. Però, forse perché al momento lui non è un grande amante dell'arte, noi per i disegni usiamo la carta riciclata della stampante (di quella ne abbiamo sempre tanta, tra capitoli di tesi non corretti, saggi da rivedere, ecc.).

Sul cibo, sarò snaturata io, ma visto che mio figlio mangia tipo uccellino capita spesso che avanzi e le cose gli vengano riproposte riscaldate. Questo anche perché noi compriamo tramite un gruppo d'acquisto e gli alimenti sono tutti di prima qualità (adesso si sta mangiando un piatto di tagliatelle bio cotte ieri e non fa una piega).

Buttare anche noi cerchiamo di limitare.

Giochi d'acqua li ho limitati al minimo e anche solo il problema della pipì nella doccia sotto l'acqua corrente mi metteva già in difficoltà "morale", fortuna pare stia passando : Chessygrin :

Insomma, sono sicura che troverai il modo. Anche l'idea di usare cartoncini già scritti per stimolare creatività aggiuntiva non mi pare per niente male ;)
Avatar utente
katerpillar
*‿*
 
Messaggi: 3493
Iscritto il: venerdì 19 marzo 2010, 12:04
Figli: Uno (Ago2007)

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda Franci.uk » lunedì 6 settembre 2010, 13:20

Elisa B. ha scritto:Forse non tutti sanno che sei una cuoca professionista e che Valerio in questo ti segue. Non gli si può chiedere di cucinare con sabbia e sassi.
Anche io cucino molto con Carlo, ma facciamo sempre insieme. E sempre qualcosa che poi si mangia davvero. Forse potresti puntare la sua attenzione sul fatto che cucinare non significa fare esperimenti e pastrocchi da buttar via, ma creare qualcosa che poi si offre e condivide. Un bicchiere di olio non è necessario, ne basta meno. Se lui vuole solo pasticciare e non mangiare, allora cercate sì altri ingredienti. Un po' per volta. Magari distinguendo i giochi di pasticciamento da quelli culinari. Si va per tentativi.


E si', certo che si cucina assieme, per mangiare!

Ieri abbiamo fatto assieme la sfoglia per i ravioli cinesi in brodo, i wonton. Eccolo, dopo aver spolverato il tavolo di amido : Chessygrin : Mi sono anche un po' arrabbiata, perche' ci e' andato cosi' pesante che quasi quasi non mi bastava per passarci le sfogliette.

http://flic.kr/p/8yyKji

Comunque, sugli ingredienti per i suoi pastrocchi abbiamo raggiunto un accordo.
Gli preparo una scatola apposta. Ci mettero' la farina speciale che giace in dispensa da una vita che stava per prendere la via della spazzatura, le spezie che hanno perso profumo e ho deciso di conservare e filtrare l'olio delle fritture, perche' lo possa usare liberamente.

Elisa B. ha scritto:E smetterei di buttare gli avanzi. Anche provare a farci qualcos'altro può diventare un gioco interessante. E così non gli dai più l'esempio che si buttano le cose (in questo mammafelice ha ragione).


Mi sono espressa male. Avanzi si buttano molto di rado, solo bucce o poco piu'. Io riciclo di tutto. Anche con le ossa avanzate faccio il brodo.
Ma di sicuro una cosa avanzata, Valerio non la mangia piu'. Anzi, in questo periodo il cibo e' diventato un po' un cruccio, spero solo che sia una fase di passaggio...ormai mangerebbe solo yogurt (che ci facciamo in casa, noi due), biscottini e frutta. Eppure e' cresciuto assaggiando, mangiando e manipolando tutto il cibo possibile ed immaginabile.

mammafelice ha scritto:Mio figlio porta a a casa pure i sassi!


Abbiamo sassi, a volte macigni : Chessygrin : , in giro per casa. Foglie, fiorellini, rametti, ecc.

La creativita' non gli manca neanche un po', mi sembra solo che non basti e si annoi velocemente.
Ultima modifica di Franci.uk il lunedì 6 settembre 2010, 14:42, modificato 1 volta in totale.
Franci.uk
 
Messaggi: 419
Iscritto il: mercoledì 25 febbraio 2009, 10:27
Località: Principato di Monaco
Figli: Valerio 08 luglio 2007

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda mammafelice » lunedì 6 settembre 2010, 14:34

Bellissimo :clap: : Love :
Bè, mi sembra che hai trovato un'ottimo modo per andare incontro alla sua creatività!
Magari, leggendo il tuo ultimo post, è solo un periodo così col cibo, passerà. Anche il topo mi ha fatta dannare a volte, ma ora son convinta che fintanto che le cose che mangiano sono sane, anche periodi "monotoni" non fanno male. Magari il loro copro ha bisogno così, a volte!
mammafelice
 
Messaggi: 30
Iscritto il: venerdì 6 agosto 2010, 13:49
Figli: Nicolò, 19 Febbraio 2007

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda danipa75 » lunedì 6 settembre 2010, 14:42

una cosa al volo sull'acqua....
a giugno abbiamo installato il condizionatore e il tecnico non mi ha collegato lo "scarico" alla grondaia dicendo che così potevo riutilizzare l'acqua della condensa...bhè ne fà tantissima e di solito finisce nello scarico!!! invece è acqua pulita, non potabile ma pulita!!! così questa estate tutti i giochi d'acqua gli abbiamo fatti con l'acqua della condensa del condizionatore, e dire che l'ho tenuto acceso poco forse 10 gg in tutto e solo per un paio di ore al giorno :shock: :shock:
se ne avete uno pensateci.....
"Ma era quello il tempo migliore della mia vita, e solo adesso che mi è sfuggito per sempre, solo adesso, lo so".
Natalía Ginzburg
Daniela+3
Avatar utente
danipa75
*‿*
 
Messaggi: 1803
Iscritto il: mercoledì 29 ottobre 2008, 16:10
Località: Pesaro
Figli: E.06 J.08 N.11 E.15

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda luna » mercoledì 6 novembre 2013, 14:07

qui c'è il "problema" che ci arrivano tonnellate di vestiti, libri e giochi, dati proprio a pacchi.
io cerco di stoppare l'arrivo massiccio, per farle godere le cose singole, ma la maggior parte delle volte non è possibile.
avete presente le palline da 1 Euro con dentro il personaggino? ci sono arrivati quasi 100 personaggini tutti in una volta... li ha guardati e usati molto meno della stitica pallina appena comprata.
Vero che ha come se fosse 5 bambine, ma comunque ha diritto di avere desideri e cose sue scelte da lei... e quindi ogni tanto le comprio qualcosa.
Però così è veramente sommersa di cose, fatico a passarle il concetto del denaro, del rispetto delle cose.
Ha tolto i brillantini ad una maglietta e io le ho spiegato che dovevamo restituirla intatta e lei ha pianto perchè gliene comprassi una a lei perchè la potesse sbrillantinare...
1) non rispetto per le cose
2) non consapevolezza della fortuna ad avere tante e tanto belle cose
3) richiesta di altro
4) desiderio di altro per poterlo non rispettare
Ecco, da cosa comincio?
non voglio che cresca nella cultura del sacrificio, ma neanche dello spreco... mi piacerebbe che abbia rispetto per le cose e del valore delle cose
luna
 
Messaggi: 529
Iscritto il: mercoledì 3 marzo 2010, 21:44
Figli: 2/2008 - 9/2014

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda esmeralda » mercoledì 6 novembre 2013, 14:43

Io vorrei non averla fatta con mio figlio una operazione del genere.
Mi mangio ancora le mani. :culpa: :culpa:
Si è fissato con i soldi e con il risparmio e alle volte è davvero indisponente su queste cose.
E si che potevo aspettarmelo eh, visto il tipo : WallBash : : WallBash : : WallBash :

Quanto al rispetto delle cose... beh... lui ha sin dalla culla la fissa che le cose non si sciupino. E' appena- appena un po' "migliorato" adesso... comunque si, decisamente potevo aspettarmelo :sob: :sob:
esmeralda
 
Messaggi: 2185
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda Effi B. » mercoledì 6 novembre 2013, 15:37

luna ha scritto:1) non rispetto per le cose
2) non consapevolezza della fortuna ad avere tante e tanto belle cose
3) richiesta di altro
4) desiderio di altro per poterlo non rispettare


1) Sei sicura che staccasse i brillantini perché non rispettava l'oggetto?
4) Sei sicura che desiderasse non rispettare un oggetto suo?

A me viene in mente che voleva personalizzarsi la maglietta. Magari quei brillantini non le piacevano tanto e/o le è piaciuto staccarli (maneggiarli, pensare di farci altro...) e/o ci teneva all'idea di poter avere come sua in modo definitivo una cosa su cui aveva lavorato, lasciato il suo segno, fatta sua in modo creativo...

3) Il centinaio di regalini da pallina le piacevano? Erano troppi o proprio di suo non li avrebbe chiesti? Magari la opprime che le cose non le ha scelte lei e le arrivano così abbondanti. Puoi fare da filtro? Forse chi li dona ha bisogno di un riscontro da parte sua, ci tiene a farla contenta? Può pensare di farci quello che vuole, anche regalarli o manipolarli come le pare?

4) Qui mi pare che potrebbe essere che semplicemente desidera cose che le piacciono scelte da lei. E' difficile per un bambino dominare questo impulso. Pure noi magari ci adattiamo a qualcosa che ci viene donato e non avremmo scelto però potrebbe rimanerci il desiderio di aver potuto avere qualcosa di solo nostro che fosse preso proprio per noi secondo il nostro gusto o anche solo l'estro del momento.

Mi aiuti a vederla meglio in queste situazioni? E mi racconti come ti senti tu? Come ti pare di essere oggi rispetto al passato? Quello che vorresti e che ti sembra ora più importante?

Un abbraccio
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 7757
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda luna » mercoledì 6 novembre 2013, 15:48

Dice Effi: "Magari la opprime che le cose non le ha scelte lei e le arrivano così abbondanti. Puoi fare da filtro? Forse chi li dona ha bisogno di un riscontro da parte sua, ci tiene a farla contenta? Può pensare di farci quello che vuole, anche regalarli o manipolarli come le pare?"
Vestiti e libri e giochi possiamo usarli ma poi dobbiamo restituirli...

Accortami che si sentisse limitata dal fatto di non poter disporre delle cose perchè non sue, le ho detto che le cose sue poteva personalizzarle.
E così ha tagliato i capelli alle bambole e ai pelusches. Io le ricordo che non ricrescono, lei ne è consapevole e gioca contenta con le bambole pelate

Ma, anche se la maglia è sua, non trovo giusto che la "rompa".
Va bene usarla per metterla alle bambole, regalarla all'amichetta mignon, tenerla per il fratellino : WallBash : , usarla come mantello...
Ma togliere i brillantini è "romperla". Non è che non ha brillantini con cui fare artcraft!

Raccolgo il tuo imput e le darò a disposizione delle maglie semplici da personalizzare... immagino il peso di aver un armadio enorme ma non proprio ...

Rimane che, avendo tantissimo, non si renda conto del concetto di "tenore di vita". Lei ha tanto e abbiamo benefits perchè parenti di... quando si renderà conto che la nostra famiglia a 3 non potrebbe avere tale tenore di vita si prenderà un colpo
Vorrei dare alle cose il giusto valore...
luna
 
Messaggi: 529
Iscritto il: mercoledì 3 marzo 2010, 21:44
Figli: 2/2008 - 9/2014

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda mamazaba » mercoledì 6 novembre 2013, 17:05

mi sembra un concetto molto difficile per un bambino, quello del tenore di vita. conosco anche qualche adulto che non si rende conto della fortuna che ha ad avere un certo tipo di possibilita`...
anch'io ho ragionato molto sul concetto di rovinare (versus personalizzare) e credo che il gesto di staccare i brillantini implichi anche altro.. mia figlia si diverte molto proprio nell'atto di staccarli, deve essere qualcosa di atavico, ci prova soddisfazione...

io comunque non prendo piu` cose da restituire, era una sofferenza, preferisco meno cose ma che possa farne cio` che vuole.
Avatar utente
mamazaba
*‿*
 
Messaggi: 2044
Iscritto il: martedì 13 ottobre 2009, 13:02
Figli: zaba 2008

Re: Sprechi e valore delle cose

Messaggioda Effi B. » mercoledì 6 novembre 2013, 19:56

Però Luna è pesante questa cosa della restituzione. A me è successo e non ho faticato solo perché sapevo che si poteva anche rovinare e che la restituzione era in programma per passare ad altri. Però alla fine preferisco quando eredito per tenere o decidere io che cosa fare poi. E' un peso per me, figuriamoci per loro.

Non voglio discutere i patti che avete tra chi provvidenzialmente condivide con voi (cosa che a me piace tantissimo perché i vestiti per bambini fino a una certa età davvero non si fa tempo a usarli come si deve e lo spreco di risorse mi spiace sempre), ma che fatica! Ma i brillantini sulle magliette le piacciono? Ad esempio io, che soffro di una fastidiosa frustrazione di fronte a certi deliziosi vestitini da femmina, i brillantini non li amo.
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 7757
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009


Torna a Alla scoperta del mondo (3-6 anni)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron