non sopporto piu' allattare

Come affrontiamo tutti i giorni l'impegno di essere dei genitori consapevoli e onesti? Discutiamo delle nostre difficoltà, riflettiamo sui nostri piccoli e grandi dubbi quotidiani, cerchiamo insieme in che modo possiamo trasformare i problemi che incontriamo in un'occasione per diventare persone più coerenti ai valori che hanno a cuore.

non sopporto piu' allattare

Messaggioda francesca78 » venerdì 3 dicembre 2010, 11:51

Non so dove mettere questo perche' li allatto entrambi 2 e 4 anni. Periodicamente mi viene questo. SO che molto e' legato al sonno. Io veramente non sopporto piu' di sentirmeli attaccati. Con cecilia ho messo dei limiti (3 ciucciate al giorno), che spesso non sono 3 ma aumentano.
La mia storia di allattamento e' complicata.
Cominciata maluccio (come tante) per 3 mesi mi faceva male allattare, anche se non avevo sintomi evidenti se non il dolore. Mia mamma mi diceva prima che io partorissi quanto sarebbe stato bello allattare. Io mi chiedevo "bello dove?" poi, dopo avere inserito i paracapezzoli, che non volevo usare perche' avevo paura di smettere, ho cominciato a stare meglio e l'allattamento ha preso il via bene (sottolineo che il pediatra a cui mi sono rivolta per il male al seno mi fa: non si vede niente, non ti deve fare male... e io mi sento molto incapace, ora mi viene tanto da mandarlo a fare un giretto da qualche parte). Dopo poco ho tolto i paracapezzoli. Tutto bene a quel punto, allattamento a richiesta (molto richiesto) e mi sento bene, supero i cali di latte (o aumenti di richiesta) con convinzione nonostante le indicazioni di pediatri, suocere e amici, genitori di passare all'aggiunta, ma non mi toccano, ne sento il bisogno di difendermi, mi sento sicura.
Poi comincia la crisi (un anno...) perche' le notti si accumulano, andrea poi da sempre mi si oppone all'allattamento, se gli altri non li ascolto tranquillamente con lui e' un problema. Comunque provo a togliere il latte di notte, non ce la faccio (non voglio). Tra alti e bassi arrivo ai 15 mesi, tolgo il latte di notte. e comincio a cercare di orientare le ciucciate giornaliere. Ai 23 mesi cecilia si "svezza da sola", nel senso che lei decide di lasciare le ultime ciucciate, ma io comunque avevo orientato, nel senso che provavo ad offrire altro. Sono convinta che questo sia stato anche per il fatto che il latte era molto diminuito durante quel periodo della gravidanza. Lei comunque si attacca ogni tanto e io non dico di no.
Nasce niccolino e ricomincio. tutto bene (nonostante le ragadi sanguinanti riesco ad attaccarlo bene e non mi fa male, mi stupisco). dopo otto mesi cecilia, che forse provando a ciucciare non riusciva a trovare il latte a quel punto lo riscopre, rivuole ciucciare frequentemente. non so cosa fare, ho paura di non farcela. le dico che non voglio. dopo un mese stessa situazione decido di ricominciare chiedendo ad andrea di non interferire (che pero' e' anche molto cambiato quindi non e' piu' contrario all'allattamento). tutto bene, ma questa estate mi ritrovo nella rituazione di essere costantemente con la tetta fuori, di giorno e di notte. non lo sopporto proprio fisicamente e mi capita di rifiutare cecilia malamente, mi dice "mamma perche' mi mandi via?". decido di mettere i limiti. Mi sento meglio, nel senso che non le rispondo male riesco a prendermi tutta la responsabilita' della cosa e vedo che anche lei accetta la cosa.
In questo momento veramente non li sopporto, soprattutto niccolino in realta', che vuole ciucciare continuamente, di giorno e di notte. Non so come fare, non so cosa fare, mi sento che non so gestire questa cosa, mi sento incapace e cattiva perche' a volte proprio non li sopporto attaccati a me, mi infastidisce proprio fisicamente. E so che questa cosa e' molto molto legata al sonno. se le richieste notturne fossero inferiori e piu' brevi sopporterei il tutto meglio, ma cosi' mi sento in gabbia (sensazione che avevo provato con cecilia a un anno e espresso proprio con questi termini...)
francesca78
*‿*
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: mercoledì 30 settembre 2009, 16:11
Figli: due figli

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda francesca78 » venerdì 3 dicembre 2010, 12:06

specifico che io non mi pento di avere ricominciato ad allattare cecilia, ne di avere dato a niccolino il latte quando lo richiedeva sempre anche di notte. Io credo che l'allattamento assieme, le ciucciate condivise li abbia aiutati molto nel loro rapporto e ha aiutato me. e' che veramente faccio fatica a sopportare questa intensita'
francesca78
*‿*
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: mercoledì 30 settembre 2009, 16:11
Figli: due figli

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda Leti » venerdì 3 dicembre 2010, 15:03

cara francesca,
anch'io spesso provo gli stessi sentimenti...e ne ho solo uno!
Non ho grossi consigli da dare, anzi spero di leggere presto le risposte che seguiranno, ti mando un abbraccio di solidarietà ;)
Leti
*‿*
 
Messaggi: 494
Iscritto il: martedì 30 marzo 2010, 13:05
Località: Milano
Figli: J.2008
G. 2012

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda prizia73 » venerdì 3 dicembre 2010, 15:08

Cara francesca non sono quì a darti consigli, perchè sei una mamma di due e di sicuro ne hai passate più di me. Una cosa però non posso non notare, c'è sempre una crisi dopo il primo anno, ne ho lette tante e la sto sperimentando in prima persona.
Anche a me manca il sonno e questo mi fa spesso sragionare e per quanto mi ripeta come al solito che tutto è una fase passeggera a volte sembra proprio che questo ritornello non funzioni.
Allora ti do il solito suggerimento: un incontro con LLL, dove puoi trovare altre mamme faccia a faccia (certo anche quì sul forum trovi tante mamme e calorose e disponibili, ma magari parlare a tu per tu può darti un sostegno diverso)e sentirne davvero tante e diverse (io non pensavo di trovare proprio lì mamme che non allattano per scelta), dove puoi dire ancora come ti senti e dove puoi dare una dimensione meglio inquadrata al tuo problema. Poi dopo esserti presa questo tempo prenderai la tua decisione più convinta e serena, non sono scelte che si fanno di botto o sull'onda di una crisi di stanchezza. E secondo me sono scelte da condividere con i tuoi figli, in modo da soddisfare tutti, si può fare. Spesso ho sentito dire che è proprio questo il momento in cui il papà entra in azione, iniziando a 'sollevarti' nei momenti in cui hai bisogno e prendendosi cura dei bimbi, in modo che non si sentano allontanati.
Avatar utente
prizia73
 
Messaggi: 411
Iscritto il: mercoledì 18 agosto 2010, 13:55
Figli: A. 03.09.2009
B. 14.05.2012

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda francesca78 » venerdì 3 dicembre 2010, 15:49

Vi ringrazio per l'appoggio. Vorrei dirvi che non e' perche' avete un solo figlio che le vostre esperienze valgono meno, magari avete modi di vedere le cose che mi possono aiutare. :)
Ci tengo a precisare che io non ho voglia di smettere di allattare, non e' questo, o meglio ci sono momenti in cui sono proprio irritata e vorrei non allattare> pero' quello che mi pesa e' il non dormire (e credo proprio che la mia carenza di sonno ultimamente si stia facendo sentire proprio tanto), e le richieste continue di allattamento, e il fatto che se dico "rimandiamo, ora no" non c'e' una volta che venga accettato, sembra veramente che sia un rifiuto a loro come bambini (con cecilia comunque tutto e' piu' discutibile), non riesco a trasmettere che sono io che non ce la faccio, che non e' che pensi che loro sono sbagliati, ma mi pesa allattare di malavoglia. SO che loro hanno il diritto di non accettare perche' io voglio, ma e' difficile lo stesso.
Avevo provato a contattare le consulenti LLL una settimana fa, ma non ero riuscita, ora ho provato ad iscrivermi ai gruppi di discussione.
francesca78
*‿*
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: mercoledì 30 settembre 2009, 16:11
Figli: due figli

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda Emy » venerdì 3 dicembre 2010, 16:07

Comprendo bene il senso di gabbia, devi sentire cosa ti dice questa sensazione....in che direzione ti puoi ampliare, o in che direzione puoi aiutare te stessa a "mettere tutto a posto".
Senti probabilmente un disequilibrio, o senti molta pressione da parte di quelli che ti circondano, che ti fa sentire pressata da una parte e pressata dall'altra.
Non so forse hai bisogno di staccare e forse chi ti critica di più dovrebbe avere la responsabilità di aiutarti a staccare un attimo. tanto facile è parlare.
Poi magari avrai tante poppate come quelle di prima, ma è il senso, lo spazio interno che sarà rinnovato e non ti peserà più tanto.
Non sei tu che puoi pensare di allontanare i tuoi figli...questa è la responsabilità di chi ti sta intorno, tu puoi solo lasciarli andare.
Perchè altrimenti è molto faticoso, nello stesso tempo dovresti essere l'interesse esterno e il nido interno....e questo è molto difficile.
Emy
*‿*
 
Messaggi: 1661
Iscritto il: sabato 6 dicembre 2008, 2:02
Figli: S 2000 G 2002 D2004

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda Roberta » venerdì 3 dicembre 2010, 16:44

so che ti dico una cosa scontata ma se provi a togliere il seno la notte, non è detto che Nicolino dorma di più. Però le alternative le conosci solo tu, nel senso che tu sai quanto bisogno abbiano di poppare. Io non ricordo se lavori, se loro vanno alla materna e nido, ma tutto ciò poi influisce sulle poppate notturne, durante le quali loro si "rifanno" del tempo perso e l'anno è proprio un momento cruciale, dalle mamme che ho incontrato, ho visto proprio che sono altalenanti, sembra che riduchino le poppate per poi aumentarle, almeno fino ai 18/24 mesi. Poi ci sono i bimbi più collaborativi e quelli meno. Però io ogni volta che ero in crisi e vedevo che cmq è tutto normale, mi consolavo un po' e trovava ancora un briciolo di carica :abbraccione
Non esiste una strada verso la felicità. La felicità è la strada
Avatar utente
Roberta
*‿*
 
Messaggi: 1578
Iscritto il: giovedì 28 maggio 2009, 21:58
Località: Genova
Figli: M. febbraio 2008
E. agosto 2011

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda francesca78 » venerdì 3 dicembre 2010, 17:08

ma forse l'equilibrio e' precario complessivamente. Io non mi sento tanto tesa normalmente, ma se penso alla nostra situazione lavorativa, e al fatto che potrebbe essere che tra qualche mese dobbiamo ripartire, e ad altre cosucce che non sono proprio cosucce, forse la tensione da qualche parte si scarica.
Se vedo i miei bimbi li vedo proprio bene, entrambi. Cecilia e' a mille (il periodo negativo con me pare passato, cosi' come e' venuto), Niccolino sta bene, sta molto di piu' senza di me, ma mi chiede tanto sul piano sonno e ciucciate. Non lavoro attualmente, sono sempre con lui, piu' o meno, e se lo lascio sta con mia mamma o suo papa' con i quali sta proprio benone. Io credo anche che lui senta la mia resistenza a volte nell'allattarlo e questo gli fa chiedere di piu'. Poi comunque deve dividersi con sua sorella e ha il bisogno di venire rassicurato che io ci sono per lui. Ieri mi diceva che le "cecce" sono tutte sue...
Devo dire che mi sento aiutata per quello che e' possibile da chi mi sta attorno. Le critiche non ci sono piu', o io non le ascolto. Andrea si e' offerto piu' volte di dormire lui con Niccolino, o per togliere il latte o per lasciarmi riposare una notte ogni tanto. A me viene male all'idea di lasciarglielo perche' so che piangerebbe come un disperato. Con Cecilia e' accaduto questo e non voglio ripeterlo. Pero' so che anche stare con me, e sentire che reagisco con nervosismo o gli dico proprio "lasciami dormire" non gli fa tanto bene.
Forse e' tutto fisiologico, forse tutto dipende da tensioni sotterranee (o rimandate piu' che sotterrate). Pero' fa proprio bene parlarne. Riporta il tutto a un livello piu' razionale e io ne ho bisogno a volte. Ho anche l'impressione certe volte che i momenti di sconforto (come quello che avevo avuto rispetto a Cecilia) siano molto legati al mio periodo metruale, il che non sarebbe molto strano. Parlarne mi aiuta anche a ridimensionare, a trovare il contesto. Vi ringrazio tanto :) Vi ascolto
francesca78
*‿*
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: mercoledì 30 settembre 2009, 16:11
Figli: due figli

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda river » venerdì 3 dicembre 2010, 17:23

francesca78 ha scritto:...Ci tengo a precisare che io non ho voglia di smettere di allattare, non e' questo, o meglio ci sono momenti in cui sono proprio irritata e vorrei non allattare> pero' quello che mi pesa e' il non dormire (e credo proprio che la mia carenza di sonno ultimamente si stia facendo sentire proprio tanto),


lo speravo che fosse < solo >uno "sfogo" che comprendo perche' in parte l'ho vissuto anch'io ma per un breve periodo per fortuna.
Il fatto e' che adesso - forse l'ho gia' detto altrove - sicuramente perche' dormiamo insieme, (non so magari anche tu?) mentre riesco a continuare a dormire mentre lui poppa e idem lui non credo si svegli del tutto.
Immagino che anche le condizioni nelle quali ognuno riesce a dormire non siano uguali per tutte...

Insomma spero che "passi presto" e anche se e' una magra consolazione sapere che un giorno avremo nostalgia di questi risvegli e delle poppate magari puo' sollevarci ... :)

suppongo anche che io avrei continuato a voler essere allattata mentre al mio 6 mese gia' mia madre aspettava la terza... forse ho gia' scritto anche questo ma non lo ritrovo: quando lei poi allattava la nuova nata io "dovevo per forza" tenere almeno la sua mano...vabbe' questo mi e' venuto in mente pensando a Cecilia :)

comunque il fatto di mettere dei limiti anche li, senza che come ti hanno scritto ti venga in aiuto qualcuno magari fa venire "ancora piu' voglia"...

un :abbraccione
"Ma soprattutto non sappiamo ancora quale aspetto potrebbe assumere il mondo, se i bambini potessero crescere senza subire umiliazioni, se venissero rispettati come esseri umani e presi sul serio dai loro genitori." (A. Miller)
Avatar utente
river
*‿*
 
Messaggi: 1314
Iscritto il: giovedì 28 ottobre 2010, 16:36
Figli: M 10.2009

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda mamazaba » venerdì 3 dicembre 2010, 19:08

francesca, tutta la mia solidarietà!
conosco bene quella sensazione di "non farcela", proprio fisicamente , a darle la tetta da ciucciare,e in più il senso di colpa perchè so che è una cosa mia, un mio bisogno, di ricevere nel momento in cui invece mi viene chiesto di dare ...
secondo me ci viene chiesto tanto, siamo chi più chi meno "sole" a fare un lavoro di molti, e abbiamo il nostro bagaglio di bisogni irrisolti da portarci dietro ...
parlarne, leggere delle crisi delle altre, a me aiuta tanto, anche a sentirmi meno in colpa ( che poi è assolutamente inutile)
e se poi troverai che l'unico modo è smettere, chi può biasimarti ? hai dato tanto e continuerai a farlo anche senza l'allattamento. però come dici tu il punto non è quello, ma la stanchezza ...
l'unico suggerimento che mi viene è di pensare a qualcosa, qualsiasi cosa, che ti faccia riposare di più. prova, sperimenta ...
per me ad esempio è molto importante il primo sonno, allora andando per tentativi siamo arrivati alla soluzione che le sere che mi sento "predisposta" a dormire presto ( che non è ogni sera! ) io vado a letto e pensa a tutto il papà. quando nina è "cotta" me la porta per l'ultima ciucciata ( sennò non si addormenta :) ) ma di solito non mi sveglio proprio del tutto. questo mi permette di sopravvivere, ma sai le volte che mi sono trovata a dire "io smetto!" ... poi mi passa :imbarazzo:
Avatar utente
mamazaba
*‿*
 
Messaggi: 2044
Iscritto il: martedì 13 ottobre 2009, 13:02
Figli: zaba 2008

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda erica » sabato 4 dicembre 2010, 9:30

ehi francesca, ci sono anch'io, anche se emiliano non ciuccia più. Però quando li porto a dormire e io sto girata verso giordano a dargli la tetta emiliano vuole tenere i piedi dentro i miei pantaloni e mi stanno tutti e due appiccicati e anche durante la notte giordano vuole, anzi pretende la tetta mille volte e a volte si sveglia emiliano e pretende che io mi giri da lui e anche io mi sento come dici tu e proprio sbotto e li allontano tutti e due ma poi mi rendo conto che loro sono mezzo addormentati e in realtà non pretendono niente, vogliono solo sentire la loro mamma vicina e allora penso che se dovesse succedere qualcosa di brutto a loro io mi pentirei per la vita di non essere stata lì con loro in quel momento e così mi calmo e mi rimetto giù....poi se penso di smettere di allattare mi spavento per la fatica che dovremmo comunque fare e il brutto periodo passa e mi ritrovo con giordano che ciuccia la tetta e emiliano che si siede vicino a me a coccolarsi e mi sento felice e orgogliosa...
Per alleviare la stanchezza a me è utile fare un sonnellino dopo pranzo quando giordano dorme e mentre emiliano gioca per i fatti suoi. Inoltre mi sento decisamente rinata da quando vanno tutti e due a scuola dalle 9 e 30 all'1 e 30, così io ho tempo solo per me...
ciao cara
erica
 
Messaggi: 229
Iscritto il: giovedì 13 maggio 2010, 20:10
Figli: Figlio1 29.12.2006
Figlio2 12.3.2009
Figlio3 24.10.2012

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda francesca78 » sabato 4 dicembre 2010, 15:17

vi ringrazio tutte :abbraccione
francesca78
*‿*
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: mercoledì 30 settembre 2009, 16:11
Figli: due figli

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda melidi7 » sabato 4 dicembre 2010, 19:41

francesca78 ha scritto:...Andrea si e' offerto piu' volte di dormire lui con Niccolino, o per togliere il latte o per lasciarmi riposare una notte ogni tanto. A me viene male all'idea di lasciarglielo perche' so che piangerebbe come un disperato. Con Cecilia e' accaduto questo e non voglio ripeterlo. Pero' so che anche stare con me, e sentire che reagisco con nervosismo o gli dico proprio "lasciami dormire" non gli fa tanto bene.
Forse e' tutto fisiologico, forse tutto dipende da tensioni sotterranee (o rimandate piu' che sotterrate). Pero' fa proprio bene parlarne. Riporta il tutto a un livello piu' razionale e io ne ho bisogno a volte. Ho anche l'impressione certe volte che i momenti di sconforto (come quello che avevo avuto rispetto a Cecilia) siano molto legati al mio periodo metruale, il che non sarebbe molto strano. Parlarne mi aiuta anche a ridimensionare, a trovare il contesto. Vi ringrazio tanto :) Vi ascolto


francesca, preciso subito: non ho mai fatto il tandem....ma ho allattato 7 bambini, per 22 anni e mezzo di seguito...credo che ti posso compatire, che dici? ;)

quando tu dici "forse è tutto fisiologico" potrei dirti, che sarà anche vero, ma...credo che sta molto molto di piu nel profondo del nostro psiche questi disagi di "tolleranza/accettanza" con l'allattamento. ho provato con il mio terzo figlio, un "stufìetà" in extremis che non ho mai piu provato dopo ne prima. era un maschio, dopo 2 femmine...non so se conta, te lo butto li. non ho ancora capito se è significante...credo che per me era piu un..."MA basta, sono 7 anni che allatto che non dormo dritto" che mi suonava costantamente in testa. una specie di rugna (si dice?)...mi compativo e mi rendeva irritabile e non sopportavo piu allattare, e piu sentivo così, piu lui ci si aggrappava a me (lui non ha cominciato a camminare fino a 19 mesi).
ma la verità è che anche con altri (tutti tranne il sesto e settimo :roll: ) avevo momenti di non sopportare piu l'allattare attorno i 2 anni...e mi domando,(e mi sono sempre domandato) forse abbiamo dei blocchi culturali che sono annidiati dentro di noi che scattano ogni tanto? blocchi verso donarsi così pienamente? verso l'allattamento "prolungato"?

è difficile dirlo, ma ho notato che con gli ultimi due questa intolleranza non mi è mai scattato: credo che conta molto poterlo sviscerare consciamente...ma forse piu di tutto, serve allattare tanti bambini, LOL :rotfl: :marameo: :birra:
tu scrivici, sviscera:
che sensazioni hai fisicamente quando ti senti di non sopportare piu?
descrivi il momento, (osservazione), come di senti (fisicamente), cosa senti (emotivamente) e poi cerchiamo di indovinare i bisogni (se ne hai voglia, ovviamente)...e scusami se mi sto dimenticando e l'hai già fatto e non me lo ricordo piu...l'allattare per così tanto mi ha fuso il cervello, dico sul serio! :hahaha: :culpa:
e hai ragione: non fa bene al bambino allattare mentre sei in rifiuto. per me è stato molto importante trovare uno spazio interiore per poter allattare in pace: spesso se mi sentivo in "agguato" dal bimbo, lo prendevo sì in braccio, ma me lo portavo da una finestra, o da qualche parte dove potevamo guardare un paesaggio, o una fiamma di candela, o il fuoco...così, i miei sentimenti di rifiuto, di "non sopporto piu" si scemavano...e mi apriva il cuore verso il suo bisogno di connessione, e ...allattavamo. alle volte anche solo per "fino a 10" alle volte passeggiavamo di nuovo, poi provavamo di nuovo...

un abbraccio francesca,
:abbraccione
xxxmelissa
nelle langhe
mamma di 7

http://apprendimentonaturale.blogspot.com/

"There is a Place beyond Rightness and Wrongness -- let us meet There." §Rumi
Avatar utente
melidi7
NTIS
 
Messaggi: 3827
Iscritto il: martedì 24 giugno 2008, 23:14
Località: piemonte
Figli: 11/07/1987, 16/01/91, 17/03/94, 21/11/97,
31/05/2000, 24/05/2003, 13/10/2005

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda francesca78 » sabato 4 dicembre 2010, 22:33

ti rispondo con calma :)
francesca78
*‿*
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: mercoledì 30 settembre 2009, 16:11
Figli: due figli

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda francesca78 » martedì 7 dicembre 2010, 4:25

melidi7 ha scritto:forse abbiamo dei blocchi culturali che sono annidiati dentro di noi che scattano ogni tanto? blocchi verso donarsi così pienamente? verso l'allattamento "prolungato"?

Io credo che ci sia questo sicuramente, non credo sia solo questione di blocchi culturali, ma credo sia anche che ci sono effettivamente dellle necessita' che vengono messe in secondo piano quando si e' mamma, e nei momenti di maggiore debolezza spingono e ti ricordano la loro esistenza.

melidi7 ha scritto:che sensazioni hai fisicamente quando ti senti di non sopportare piu? descrivi il momento, (osservazione), come di senti (fisicamente), cosa senti (emotivamente) e poi cerchiamo di indovinare i bisogni (se ne hai voglia, ovviamente)...e scusami se mi sto dimenticando e l'hai già fatto e non me lo ricordo piu...l'allattare per così tanto mi ha fuso il cervello, dico sul serio!

dipende, ci sono dei momenti di coccola, in cui ho voglia di toccarli, di accarezzarli, di fare loro sapere che ci sono. Spesso leggo per loro mentre ciucciano, li chiamo con i nomignoli e li sfido a essere i miei "puzzoni, cacconi , stelle soli, ecc..." Ci sono poi i momenti positivi in cui ciucciano in due (di solito quando ciucciano in due sono spesso positivi), in cui si guardano, si toccano, spesso si invitano a banchettare.

Ora passo ai momenti negativi: fisicamente mi viene un fastidio proprio fisico, non ho voglia che mi tocchino il seno, mi danno fastidio i continui toccamenti sul collo, e mi si chiude quasi lo stomaco. Se sono in due mi infastidisce il fatto che tirino il seno da una parte e dall'altra, se pero' si invitano a ciucciare reciprocamente il senso di fastidio scema un po' (so quanto conta il ciucciare insieme per loro). In questa situazione mi da estremamente fastidio che ciuccino quando ho il seno vuoto, ho proprio la sensazione che vogliano ciucciare me. Ho la sensazione che ciuccino le mie forze. Quando sono cosi' cerco di non parlare perche' so che mi uscirebbe decisamente poco rilassata. Di notte certe volte dico a niccolo di lasciarmi dormire, al mattino dopo le nottate dure non sopporto che cecilia ciucci, pero' non dico niente perche' so che e' come il saluto, ho provato qualche volta a proporle di ciucciare dopo che ho fatto colazione, ma non vuole attendere. Altro momento di fastidio ora, e' il fatto che vorrei mangiare senza avere niccolino attaccato, e non sempre lui e' d'accordo con me. Tendenzialmente il discorso e' proprio di trovare degli spazi in cui io mi sento al centro della mia attenzione, in cui mi occupo di me. E poi il discorso sonno e' centrale. Anche a me capita di pensare quello che pensavi tu "io sono 4 anni che non dormo, ma cavoli tutti e due devono dormire cosi' male", insomma entro in lamentazione. Certe volte li allontano, cercando di dire che i miei seni hanno bisogno di riposare, di solito quando accade questo piangono a volte li riattacco ma sono arrabbiata, altre volte cerco di distrarre, ma direi che non funziona mai.
Comunque sono abbastanza certa che i miei fastidi per l'allattamento, i miei fastidi per il sonno sono legati anche, e non solo, ai momenti di tensione. Che non sto esprimendo diversamente, perche' con loro per il resto sono proprio tranquilla, ma vedi, sono qui sveglia ora invece di dormire, certo, il fatto che abbia allattato anche mentre scrivo ora e non so quante volte prima conta a disturbarmi il sonno, ma di solito mi riaddormento, deve ancora fare il risveglio lungo in cui non si vuole staccare e in cui mi impasta come se fossi una pizza (e di solito e' in quello che mi infastidisco di piu'), ora sono sveglia perche' io sono tesa. E credo che in questo periodo non riesco a fare diversamente. Devo anche trovare una valvola di sfogo, dove buttare un po' di energie mentali. Certe volte sento che le cose si accavallano nella mia testa. Cerco valvole di sfogo anche "intellettuale" per non caricare la mia testa di preoccupazioni. Va anche bene questo, salvo poi che una parte di tensione rimane li e magari divento piu' insofferente sugli aspetti che comunque sono piu' delicati per me, perche' da come vedi la storia mia di allattamento non e' lineare.
Ora provo ad andare a dormire perche\ mi sento che sta arrivando il sonno ciao e grazie
francesca78
*‿*
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: mercoledì 30 settembre 2009, 16:11
Figli: due figli

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda biglia » giovedì 9 dicembre 2010, 14:49

Anche io non lo sopporto più... per ora allatto solo più il piccolo (22 mesi) il grande l'ho allattato fino quando mi hanno stoppato per distacco di placenta. Io non sono mai riuscita ad allattarli dormendo, ho il sonno leggerissimo, il piccolo si sveglia quasi sempre alle 3,00 di notte e io ci metto ore, tutte le notti, a riaddormentarmi, spesso proprio mi alzo, e se contiamo che il grande non ha mai dormito dal 2006 le notti intere di sonno le posso contare su una mano. A me ultimamente allattare da proprio un fastidio fisico: il piccolo ciuccia parlando, quindi mi morsica, poi contemporaneamente mi tira (e strappa) i capelli.. Si attacca e stacca di continuo, buttandomisi addosso, mi schiaccia, mi spinge, mi prende a testate: insomma un vero tour de force. E comunque è niente in confronto ad aver allattato il primo: soffriva di un probabile reflusso (mai diagnosticato, i pediatri mi guardavano con commiserazione e mi dicevano "ma signora cosa crede di dargli allattando ancora.."), per ogni disturbo esterno (una voce, un campanello, il telefono) serrava le fauci e si rovesciava all'indietro. Allattavo da reclusa, nelle posizioni più assurde...
Sono molto combattuta perchè da un lato vorrei smettere, d'altro lato comunque allattare è un momento molto bello e molto intimo, e vedo anche che al piccolo è ancora necessario, non è facile proporgli delle alternative: ogni tanto gli dico di no perchè sono stanca, ma si arrabbia. Io però spesso non ce la faccio davvero più, mio marito di notte si alzerebbe solo se lo buttassi giù dal letto, e a quel punto io sarei già sveglia come un grillo...
Avatar utente
biglia
Collaboratore
 
Messaggi: 379
Iscritto il: venerdì 3 luglio 2009, 5:37
Figli: F1 2006
F2 2009

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda francesca78 » venerdì 10 dicembre 2010, 6:09

biglia un abbraccio solidale :)
a me in questi giorni va un po' meglio sul piano allatamento, pur non dormendo (per ragioni mie) mi sento piu' serena in parte perche' avendone parlato un po' elaboro, in parte perche' loro mi chiedono di meno, forse perche' sono piu' tranquilla, o forse perche' e' anche passato un po' di raffreddore.

una cosa che pensavo rispetto al fastidio di allattare: mia mamma mi ha allattato fino ad 11 mesi, poi mi ha detto che ho smesso e ho rifiutato del tutto seno e biberon. Ho pensato di avere avuto uno sciopero del latte, forse e' un'interpretazione trascendentale, ma puo' essere che abbia sentito qualcosa, che mi sentissi rifiutata (anche mia sorella grande ha ciucciato fino a quel momento, solo che lei e' passata al biberon e il passaggio e' avvenuto gradualmente, senza rifiuto del seno, mentre con mia sorella piccola mia mamma l'ha allattata fino ai 2 anni e mezzo)? mah
francesca78
*‿*
 
Messaggi: 2129
Iscritto il: mercoledì 30 settembre 2009, 16:11
Figli: due figli

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda Leti » venerdì 10 dicembre 2010, 13:08

il grande l'ho allattato fino quando mi hanno stoppato per distacco di placenta


mi ha colpito questa frase.
come hai fatto a smettere in poco tempo?
il distacco di placenta è stato dovuto all'allattamento?
perdonami, forse sono un po' indelicata.... :?
Leti
*‿*
 
Messaggi: 494
Iscritto il: martedì 30 marzo 2010, 13:05
Località: Milano
Figli: J.2008
G. 2012

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda biglia » venerdì 10 dicembre 2010, 14:13

Cerco di rispondere per quello che ho capito:
Per quel che ne so io, l'allattamento non causa il distacco della placenta, ma incrementando le contrazioni dell'utero (a causa del rilascio ormonale) può essere un fattore che contribuisce ad aggravare una situazione a rischio per altre ragioni, e io ritengo di essermi trovata in quest'ultimo caso. Il mio distacco di placenta si è verificato alla 11a settimana in una zona della placenta per fortuna periferica, causando però il distacco del sacco vitellino per un versamento interno all'utero. Non so quali possano essere state le cause, se il fatto che la placenta fosse bassa, di aver viaggiato in auto, gli sforzi di dover comunque badare ad un altro piccolino...forse tutte le cause insieme, fatto sta che a volte capita, ma io non penso che l'allattamento c'entrasse. A seguito del distacco, da un lato mi hanno ricoverato, riempito di farmaci, e comunque mi sono trovata ad essere soggetta a contrazioni quasi continue per tutta la gravidanza, nonostante le medicine che prendevo. Per cui la fine dell'allattamento è stata repentina: da un giorno all'altro, senza preavviso, sia per i farmaci, non compatibili, sia per il quadro clinico complessivo, visto che ci avevano detto che, nonostante l'embrione fosse vitale l'avremmo perso, era solo una questione di tempo.. Cosa che per fortuna non è successa, ma si potrebbe aprire un capitolo a parte sulla brutalità di alcuni medici...
Con il primogenito, smettere di allattare è stato abbastanza facile: gli avevo spiegato che non potevo più dargli il latte perchè mi ero ammalata e aveva capito. Poverino, è stato un periodaccio anche per lui.. che è stato presente al mio ricovero. Mi accarezzava il seno e diceva "il ciuccio è malato, purproppo.." Gli avevo spiegato che avevo un fratellino nella pancia che non stava bene, avevo cercato di compensare con un sacco di coccole e di tenerlo il più possibile vicino, nonostante la mia mobilità fosse ampiamente limitata. Poi non è solo questione di allattamento: da un giorno all'altro non sono più stata in grado di prenderlo in braccio, se non da seduta.
Ogni bimbo ha le sue specificità: se pensassi di dire una cosa del genere al secondo credo che la sua reazione sarebbe completamente diversa. Non sono neppure riuscita a farlo smettere di tirarmi i capelli: per lui "tutupelli" è il pacchetto completo...
Avatar utente
biglia
Collaboratore
 
Messaggi: 379
Iscritto il: venerdì 3 luglio 2009, 5:37
Figli: F1 2006
F2 2009

Re: non sopporto piu' allattare

Messaggioda Leti » sabato 11 dicembre 2010, 19:56

grazie, sei stata chiarissima.
certo il tuo bimbo è stato collaborativo, non so neanch'io se ci riuscirei con il mio piccolo ciuccione.
E' un periodo di stanchezza anche per me, le richieste sono tante in questo periodo e spesso penso che vorrei smettere....
un abbraccio
Leti
*‿*
 
Messaggi: 494
Iscritto il: martedì 30 marzo 2010, 13:05
Località: Milano
Figli: J.2008
G. 2012

Prossimo

Torna a Crescere con i nostri piccoli

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron