evitare le feste di compleanno

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda esmeralda » venerdì 16 febbraio 2018, 11:06

Ma appunto, Effi! Le festine possono piacere o non piacere, ma sono una tale minuzia della vita che la fai con il pilota automatico in modalità "on". Non è che puoi starci tanto a pensare.
Dopotutto non è bello che il bambino sia "quello che alle feste non ci va".
I miei sono più grandi e ormai si invitano solo gli amici e non più la classe, però non era male prima.
Insomma, per un paio di orette vale la pena portarceli, va.
Che poi... fammi pensare... chi è che non ce li portava mai -immagino per principio, che una mamma misericordiosa che te li porta la trovi sempre..
Ah, si... uh mamma!! .
esmeralda
 
Messaggi: 2166
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda emme » venerdì 16 febbraio 2018, 11:28

esmeralda ha scritto:Dopotutto non è bello che il bambino sia "quello che alle feste non ci va".

Si è vero, anche da noi c'è sempre "quello che alle feste non ci va" e vuoi o non vuoi gli altri si divertono insieme e fanno "gruppo" e loro rimangono fuori. Magari non gliene frega niente eh... c'è una mamma che conosco che non va mai a nessun compleanno, sostenendo che alle figlie non interessa.... ma non so come possa dirlo, visto che non ci sono mai. Ovviamente gli altri hanno legato di più e sua figlia è un po' "fuori" dal gruppo.... sicuramente le va bene cosi. Ma io da piccina ero sempre quella "fuori dal gruppo" e non è che mi piacesse tanto....
Avatar utente
emme
 
Messaggi: 849
Iscritto il: martedì 11 dicembre 2012, 16:30
Figli: E. 2011
A. 2015

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Briciola » venerdì 16 febbraio 2018, 13:41

... c'è una mamma che conosco che non va mai a nessun compleanno, sostenendo che alle figlie non interessa.... ma non so come possa dirlo, visto che non ci sono mai.

Pure questo è un pregiudizio... Ma cosa ne sai? Non è che dobbiamo essere sempre tutti uguali e pensarla tutti allo stesso modo.
Briciola
 
Messaggi: 17
Iscritto il: lunedì 25 agosto 2014, 17:34
Figli: F1 2011

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda emme » venerdì 16 febbraio 2018, 14:03

Pregiudizio perché scusa?
Se un bambino non frequenta i suoi compagni e le loro feste come fa a dire che non gli piacciono?
Avatar utente
emme
 
Messaggi: 849
Iscritto il: martedì 11 dicembre 2012, 16:30
Figli: E. 2011
A. 2015

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Briciola » venerdì 16 febbraio 2018, 14:11

Se la loro mamma ha valutato di non mandarcele avrà i suoi motivi, che tu ignori. La stai giudicando come mamma. Ci sono bambini e persone che in mezzo a mille bambini e persone stanno male, ci sono bambini/persone che si relazionano bene con poche persone alla volta e se le butti in mezzo a queste feste soffrono. E meritano rispetto.
Briciola
 
Messaggi: 17
Iscritto il: lunedì 25 agosto 2014, 17:34
Figli: F1 2011

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda rospina » venerdì 16 febbraio 2018, 14:19

Della serie il giusto sta in una sana di via di mezzo?
Per come la vedo io, questa "regola" non scritta di dover per forza invitare tutta la classe é soffocante.
Nel nostro caso, il primo anno di materna non abbiamo ricevuto neanche un invito dai compagni di classe e noi non abbiamo invitato nessuno di loro, perché a mia figlia non interessavano, non aveva ancora stretto amicizie, non ne era in grado, mentre aveva i suoi amichetti (3-4) al di fuori della scuola. Festa meno caotica, soprattutto per i bambini che non amano il casino e con persone a cui sei realmente affezionato. A me piace di più cosi e non si é mai sentita emarginata. E' capitato anche che la sua migliore amichetta fosse stata invitata e lei no...non ne ha fatto tragedie.
Poi negli anni a venire é stato diverso, ma lei ha sempre invitato in modo molto discreto solo gli amichetti che voleva e non tutta la classe e a mio avviso ha più senso. Ci siamo ritrovate ad un paio di feste di bimbi con cui non si relazionava tanto e ha solo giocato con quelli di sempre, il festeggiato non se lo filava proprio, quindi non vedo il senso di invitare 20 - 25 bambini che neppure si guardano in faccia. E tra noi mamme ci siamo un po' conosciute lo stesso in 3 anni.
Sto andando OT...però per dire che non sono cosi' fondamentali le feste di compleanno a quell'età, non sempre almeno, dipende dal contesto. Oltretutto alla materna da noi, le maestre erano molto attente al discorso, pronte ad intervenire su chi fosse invitato chi escluso etc. per proteggere i bambini da eventuali delusioni.
rospina
 
Messaggi: 402
Iscritto il: sabato 3 agosto 2013, 12:37
Figli: C. 2011
T. 2016

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda emme » venerdì 16 febbraio 2018, 14:20

A parte che non la sto giudicando, anzi è una mamma con cui è tante altre cose mi trovo in sintonia, ho solo detto un mio pensiero. Quanto ai bambini che si trovano male nel gruppo, a detta di mia madre ero anch'io così. Ora però rimpiango tante cose non fatte, mia madre mi ha sempre tenuto in disparte facendo di me una bambina e poi una ragazza molto sola. Avrei preferito che avesse fatto le cose diversamente. Anche mio figlio nel grande gruppo spesso fatica a entrare. Però pian piano si fa un gruppetto di bimbi che conosce meglio e si scioglie. Non l'ho mai forzato a fare o andare. Magari stava con me molto del tempo e poi con i suoi tempi andava a giocare.
Avatar utente
emme
 
Messaggi: 849
Iscritto il: martedì 11 dicembre 2012, 16:30
Figli: E. 2011
A. 2015

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda emme » venerdì 16 febbraio 2018, 14:23

Anch'io volevo invitare solo i più vicini. Poi mio figlio mi ha detto No, li voglio tutti,sono tutti miei compagni di classe. Ed ecco. Anche qui alcuni Invitano solo gruppi ristretti, noi siamo spesso invitati però, perché andando sempre alle feste, poi lui ha legato più o meno con tutti.
Avatar utente
emme
 
Messaggi: 849
Iscritto il: martedì 11 dicembre 2012, 16:30
Figli: E. 2011
A. 2015

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda esmeralda » venerdì 16 febbraio 2018, 14:32

Beh ma è normale pure tra adulti che in una festa di tanti ti relazioni solo con qualcuno.
Che problema c'e'?
Ai miei figli è successo anche di andare a feste in cui non conoscevano NESSUNO, manco il festeggiato.
Erano mamme amiche mie che invitavano i miei ragazzi per fare cosa gradita a me.
Ogni tanto si sono annoiati, ogni tanto si sono invece divertiti. Insomma, come noi grandi.
In realtà "invito tutta la classe" sarà pure soffocante, ma ti leva un sacco di problemi.
Per i ragazzini più grandi non essere invitato quando magari te lo aspetti, non è una bella cosa.
esmeralda
 
Messaggi: 2166
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda rospina » sabato 17 febbraio 2018, 8:12

esmeralda ha scritto:Beh ma è normale pure tra adulti che in una festa di tanti ti relazioni solo con qualcuno. Che problema c'e'?


Nessuno, ho solo detto quello che io preferisco, che puo' essere diverso da quello che preferisce mia figlia.
Quest'anno infatti pure lei ha deciso di invitare tutta la classe, la festa é sua e dai 4 anni ho fatto sempre scegliere lei.
rospina
 
Messaggi: 402
Iscritto il: sabato 3 agosto 2013, 12:37
Figli: C. 2011
T. 2016

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Crystal » lunedì 12 marzo 2018, 13:08

Scusate la latitanza. Avevo letto tutti i vostri commenti e suggerimenti, ho riflettuto ma non avevo ancora risposto.
Certi commenti mi hanno spiazzato, forse non sono stata affatto chiara e lo intuisco da alcune risposte, ma diciamo che mi sono sentita molto accusata senza che mi venissero fatte domande chiaritrici. Per questo non ho risposto subito. Stavo incamerando e accusando i colpi

Nel frattempo alla festa siamo andati. Non è stato terribile come pensavo perché, comunque, a 3 anni e visto l’ambiente (magazzino con gonfiabili) ho passato il tempo a seguire a distanza mia figlia. Giocava con una compagna di classe (l’unica partecipante oltre a lei e alla festeggiata), quindi io l’altra mamma ci siamo trovate a scambiare due chiacchiere (no, non si è mai parlato di educazione ma non è che mi aspettassi questo). Poi c’è stato l’immancabile momento della strigliata all’altra bimba da parte dei genitori, quello appunto che mi aspettavo, ma sono riuscita a non farmi il sangue amaro, che era quello che temevo.
Vedere mia figlia divertirsi ovviamente mi ha ripagato di tutto.

Vorrei solo puntualizzare alcune cose:
1. non si tratta di “razzismo” ma di incompatibilità mia. Sto davvero male quando vedo certe scene o sento certi discorsi… Non sto etichettando gratuitamente, capto qualche discorso qua e là… “Se fai così andiamo a casa”, “in questo periodo è terribile, la lasciamo stare solo perché deve essere operata”. E già mi immagino questi genitori dei suoi compagni di classe comportarsi come tutte quelle del mio corso preparto: quelle le conosco molto meglio invece e ho la certezza che non sono affatto per la disciplina dolce… una sgridata dietro l’altra. Forse dovrei semplicemente palesarmi come col corso preparto con un messaggio che dica “guardate che allatto da oltre 3 anni e non sgrido, quindi sapete che certi discorsi con me non trovano terreno fertile ed è meglio parlare di altro!” Ma nonostante questo, quando mi ritrovo con loro (1-2 volte l’anno, mentre “purtroppo” una la vedo in diverse occasioni) mi ribolle il sangue perché anche se non parlano con me di certe cose vedo i loro atteggiamenti verso i figli…
2. non si tratta di pregiudizi, ma di frasi sentite personalmente
3. ci sono già tante situazioni schifose, difficili, insopportabili, dovute, nella vita di tutti i giorni. Se lo devono diventare anche le situazione che dovrebbero essere divertenti o per lo meno spensierate… Cioè già faccio una gran fatica così a mantenermi un minimo zen, se poi i momenti che dovrebbero più facili si trasformano in stress per me, ciao…
2. una mia preoccupazione importante era che il circuito delle feste comportasse 2 weekend al mese impegnati… Cosa che non sta avvenendo, quindi in situazioni come queste riuscirei benissimo a sopportare anche delle situazioni spiacevoli se sporadiche.

Mandare qualcun altro alla festa? Sinceramente non fa per me! Se ritengo che sia una cosa importante per mia figlia voglio esserci! E allo stesso modo mio marito, che crede profondamente nella famiglia e che non si lascia scappare nessuna occasione conviviale che coinvolgano sua figlia, quando può, anche se si tratta di ritrovarsi tra sole mamme!

Lorelay, sostenere che la festa è della bambina e che io non c’entro niente non ha proprio senso secondo me. Allora potrei chiederle: Ti va di andare alla festa? Io ti porto e vengo a prenderti dopo! Mi risponderebbe (parlo di MIA figlia e in questo memento; tra qualche mese non lo so) che non vuole andare alla festa!
Ovviamente non faccio questa domanda…
Crystal
 
Messaggi: 131
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda esmeralda » lunedì 12 marzo 2018, 18:03

Una festa di compleanno ai gonfiabili con solo due partecipanti? : Sad :
Che mestizia : Sad : : Sad :





Quanto al riuscire a frequentare solo persone che si ritengono ottimi genitori, metto un post a parte.
esmeralda
 
Messaggi: 2166
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Lorelay » martedì 13 marzo 2018, 1:25

Mah, a me continua a sembrare che il problema non siano le feste ma il tuo giudizio su ogni frase del genitore. Farsi il sangue amaro perché uno dice `se fai così andiamo a casa` lo trovo davvero eccessivo. Così come? Tiri le palline addosso ai bambini? Impedisci agli altri di giocare? Mi sembra il minimo che si intervenga. Ho dovuto portare via io i miei figli in attesa che intervenisse il genitore di quello che si era piazzato a metà scivolo e non faceva passare nessuno... e poi abbiamo dovuto far intervenire l'addetto.
L'avranno sgridato? Eh, speriamo... che ti devo dire. Tu allatti da tre anni e non sgridi. Io ho allattato sei mesi e quando serve (valuto io) sgrido.
Cosa tutto ciò abbia a che fare con mio figlio che compie gli anni e invita la tua, continua a non essermi chiaro.
Lorelay
 
Messaggi: 1044
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 16:36
Figli: A femmina 2004 - C maschio 2006 - S maschio 2011

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Crystal » martedì 13 marzo 2018, 9:59

esmeralda ha scritto:Una festa di compleanno ai gonfiabili con solo due partecipanti? : Sad :
Che mestizia : Sad : : Sad :

No no, erano in due della sua classe (su una decina di invitati), poi c'erano altri invitati (6-7) e contemporaneamente un'altra festa

esmeralda ha scritto:Quanto al riuscire a frequentare solo persone che si ritengono ottimi genitori, metto un post a parte.

ma a voi non c'è nulla che da fastidio?
ho parlato con una collega che non ha figli, le ho chiesto una cosa che le da fastidio, un'atteggiamento che non accetta, lei mi ha detto che non sopporta chi discrimina i disabili (e mi dice che ne conosce). Mi ha confermato che non riuscirebbe a stere in compagnia di queste persone (in circostanze in cui sapesse che poco o tanto quel discorso verrebbe fuori), ci starebbe solo se costretta e comunque si innervosirebbe tantissimo.
Quindi non è che mi sento così strana a dire che comportamenti che aborro non riesco a farmeli andare bene. La cosa su cui mi piacerebbe lavorare e risolvere sarebbe quella di non farmi coinvolgere più di tanto.
Così come non potreimai stare allegramente con persone apertamente razziste o maschiliste

Lorelay, ora ci siamo capite: abbiamo visioni completamente diverse della disciplina dolce
Crystal
 
Messaggi: 131
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Lorelay » martedì 13 marzo 2018, 11:06

Lorelay, ora ci siamo capite: abbiamo visioni completamente diverse della disciplina dolce


Ne sono certa, anche perché l'impressione che mi arriva è che tu sai come si fa e chi fa diversamente sbaglia.
Sì, continuo a vedere tutto molto giudicante. Il fatto che un genitore abbia detto "se continui così andiamo a casa" e questa frase - senza contesto, senza tono, senza premesse - debba bastare a far capire che sia persona addirittura da mal di stomaco, per me è giudicante.
Non tutti sono perfetti come te, evidentemente.

Certo che ci sono cose che mi danno fastidio: fra queste, le crociate contro le feste di compleanno come se fossero un problema invece che un momento di gioia, ovviamente per il festeggiato.
Detto questo, continuo a non capire il nesso con le feste. Qui il problema è la frequentazione tout court, in qualsiasi situazione, non le feste di compleanno.

Quindi, l'unica cosa da fare è non frequentare i genitori se non quelli scelti da te.
Ultima modifica di Lorelay il martedì 13 marzo 2018, 11:15, modificato 2 volte in totale.
Lorelay
 
Messaggi: 1044
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 16:36
Figli: A femmina 2004 - C maschio 2006 - S maschio 2011

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda esmeralda » martedì 13 marzo 2018, 11:09

Ho fatto un post a parte per non andare troppo OT.
Comunque si, certo, ci sono diversi atteggiamenti che mi danno fastidio: persone a vario titolo maleducate, i tromboni che declamano continuamente perle di saggezza, le persone indiscrete, ma sinceramente quasi nessuno che ha il potere di farmi stare male dentro. Al più mi annoio, perchè manco li sento.
E poi le persone riprovevoli a tutto tondo sono anche poche. Chiaro che non ci farei un'amicizia, ma due parole e un po' di umanità capitano anche nei miei incontri di volontariato in carcere, figuriamoci se non riesco manco a vedere una mammetta che mette in pratica Estivill!!
Quando c'è qualcuno che le spara veramente grosse, che vuoi, mi dispiace per lui, ma non mi sento ferita io personalmente, ci mancherebbe altro.

Inoltre sono sempre stata "una romanista che può avere amici laziali" . Non è manco necessario essere come me per andare d'accordo con me. Anzi, mi incuriosiscono quelli un po' diversi, se restano nei limiti della civiltà. Magari mi interessa anche un confronto. Oltretutto mica sono la Bibbia io. Mi serve vedere persone diverse. Sennò mi fossilizzerei. E non è perchè uno ogni tanto spara cavolate che lo metto nel libro nero. Di più: ci sono un sacco di persone molto simili a me che mi stanno veramente antipatiche. Ma vado più a persona che a categoria. Per dire eh... ci puè essere un razzista che quando parla di arte sa il fatto suo, e allora parliamo di quello, lui si tiene le sue idee sulla "razza ariana" e passiamo qualche discreto minuto .

Concordo con Lorelay che mai e poi mai ho avuto il sospetto che il mio modo di allattare o il fatto che possa ritenere che sia meglio allontanare mio figlio piccolo o da una festa potrebbe ferire qualcuno o rendermi addirittura fastidiosa o indegna di essere frequentata. Boh... si impara sempre qualcosa....

Sinceramente a me non interessa affatto come allatta una mamma, ti direi che non lo voglio manco sapere e non mi sognerei mai di chiederlo a nessuna. Se poi l'allattamento si-no-forse è un modo per declamare verità assolute e per attaccare pipponi infiniti in un senso o nell'altro, rientra nel punto 1 al capitolo noia. Ma mi è capitato VERAMENTE di rado.

ma soprattutto mi rifiuto di pensare che il modo in cui si allatta "definisca" una persona proprio nel suo essere. Ma per carità!! Anzi, ti direi che sono dubbiosa che ci definisca come persone anche il modo di essere genitori proprio tutto in blocco.
esmeralda
 
Messaggi: 2166
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Crystal » martedì 13 marzo 2018, 12:52

niente, non riesco proprio a spiegarmi. Ci ho provato ma non ci sono riuscita e a questo punto ci rinuncio, anche perchè sono veramente provata dall'essere giudicata per cose che non intendevo affatto dire. Evidentemente ho problemi di comunicazione quando parlo di me stessa...

Pace a tutti
Crystal
 
Messaggi: 131
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda emme » mercoledì 14 marzo 2018, 17:46

Mi trovo molto d'accordo con Lorelay e Esmeralda.... anche io trovo giudicanti certe frasi.... e confesso quella famosa frase.... beh anche io l'ho detta. E non mi considero proprio un genitore pessimo.... cioè si, a volte si, ma di certo non per una frase del genere.... Già anche solo l'etichetta "disciplina dolce" per me vuole dire tutto e niente.... forse e dico forse, vivendo 24 ore su 24 in una famiglia, potrei capirne i meccanismi e allora potrei dire di essere o no d'accordo con certi atteggiamenti. Mio figlio (6 anni e mezzo) per esempio ora è in una fase difficile.... gelosissimo della sorellina, arrabbiatissimo con me... si, a volte dico qualcosa di troppo. Ma essere giudicata per questo, o etichettata come una frqeuentazione non piacevole... sinceramente mi darebbe fastidio.
Avatar utente
emme
 
Messaggi: 849
Iscritto il: martedì 11 dicembre 2012, 16:30
Figli: E. 2011
A. 2015

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Lorelay » mercoledì 14 marzo 2018, 21:47

No Crystal, ti sei spiegata benissimo. Solo che non siamo per niente d'accordo.
E non ti abbiamo giudicata, anzi ti abbiamo fatto notate che sei tu che sei stata giudicante. Non avrai voluto, certo, ma così ci è arrivato.

Come ti senti di chiudere la conversazione qui, puoi benissimo farlo anche coi genitori alle feste. Problema risolto.
Lorelay
 
Messaggi: 1044
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 16:36
Figli: A femmina 2004 - C maschio 2006 - S maschio 2011

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Effi B. » mercoledì 21 marzo 2018, 16:00

E' un po' che non passo. Oggi leggo gli sviluppi della conversazione. Sapete che sono stupita? Ho letto gli stessi messaggi e non ci ho trovato ciò che leggo stigmatizzato come così giudicante. Io ho letto Crystal che ci diceva del suo disagio: io di fronte a queste cose (gernitori che minacciano i bambini, o che li picchiano) sto male e evito le situazioni, ma mi pongo il problema che c'è di mezzo anche mia figlia.

Almeno per me questo era il punto: Crystal ci stava chiedendo come vivere più serenamente ciò che la ferisce. E per spiegarcelo ci fa l'esempio di una collega che le indica il tema dell'incomprensione e mancata tutela per una categoria più debole. Per me è chiaro che per lei l'incomprensione e l'esercizio del potere sui bambini sono qualcosa che la tocca nell'intimo e la spaventa, tanto che preferisce giocare d'anticipo e risparmiarsi situazioni in cui patisce. Non va da questo o quel genitore a fargli la predica per ciò che la impressiona, non attacca. Lei volge in ritirata. Lo priva certo della sua presenza, ma mi pare in modo discreto. Qui viene a chiedere di essere capita e magari aiutata a capirsi (un po' quello che facciamo tutti qui no?). Anzi, emerge anche un ulteriore possibile atteggiamento: provo a dire chi sono e di che cosa ho bisogno per cercare di convivere? E inoltre: ho fatto la prova e pensavo peggio...

In risposta ho letto ripetersi in molti messaggi la difesa dei genitori che la mettono in crisi, di cui non sappiamo altro che i suoi accenni (come ci fa notare lei stessa non abbiamo chiesto che approfondisse). Ce li si è figurati sulla base delle proprie conoscenze, delle esperienze vissute, che sono utili, ma sono le nostre, quindi andrebbero verificate a raffronto con quelle di Crystal, se no sono operativamente forse non utili. Il tutto in un crescere di pathos che arriva a: "tu sai come si fa e chi fa diversamente sbaglia". Ma chi l'ha detto questo? Che, se proprio devo dirvi la mia impressione di lettura, si è venuto scrivendo: IO faccio così, mi ci trovo bene a differenza di te. La nostra amica potrebbe inferire: loro sanno come si fa e sono io che sbaglio.

C'è un paradosso nel dare del giiudicante a qualcuno dicendo che non lo si giudica. E tutto questo mi fa pensare che c'è qualcosa che non capisco. Che cosa può aver colpito della richiesta di Crystal così tanto da portarci a insistere nel dimostrarle quanto giudicante è nel dirci le cose che la mettono a disagio? Se non abbiamo cose che ci mettono a disagio o non abbiamo le sue, bene, meno disagio per noi. Se è la richiesta di Crystal che ci mette a disagio, forse, visto che credo sia qui per chiedere comprensione e non critiche, possiamo provare a voltare pagina. Se abbiamo voglia di stare, forse possiamo provare a essere curiosi: che cosa davvero vuole dire quando fa l'esempio di genitori che dicono quella frase? Sono i toni, il modo, l'atteggiamento che la impensieriscono tanto? Lei non sgrida e io sì. Mi sento messo in discussione? Se ho le mie buone ragioni per sgridare e ho il mio stile, perché devo sentire il suo come qualcosa che mi giudica?

Metto qui un po' di domande, provate a vedere se vi interessano. Se no, lasciatemi perdere. Quella che più di tutte mi incuriosisce è: perché per alcuni in questa discussione è stato più facile empatizzare con genitori sconosciuti allusi per cenni e non con la nostra amica che conosciamo da tempo. Di sicuro non è contro Crystal, a cui credo più di una persona intervenuta qui è sinceramente affezionata. E' venuto così e dice di noi. A me voi interessate sempre, a tutte voi sono affezionata.
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 7731
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

PrecedenteProssimo

Torna a Alla scoperta del mondo (3-6 anni)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron