evitare le feste di compleanno

evitare le feste di compleanno

Messaggioda Crystal » giovedì 8 febbraio 2018, 14:34

Forse non è la sezione giusta, ma non ho intuito dove scrivere...
Feste di compleanno a cui non vorrei andare...
3 anni, iniziata la materna a settembre e oggi arriva il primo invito dalla mamma di una compagna di classe.
Nessuno della classe è alto contatto o disciplina dolce, solo tradizionalisti per così dire...

Fin'ora i compleanni sono stati solo con un gruppetto extra scuola, creatosi perché noi genitori condividiamo la linea di pensiero, alto contatti e disciplina dolce chi più chi meno.

Io non le nego l'amicizia con questi bambini!! Sono io che ho problemi coi genitori!! Lo so che la festa è per i bimbi e io fungo solo da accompagnatore quindi dovrei pensare solo a lei, ma tollerare un gruppo di genitori che parla allegramente di quando ci vuole ci vuole va oltre le mie capacità. E' un limite mio…
Come fare a risolverlo? Di certo la soluzione non è farmi violenza e andare a queste feste per poi rimanere innervosita e con lo stomaco chiuso per alcuni giorni. La soluzione sarebbe riuscire a frami scivolare addosso…
Devo portarla comunque facendomi violenza? E’ così importante? C’è una scappatoia? Del resto quegli amici di scuola li vede tutti i giorni a scuola...

Metto da parte i miei bisogni continuamente per lei. C'è chi ogni tanto esce con le amiche per distrarsi un attimo oppure va in palestra. E il figlio sta coi nonni o con il padre, anche se preferirebbe stare con la madre.
A me piacerebbe solo non essere costretta ad andare a questi compleanni perchè ci sto male, facendola divertire e socializzare in un modo diverso che non comportasse mettere in difficoltà me.
Su certi argomenti non ce la faccio. Se si mettono a parlare di politica e la pensano diversamente da me, non mi importa. Ma certe cose invece non riesco ad accettarle e mi innervosisco. Mi piacerebbe non innervosirmi e riuscire a lasciare correre, ma non basta autoconvincermi che devo essere più tollerante per riuscire ad esserlo.
Quando in ufficio altri genitori parlavano che l'unico metodo è far piangere il bimbo nel suo lettino finchè non smette, io dovevo uscire dall'ufficio. E rimanevo comunque nervosa per tutto il giorno

Idem se sentissi parlare di razzismo o di maschilismo. Se ad esempio vedo un film con schiavismo, storie dei nativi americani, razzismo in genere, soprusi verso le donne, mi si chiude lo stomaco e sto male. Se sono persone che conosco bene sto male anche per tutto il giorno. Se poi ci ripenso perchè la cosa mi ha dato molto fastidio, continua anche per giorni.
Così pure quando sento dialoghi di persone convinte del metodo estivill e dell'iniutilità dell'allattamento.
Evidentemente soffro al pensiero di come vengono trattati e posti in un a posizione inferiore gli appartenenti a queste categorie. E nel caso dei bambini ancor di più, quando vedo che i genitori non si mettono affatto in discussione
Crystal
 
Messaggi: 127
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Pico » venerdì 9 febbraio 2018, 11:18

Ciao Crystal!
No non è obbligatorio andare alle feste di compleanno :) Soprattutto a 3 anni, aggiungo. Almeno, questo è il mio pensiero.
E' giusto rispettare l'altrui pensiero, ma non si è obbligati a farsi piacere ciò che non piace.

Poi ovvio c'è festa e festa... C'è il festone "tutta la classe insieme appassionatamente con animatori etc" :/ e la festicciola in casa pochi ma buoni a giocare e condividere momenti tranquilli.
Non so quale sia il tuo caso ecco, ma se non c'è sintonia con gli altri genitori non sei obbligata a farlo per tua figlia, soprattutto considerando che a 3 anni non può decidere lei cosa fare, cioè non ha a disposizione tutti gli elementi per farlo con coscienza, e lì deve intervenire il genitore.
Per un po' di tempo mi sono posta anche io questo quesito: è corretto che sia io a orientare le amicizie di mio figlio facendogli o meno frequentare determinate persone in base al fatto che a me piacciano o meno loro e le loro famiglie? Ecco indicativamente rispondevo e rispondo NO, è giusto che scelga liberamente le amicizie. Pero'... è anche giusto che gli dia un sentiero da seguire, indicazioni su cosa secondo noi va bene oppure no... Poi dopo alcune esperienze e prove con esito negativo, ho deciso che per ora scelgo e oriento la sua scelta ove giusto e possibile.
Ho fatto anche il contrario, cioè figli di genitori con cui io mi trovo bene, ma con cui mio figlio finisce sempre per litigare, beh le frequento meno oppure senza bimbi.

In concreto, tornando alle feste: ormai andiamo a due o tre feste selezionate ogni anno, siamo all'ultimo di materna.
Per fortuna gli inviti arrivano via Wapp, la mamma di turno crea gruppo invitando tutta la classe, così si evitano i cartoncini a scuola e volendo puoi anche non informare tua figlia dell'invito evitando inutili discussioni. Se possibile, quando andiamo lo facciamo in coppia, almeno diventa una occasione per stare in qualche modo con il mio compagno.
Le feste da noi sono pressochè tutte identiche: agriturismi bar o sale dedicate, con animatori truccabimbi, musica a palla, atroce momento ultra consumistico dello scarto regali :(
se l'animatore è bravo e i bambini socievoli il gioco procede bene e tutti sono coinvolti, se vi sono elementi più timidi o cmq poco inclini alle attività organizzate vengono o coinvolti a forza o restano in disparte. Se l'area è attrezzata il gioco casuale e individuale vince su tutto. L'obiettivo è portarli a casa il più stanchi possibile, se si addormentano in auto meglio ancora, così il weekend passa indolore.
Insomma in generale non sono mai grandi occasioni di socializzazione nè per i piccoli nè tantomeno per i grandi: trovandomi anche io in una situazione dove il mio pensiero è in contrasto con lo stile educativo degli altri genitori, finisco per "fare da tappezzeria" come si diceva al liceo, mentre mio figlio gioca e scorrazza e gli altri genitori fanno comunella a gruppetti. Mi sono anche posta se questo fosse un mio problema caratteriale: sono stata molto timida in infanzia e adolescenza, per poi riscattarmi decisamente con caratteristiche opposte e di forte socialità.
Ma a un certo punto nel ruolo di mamma ho pensato: Sono io sbagliata? beh non lo so ma dopo alcuni episodi di gelati pomeridiani con piccoli gruppi di bimbi dove partiva la sculacciata in piazza e lo schiaffo sulla mano su bimbi perlatro anche stanchissimi da pomeriggi di giochi e chiacchere dei genitori, ho deciso che non faceva per noi. Punto. Non sopporto io queste cose e non voglio che mio figlio le veda fare sui suoi amici.

Non credo che non frequentare feste di compleanno, o comunque sceglierne alcune spot in base a rapporti col festeggiato, location, orario etc.. possa precludere o modificare le amicizie di tua figlia. In ogni caso a scuola, 5 giorni su 7, può frequentare i bimbi che le piacciono in modo strutturato, e nulla vieta di invitarne qualcuno a casa ogni tanto per rafforzare il legame, meglio di come sarebbe possibile a queste famigerate feste, a mio parere.
Pico
 
Messaggi: 44
Iscritto il: martedì 3 novembre 2015, 11:46
Figli: novembre 2012

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda emme » venerdì 9 febbraio 2018, 19:51

Il mio compagno mi prende in giro da anni "sei tu che accompagni loro o loro che accompagnano te?" .... mio figlio è in prima elementare e dal primo anno di asilo abbiamo saltato solo se stava male.. e hanno festeggiato quasi tutti ogni anno.
Ho iniziato perché era un modo x farlo socializzare con i compagni. Ho pensato che se ci faceva amicizia al di fuori, poi ci stava meglio anche in classe. E così e stato. Nel frattempo noi mamme ci siamo conosciute meglio e sono stati momenti sempre piacevoli. A volte stancanti se molto caotici, ma tornassi indietro lo rifarei.
Anche quest'anno abbiamo già festeggiato una decina di compleanni (compagni nuovi) e si crea gruppo, ci si conosce. Magari trovi una mamma che ti è più simpatica nel gruppo, io sono diventata molto amica di una mamma appena conosciuta. Sono comunque rapporti che ti arricchiscono. Io non scarterei a priori l'ipotesi. E non sarei così semplicistica nel giudizio. Inoltre non è che si parla solo di educazione ai compleanni... la mamma con cui sono diventata amica non ha allattato se non qualche mese.. ma questo non ci impedisce di essere in sintonia su altro. Non facciamo "razzismo" al contrario...
Avatar utente
emme
 
Messaggi: 829
Iscritto il: martedì 11 dicembre 2012, 16:30
Figli: E. 2011
A. 2015

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Pico » venerdì 9 febbraio 2018, 20:21

Mi piace il parere di Emme, la sua esperienza così diversa dalla mia! che mi riempie davvero di speranza per gli anni di scuola primaria che verranno :)
la mia voglia infatti di fare gruppo, di trovare famiglie con cui condividere momenti di svago con i nostri figli, è presente in realtà.
al momento però io, dopo iniziali tentativi, non sono riuscita a trovare una mamma della classe con cui condividere opinioni... e ci ho rinunciato. forse è anche perché è una scuola privata, scelta per la comodità accanto a casa, ma frequentata da famiglie "bene"della città, per intenderci vestiti firmati, weekend a sciare, seconde case etc insomma uno stile di vita proprio lontano dal nostro.
Sono contenta anche che le feste per voi siano davvero state occasione di socializzazione, io non sono ancora riuscita a vederla in pratica... mi sembra più facile il processo inverso ma ci devo riprovare in effetti, dare un'altra possibilità forse....

Inviato dal mio ASUS_Z00ED utilizzando Tapatalk
Pico
 
Messaggi: 44
Iscritto il: martedì 3 novembre 2015, 11:46
Figli: novembre 2012

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda esmeralda » venerdì 9 febbraio 2018, 21:18

Secondo me bisogna sempre andarci piano a dare etichette di gruppo. Oh, intendiamoci, moltissima della gente che sembra antipatica è veramente antipatica. Ma secondo me vale la pena di andare un po' oltre ai propri personalissimi pregiudizi. Io ho avuto persino belle sorprese andando a pescare da "categorie" di gente da cui mi aspettavo il peggio.
Per me una bella soddisfazione, anche perchè io i miei figli li portavo a tante, ma tante, ma tante feste di tutti i generi.
Ad essere sincera per me era una forma di marketing diretto per la mia attività, ma loro andavano volentieri.
Per me faceva parte del lavoro e potevo reggere serenamente di sentire cavolate di vario genere, consigli non richiesti e soprattutto discorsi di una noia bestiale sulle pappe&cacche & virus. Eh si, perchè ma magari si facesse polemica sui principi educativi . Quasi mai successo. Più che altro ciarle inutili, un po' di pettegolezzo e poco altro.
Alle volte è capitato che fosse come andare allo zoo, ma alle volte sono stata anche bene.
Comunque non è obbligatorio andare a tutte, certo che no, ma è obbligatorio andare almeno a qualcuna. Anche di quelle della classe.
Poi è evidente che a 3 anni (ma pure un bel po' dopo) lo decidi tu chi vede tuo figlio, e ci mancherebbe.
Però a 3 anni come a 30 non è che vedi solo i tuoi amichetti del cuore. Come noi vediamo gente varia, anche i bambini possono farlo benissimo, e in generale lo fanno molto meglio di noi. Soprattutto a 3 anni, in cui si passano dei bei momenti anche con bambini mai viste e poi tanti saluti
esmeralda
 
Messaggi: 2122
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda rospina » sabato 10 febbraio 2018, 13:30

Non so Crystal quanto sia corretto nei suoi confronti che sia tu a decidere...cioé lo puoi fare a 3 anni, ma l'anno prossimo o quello dopo cosa fai? Fingi che non sia stato invitato? Non penso sia la soluzione.
Metti caso che il suo migliore amico dell'asilo sia il figlio di uno di questi genitori che non sopporti?
Capisco il tuo punto di vista, ma concordo con quanto detto da emme e esmeralda che va data una possibilità, non é detto che siano tutti da buttare via.
Io e mia figlia non siamo state a tante feste, 3-4 all'anno circa, ma ti assicuro che non abbiamo mai affrontato fra mamme discorsi così profondi sull'educazione dei figli, per fortuna si riescono ad avere anche altri argomenti di conversazione e a volte si sta in disparte, a guardare il proprio figlio. Io, per esempio, sono un po' chiusa con la gente che non conosco, vorrei parlare ma a volte non trovo argomenti...per "fortuna" anche mia figlia é un po' riservata e spesso mi chiedeva di starle vicino alle feste, così non dovevo parlare con nessuno e ne ero quasi contenta. Ma lei voleva partecipare, non voleva sentirsi esclusa, perché poi a scuola ne parlavano tra di loro. Ecco, dipende anche da come sarà tuo figlio, se sarà uno a cui interessa andare o se sarà più selettivo..prenditi ancora un anno di tempo.

Considera che ti devi fare violenza solo per gli anni della materna, volendo, perché adesso che é in prima elementare mi é capitato di lasciarla da sola alle feste per impegni di lavoro ed é andata alla grande, anzi era quasi contenta che non ci fossi.
Un'altra possibilità é pensare di delegare il compito di accompagnarlo alla nonna, per esempio..., come la vedi?
rospina
 
Messaggi: 393
Iscritto il: sabato 3 agosto 2013, 12:37
Figli: C. 2011
T. 2016

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Pico » domenica 11 febbraio 2018, 22:22

Ci tengo a precisare che cmq non bisogna dare etichette, ovvio, e sempre bisogna darsi qualche occasione x assaggiare le persone. Questo solo x spiegare meglio il mio intervento che riletto può sembrare in effetti un po' demolitore :/
Ho provato per quanto mi riguarda per un anno e mezzo a frequentare il gruppo scuola.... con sincera e serena simpatia, e con momenti di condivisione anche piacevole all'inizio... poi quando ho iniziato a vedere le sculacciate gratis, i discorsi sono i saldi in quel negozio costoso quando io compro usato, i weekend sulla neve etc dove ho poco da condividere, sinceramente ho iniziato a farne volentieri a meno.... ciò non significa che non si frequentano gli altri o che non si va mai alle feste, significa che ogni tanto si va ma che se si salta non succede nulla di irrecuperabile... secondo me....

Inviato dal mio ASUS_Z00ED utilizzando Tapatalk
Pico
 
Messaggi: 44
Iscritto il: martedì 3 novembre 2015, 11:46
Figli: novembre 2012

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Lorelay » domenica 11 febbraio 2018, 22:25

Trovo la tua reazione veramente esagerata. Dopo un decennio di feste di compleanno, ti assicuro che non ho mai sentito citare Estevill né svezzamento a tre mesi. Anzi, al massimo il contrario.

In ogni caso, è evidente che il problema è tuo ma l'invito suo. Cioè che non vada lei a una SUA festa perché tu hai già incasellato i genitori come a te non compiacenti lo trovo egoista. Puoi importi quest'anno perché è piccola e non capisce, poi no. Quindi direi che ti devi abituare all'idea della festa.

Se il messaggio ti sembra duro lo è, semplicemente perché così ho letto il tuo. Hai etichettato tutti i genitori a esclusione tuoi amici, senza neppure sapere chi sono. L'ho trovato molto giudicante. E dato che ho sempre festeggiato i compleanni dei miei figli invitando i compagni, immagino mi sarebbe toccato lo stesso processo alle intenzioni.
Lorelay
 
Messaggi: 1035
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 16:36
Figli: A femmina 2004 - C maschio 2006 - S maschio 2011

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Effi B. » lunedì 12 febbraio 2018, 13:48

Sono andata a rileggermi il messaggio di Crystal. Non l'ho trovato così "giudicante": ci sono dei fatti che anche a me avrebbero messo in difficoltà. Perché se vado a una festa di compleanno, io non ho voglia di dover discutere di violenza educativa. La capisco. Poi io magari mi sarei messa ad arringare :-D e alle feste non mi invitavano più.

Mi pare qui si parli di due cose diverse. Ci sono i momenti di socialità fuori scuola. Non ci scegliamo i compagni di gioco e festa. Possiamo essere fortunate, basta poco eh? Magari UNA mamma UNA! Ma si può non essere fortunati. Io ho avuto il bene di non dover veder sculacciare nessuno in questi anni per dire.

Poi c'è la sensibilità personale. Crystal ci dice che lei sta proprio male di fronte a certe incomprensioni: l'esaltazione di comportamenti violenti o aggressivi la ferisce profondamente. Qui ci sta dicendo di sé ed è importante come lei si sente. Possiamo suggerirle di farsi più impermeabile, di non lasciarsi toccare così a fondo? Certo, ma lei stessa vorrebbe sapersi far scivolare di più addosso certi discorsi. Io ci sento cose importanti di lei che chiedono di essere capite, un senso di solitudine riguardo alle sue scelte, alla fatica che ha scelto di fare. Perché crescere la sua bambina per lei è una fatica che la mette in discussione tutti i giorni. Io questo sento se penso ai suoi racconti di questi anni, alla sua ricerca personale, oltre che a quella di mamme.Le due cose sono andate insieme. E non le è capitata in sorte una personcina semplice : Love :

Non sono cose che si risolvano con una pensata queste, ciascuno di noi ha le sue. Che fare finché continuiamo a pensarci? Qui secondo me entrano in ballo le strategie. Quali potrebbero giovare a Crystal? qualcun altro che accompagna alle festine c'è? Un papà, una nonna, come è stato detto. Si può provare?

Non muore nessuno a saltare le festine dei 3 anni. La bimba di Crystal è determinata. Se lei riesce a farlo senza conseguenze evidenti, direi che non è una priorità da risolvere. Mi sembra invece più importante l'altro aspetto. Forse su questo potremmo provare a offrire un ascolto attento e non giudicante? Qualcosa di importante da capire, ripeto, c'è sempre quando avvertiamo un disagio. E qui mi sembra stiamo parlando di valori importanti per la nostra amica, fondanti del suo modo di essere e del suo (e anche nostro) stare al mondo
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 7684
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Emy » lunedì 12 febbraio 2018, 22:49

Anche io ho letto Crystal più come "in difficoltà " che giudicante...
Sarebbe più facile saltarle le feste di compleanno, ma a volte davvero sono un momento importante in cui i bimbi possono legare con gli altri.
È difficile ascoltare certi discorsi, ma potrebbe essere occasione per lanciare qualche pulce in qualche orecchio di qualche genitore... Mica per convincerli, mettiamocela via non siamo noi responsabili del cambiamento degli altri, ognuno ha il suo percorso, i suoi tempi, il suo vissuto, ma magari ci si allena a trovare delle frasi ad effetto...da lasciare lì
Per quanto ci sentiamo "immensi " e premurosi non possiamo contenere tutto il dolore del mondo... È dura ammetterlo.
Io ti dirò ho sentito pochi discorsi educativi e i blabla generici non riesco a farmeli interessare più di tanto... Quando arrivo a saturazione mi metto a lavorare all uncinetto, magari ascoltando e a volte interagendo .
Tieni duro per le elementari, poi le medie saranno un altra storia.
gli altri genitori comunque sono sempre interessanti anche se non condividono il pensiero educativo... Ci sono un sacco di cose da imparare anche dalla persona più improbabile...
Emy
*‿*
 
Messaggi: 1645
Iscritto il: sabato 6 dicembre 2008, 2:02
Figli: S 2000 G 2002 D2004

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda esmeralda » martedì 13 febbraio 2018, 9:54

Però scusate eh... ma a chi non è capitato di lavorare, interagire, vivere e a volte pure convivere con persone ostiche, difficili, ostili o a volte persino incredibilmente str...?
Ecco, tutti avremmo una bella lista da mettere giù. E anche in situazioni ben più fondamentali per la vita di una festa di bebè.
Ecco, se mi si viene a dire: non mi va di portare mia figlia... vabbè... se non ti va, non ti va. Magari alla bambina farebbe un gran bene ma non è una cosa da telefono azzurro non portarcela.
Però... "non ce la faccio...." Allora alle future riunioni di classe che fai?
Ma dai!!
Ma siete mai stati ad una riunione di condominio?
esmeralda
 
Messaggi: 2122
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Effi B. » mercoledì 14 febbraio 2018, 16:43

Ma certo, però appunto le riunioni di condominio e i colleghi di lavoro da tollerare ti toccano, non li scampi. Qui parliamo di festine di compleanno dell'asilo. Io credo che ogni mamma può valutare il gran bene o meno che queste occasioni rappresentano. Nella mia esperienza nessuna festina di compleanno a quell'età è stata così irrinunciabile. Le più belle quelle al parco dove si poteva scorrazzare. Tutte perdibili per anni. Non sono appunto situazioni fondamentali. Bene se ci sono e ci si sta bene.

Io sono cresciuta senza e le mie carenze vere stanno ben altrove
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 7684
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Lorelay » mercoledì 14 febbraio 2018, 23:49

Sì ma le feste sono della bambina, non della madre. Lei può anche non metterci piede mai. Non è stata invitata neanche.
Qui ci sono i motivi per cui la madre non vuole andare alla festa, ma sono motivi suoi personali e non capisco perché coinvolgere la bambina.
A tre anni si può saltare tutto. Basta non dirglielo. O vietarlo perché a noi non va. Non mi sembra il massimo dell'atteggiamento empatico onestamente.

Resta che non è suo l'invito. Se valuta che sia il bene della bambina non andare, non la mandi. Ma se il problema è suo (assolutamente teorico e ipotetico oltretutto, un vero e proprio pregiudizio) la festa non c'entra nulla.
Lorelay
 
Messaggi: 1035
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 16:36
Figli: A femmina 2004 - C maschio 2006 - S maschio 2011

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda francesca78 » giovedì 15 febbraio 2018, 8:46

Secondo me bisogna vedere anche cosa dice la bimba quanto ci tiene lei. Penso che per i tre anni ci si possa arrangiare perché ci vada qualcu'altro al posto tuo, o evitare certe feste, ma pian pianino le feste diventeranno probabilmente più importanti per lei. Ma secondo me pian pianino alle feste di compleanno ci può anche andare da sola, ovviamente vedendo come lei si sente e capendo se si tratta di situazioni comunque protette. Il valore per me più importante della scuola é che permette ai bambini di incontrare persone che non sono selezionate dai genitori. Ovviamente si tratta di non mettere i propri figli in situazioni che non siano violente o pericolose per i bambini. Credo che ai bambini fa bene vedere che ci sono altri funzionamenti, soprattuto se poi se ne puù discutere, valutare, scoprire che magari che si può imparare da delle situazioni imprevedibili. . Questo va fatto ovviamente gradualmente, rispettandoti e rispettandola, vedere se a lei piace andare da sola alle festine. Io da piccola ci sono andata quasi sempre da sola, e mi sa che non ero l'unica. Dove sono io é la norma che i bambini vadano da soli, con dei momenti in cui i genitori sono i benvenuti alla fine della festa. Quando sono più piccoli i genitori stanno ma pianino pianino i genitori non vengono più o vanno i genitori che sono più amici per dare una mano. Se poi si ha un bambino particolarmente timido può volerci più tempo però é una cosa che si può fare secondo me
francesca78
*‿*
 
Messaggi: 2119
Iscritto il: mercoledì 30 settembre 2009, 16:11
Figli: due figli

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Effi B. » giovedì 15 febbraio 2018, 8:52

D'accordo con Francesca.

Per come la vedo io comunque, siamo noi genitori che abbiamo il compito di scegliere per i nostri figli a quell'età. Non ci vedo niente di male se una mamma decide di evitare una situazione che la mette in difficoltà e persone che non le piacciono. Non essere a proprio agio con persone che esaltano le botte ai bambini per me non è un pregiudizio. Poi ciascuno reagisce come riesce.

Che poi ci siano degli aspetti che riguardano la vulnerabilità di Crystal che meritano di essere considerati, l'ho scritto anche io e per me sono interessanti e importanti perché dicono di lei. Davvero non capisco però come possiamo noi dirle che fa un torto così grave alla sua piccola se in questo momento temporeggia sul frequentare queste festine. Sono un'opportunità di socializzazione, certo, ma non sono così irrinunciabili. E neppure mi pare, da quel che scrive, che la chiuda in casa: occasioni di socializzazione di gruppo ne offre di più selezionate.

Vi leggo stupita, lo ammetto: invocare il paragone dei colleghi d'ufficio che ti tocca frequentare, le riunioni di condominio. Parlare di empatia in questo caso (empatia per cosa?), quando semmai secondo me è un ambito che riguarda la sfera della responsabilità genitoriale. Se parlassimo di ciò che prova la piccola di Crystal, ecco che saremmo su quel piano, ma qui mi pare che la piccola non arrivi a provare qualcosa che non comprende perché ne resta abbastanza fuori (molto diverso il discorso sarebbe fosse più grande). Ma possiamo chiedere a Crystal se di questo aspetto ha rimandato di parlarci.

Ma voi i vostri figli davvero li avete portati da piccoli in situazioni in cui stavate male? Perché mi viene da chiedermi se sia protettivo nei loro confronti mettere a rischio la propria serenità di mamma per qualcosa che rientra nella sfera del non necessario, potenzialmente futile. Ricordiamoci che parliamo di una bimba di TRE anni (una piccolina di novembre, a quell'età anche questo fa la differenza). Dai vostri racconti io ho capito che alle festine vostre ci stavate passabilmente, anche bene. cambia molto, non credete?

Vogliamo chiedere a Crystal se ha voglia di capire con noi perché soffre così tanto a sentir parlare di botte ai bambini? Ecco questo mi sembra un ambito per l'empatia, se abbiamo voglia di darne (e mai l'empatia deve essere obbligatoria perché se no non funziona). Con chi stiamo empatizzando? Che sentimenti facciamo risuonare dentro di noi? Anche questo mi interessa perché è sempre ciò che muove il nostro modo di stare qui.
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 7684
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Lorelay » giovedì 15 febbraio 2018, 16:31

O non ho capito io, o parliamo di due cose diverse.
Non mi sembra che Crystal sia costretta a frequentare gente che inneggia alle sculacciate. Io ho capito che c`è un invito a una festa e lei ha dato per scontato che a quella festa tutti, o la maggior parte dei genitori, sarà Pro botte, e quindi lei si troverà dentro una discussione sui metodi educativi. Ma è pura ipotesi. Sia perché non conosce le persone, sia perché la probabilità che ci si addentro in simili discorsi rasenta lo 0.

Sul.fatto che a 3 anni si possono evitare tutte le feste di questo mondo nessuno discute. E sceglie il genitore. Io però sono entrate nel merito: per chi sta scegliendo e perché? È giusto che scegliamo solo sulle nostre preferenze? L'invito è della bambina.
Trovo molto azzeccato il paragone con la riunione di classe. Lì sì che rischiamo di uscire questioni educative, e si fa a gara a essere severi, anche più di ciò che è vero.

Invece in quello che dice Effi non mi ritrovo proprio. Mi sembra che parliamo proprio di questioni diverse.

Sono stata in situazioni che mi facevano stare male per i figli? Oddio boh... Non mi viene in mente niente di paragonabile. Ho la fobia degli ascensori e non li farei salire mai, ma me la tengo... giuro Non mi viene in mente nulla. Sarà che è solo una festa di compleanno... si può stare tanto male? Io rasento l'attacco d'ansia quando i miei figli sono in ascensore, ma è evidente che è un problema mio. È l'unico paragone che trovo, e non sono nemmeno sicura sia valido.
Lorelay
 
Messaggi: 1035
Iscritto il: lunedì 6 giugno 2011, 16:36
Figli: A femmina 2004 - C maschio 2006 - S maschio 2011

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Effi B. » giovedì 15 febbraio 2018, 17:28

Crystal ha scritto:tollerare un gruppo di genitori che parla allegramente di quando ci vuole ci vuole va oltre le mie capacità. E' un limite mio…
Come fare a risolverlo? Di certo la soluzione non è farmi violenza e andare a queste feste per poi rimanere innervosita e con lo stomaco chiuso per alcuni giorni. La soluzione sarebbe riuscire a frami scivolare addosso…
Devo portarla comunque facendomi violenza? E’ così importante? C’è una scappatoia? Del resto quegli amici di scuola li vede tutti i giorni a scuola...

Metto da parte i miei bisogni continuamente per lei. C'è chi ogni tanto esce con le amiche per distrarsi un attimo oppure va in palestra. E il figlio sta coi nonni o con il padre, anche se preferirebbe stare con la madre.
A me piacerebbe solo non essere costretta ad andare a questi compleanni perchè ci sto male, facendola divertire e socializzare in un modo diverso che non comportasse mettere in difficoltà me.
Su certi argomenti non ce la faccio. Se si mettono a parlare di politica e la pensano diversamente da me, non mi importa. Ma certe cose invece non riesco ad accettarle e mi innervosisco. Mi piacerebbe non innervosirmi e riuscire a lasciare correre, ma non basta autoconvincermi che devo essere più tollerante per riuscire ad esserlo



Io da tutto questo ho capito che Crystal ci sta parlando di genitori che in sua presenza fanno questi discorsi. Forse ho capito male?

Lei in realtà ci ha anche chiesto come può fare per riuscire a farsi scivolare addosso certo malessere. Che soluzioni le si sono prospettate? le gioverà dirle che ha i pregiudizi e prevarica i diritti di sua figlia?

Le riunioni erano di condominio e continuo a non trovare il paragone azzeccato. Io Lorelay non mi ci raccapezzo e resto stupita. Perché a me le ragioni di Crystal interessano molto, ma mi pare che la voglia di venirci a spiegare non l'abbia più trovata. Anche qui mi faccio qualche domanda. Di che cosa vogliamo parlare? Perché insulti a questi genitori non ne ho letti, critiche screditanti neppure. Io ho letto qualcuno che molto onestamente ci dice come si sente in certe situazioni. Come qualcuno si sente mi interessa sempre, so che ci sono delle ragioni sempre.

Se a te andare alla festina dei tre anni degli amichetti dei tuoi bambini ti avesse fatto provare quello che provi in ascensore, non avresti pensato che forse si poteva rimandare? Che era più importante che tu stessi bene e magari andava qualcun altro, se c'era (se Crystal ha qualcun altro io ancora non lo so). Se, nel momento in cui chiedevi come facevi a superare la tua difficoltà, ti si diceva che insomma erano fisime tue e che avevi dei pregiudizi su ascensori mai provati in cui i bambini si sarebbero divertiti spassosamente e che in fondo di cose complicate per forza di cose ce ne dobbiamo pur fare andare per andare al lavoro o alle riunioni di condominio, anche qui, ti saresti sentita aiutata?

Probabilmente parliamo davvero di cose diverse. Ho provato a spiegarti quello di cui cercavo di parlare io.
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 7684
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda esmeralda » giovedì 15 febbraio 2018, 21:17

Se sono stata in situazioni che mi facevano stare male per i figli?
Beh... come la consideriamo essere andata ad abitare in un edificio in cui TUTTI i condomini sono stretti parenti di mio marito?
E non tutti sono persone che frequenterei potendo scegliere. Nè li farei frequentare ai miei figli.
E non solo mi faceva stare a disagio, ma mi innervosiva, mi metteva paura e soprattutto mi rompeva immensamente palle.
Poi una quadra si trova. Volendo e con il tempo una quadra si trova.
Con tutto ciò, non ho mai ritenuto necessario anteporre i "bisogni" dei miei figli a TUTTI quelli miei, ma nemmeno alla gran parte eh.... boh sarà per questo che non mi sentivo così male a dover inghiottire qualche rospetto qui e lì.
Tipo relazionarmi con genitori che di mio avrei evitato.
Resta poi il fatto che fortunatamente stare a sentire persone che sparano cavolate di vario genere non ha il potere di farmi stare male. Sennò sarei semplicemente ricoverata in TSO.
E forse è un lusso che non si può permettere nessuno al giorno d'oggi, quello di essere troppo sensibile alla cavolate.
Sul fatto concreto poi, nella mia casistica di qurantamila festine non ho mai visto botte nè sentito parlare di botte, ma certamente mi è capitato da qualche altra parte. per cui se il problema è quello.... non ho idea di quante e quali situazioni si dovrebbero evitare.
esmeralda
 
Messaggi: 2122
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda Effi B. » giovedì 15 febbraio 2018, 22:43

Beh... la famiglia non è precisamente una categoria che si possa evitare in certe situazioni. Se avete scelto di andare a vivere nel condominio dei parenti (adesso capisco meglio il paragone con le riunioni di condominio) avrete valutato che era opportuno e vantaggioso. Anche qui la faccenda mi sembra meno futile delle frequentazioni scolastiche dei tre anni.

Forse sono stramba io, ma mi sembra come che la fate tanto seria questa faccenda del diritto alla festina con genitori poco gradevoli a tre anni :roll: Per me gruppi di genitori che discettano con soddisfazione del quando ci vuole ci vuole nel senso che ci vuole sono come minimo faticosi. Magari per lavoro volentieri, ma per diporto mi scelgo qualcun altro :marameo:
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 7684
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

Re: evitare le feste di compleanno

Messaggioda emme » venerdì 16 febbraio 2018, 10:13

Ciao, io ero stata una di quelle che ha sostenuto la partecipazione alle feste. Ma ero da cellulare e non avevo modo di scrivere molto. Provo a spiegarmi meglio.
Per la mia esperienza le feste di compleanno, fin dal primo anno di asilo, sono state assolutamente positive, primo fra tutti per mio figlio. Lui ha avuto un inserimento difficile all'asilo, un inserimento lungo. Ho considerato le feste come una opportunità in più per farlo legare ai suoi compagni, in modo che avesse più piacere ad andare all'asilo, per stare insieme a loro. Sarò stata fortunata, ma nel nostro caso non si sono mai intavolati discorsi sull'educazione o sulle teorie educative adottate in famiglia. La cosa bella è stata che il gruppo si è formato per i bambini, ma anche per noi mamme, e a questa età le mamme possono fare la differenza. Certo non è essenziale partecipare alle feste di compleanno, ci mancherebbe altro. Ma se i bimbi si conoscono e si frequentano al di fuori dell'asilo, secondo me è solo bello. Per noi sono stati 3 anni di asilo molto piacevoli, e le feste di compleanno hanno arricchito questa compagnia di bei momenti divertenti.
In questi 5 mesi di scuola abbiamo festeggiato una decina di compleanni, e con un gruppetto di mamme abbiamo organizzato la pizza per la serata di halloweeen, la tombola prima di natale, un pomeriggio in biblioteca e una mascherata per il carnevale. Tutte mamme appena conosciute, abbiamo legato grazie ai pomeriggi passati alle feste di compleanno. Con una mamma poi sono diventata molto amica e questo per me è un rapporto prezioso, nato proprio ai compleanni.
Quello che Effi cita in neretto dal primo messaggio, a me sembra una deduzione di Crystal... dato che le ha frequentate pochissimo queste persone, come può sapere che parlano allegramente di botte o punizioni? magari è stata una uscita infelice.... magari una mamma vedendomi sgridare mio figlio (magari alla millesima volta che fa piangere la sorella sono esplosa) può pensare che io sia una mamma che usa abitualmente punizioni e botte, ma non sono cosi. Come fa, se non le conosce, a sapere che queste persone non sono una compagnia piacevole? forse se provasse qualche volta, senza pregiudizi, scoprirebbe il contrario. O magari no, e allora può decidere di mandare la bambina con una nonna o con il papà. O di chiacchierare con qualcun altro.
Poi devi considerare, Crystal, che crescendo gli argomenti cambiano sempre più.... magari a 2 anni si parla di nanna nel lettone, ma a 4 o 5 no...
Il diritto della bambina di frequentare le feste certo non viene prima della serenità della famiglia, ma quello che ho avvertito io, è stata una forma di 'pregiudizio' che causa ansia a Crystal, e per questo non riesce a vedere di buon occhio questi momenti.
Aggiungo che sabato prossimo saremo al compleanno di un ex compagno di classe di mio figlio (lui è in prima e l'amichetto è ancora all'asilo), ci ritroveremo con compagni e mamme, e sarò io, pur non avendo più rapporti quotidiani con le altre, a fare il regalo da parte di tutte. La mamma in questione me lo ha chiesto e ho accettato volentieri, mi darà i soldi quella sera stessa. Abbiamo condiviso bei momenti, e mi fa piacere tornare "ai vecchi tempi".
Avatar utente
emme
 
Messaggi: 829
Iscritto il: martedì 11 dicembre 2012, 16:30
Figli: E. 2011
A. 2015

Prossimo

Torna a Alla scoperta del mondo (3-6 anni)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti