quando dobbiamo ma proprio non vuole

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda Crystal » mercoledì 22 novembre 2017, 9:22

Ci risiamo… sono nuovamente in crisi e non so come uscirne. Non so come risolvere la situazione e la frustrazione mi fa sbroccare. Almeno penso che sia per quello che mi adiro così tanto…
Da qualche settimana è diventato un delirio prepararsi per la nanna. Non dico andare a nanna ma solo prepararsi. Ossia mettere pigiamino, pannolino, lavare i denti ed eventualmente fare la doccia.
È tutto un “no prima gioco con questo” “si però adesso gioco con quello” “si ma adesso prima devo colorare” “dopo” “lo facciamo domani” sempre di seguito… Io mi innervosisco sempre di più ovviamente, poi alla fine mi arrabbio, si piange e infine si convince. Io glielo ripeto continuamente che mettere il pigiamino non significa che andiamo a letto, che lo mettiamo e poi torniamo a giocare, ma niente.

Ho anche pensato che lei non riesca a convincersi di questa cosa, che non ci creda, che sia proprio convinta che dopo bisogna per forza andare a letto e che sia per quello che non vuole. E per questo ho deciso di provare ad aspettare che fosse lei a dirmi che vuole andare a nanna e a quel punto dirle che dobbiamo prepararci, ovviamente col grosso rischio che lei a quel punto non voglia perché è stanca e vuole subito seno e nanna. Soprattutto per quanto riguarda lavare i denti. E ovviamente se c’è da fare la doccia non è che possiamo farla in quel momento, quella bisogna per forza farla prima! Comunque ieri sera ho provato, visto che non c’era doccia da fare (facciamo giorni alterni).

Beh, è stato abbastanza disastroso… Lei voleva continuare a giocare all’infinito erano più delle 10 e non accennava a dire che voleva andare a nanna (di solito attorno alle 10 abbiamo già messo pigiamino e mi dice andiamo a nanna)… Ho provato a invitarla alcune volte ma niente. Poi a un certo punto ha detto che aveva la pipì e ho pensato che potevo cogliere l’occasione, infatti almeno abbiamo lavato il culetto, poi stavamo preparando lo spazzolino ma lei è sparita per far vedere a papà come camminava lo spazzolino e quando è stata di là e ha visto i giochi ha ricominciato a giocare…
A quel punto non voleva più venire e si arrabbiava… io lì ho sbroccato ed è stata poi un’escalation di PN da parte mia, tra minacce e urla…
Una cosa vergognosa… Ma io ero proprio arrabbiata, e sinceramente lo sono ancora, non so esattamente il motivo. Cioè è ovvio che il problema nasce perché lei si oppone ad una cosa tanto semplice e io non riesco a vederne proprio il motivo, e perché nonostante mi dica che domani non succederà più si ripresenta ogni sera (ma so benissimo che non sono promesse che a tre anni si possa essere in grado di rispettare), ma sostanzialmente penso che a farmi sbroccare e non riuscire a controllare in questo modo sia il non riuscire a trovare una soluzione. Una soluzione non solo affinché lei smetta di arrabbiarsi per questo ma lo viva con tranquillità come mi pare che dovrebbe essere, ma soprattutto come riuscire a ottenere ugualmente quello che voglio (ovviamente lasciandole il diritto di protestare o arrabbiarsi)

Sono sfinita da queste lotte serali, che si ripresentano puntuali. A volte andiamo a letto che sono arrabbiata nera con lei, le do il seno ma non vorrei, al mattino mi sveglio ancora arrabbiata dentro ma cerco di non farglielo vedere (mentre alla sera glielo facevo capire chiaramente).

Altre volte mi avete detto che dobbiamo conoscere i nostri limiti per capire fino a quanto concedere. E non superarli, perché poi ci si innervosisce sempre di più fino appunto a non tollerare più e sbroccare d’improvviso. E capito dove sta il limite nostro, intervenire proprio in quel punto, cercando prima “con le buone” e poi, se proprio non c’è soluzione di compromesso, fare quello che si deve accettando le proteste e accogliendo la sua rabbia.
Io in questa situazione li ho capiti i miei limiti, in diverse settimane in cui si ripete questa storia mi sono diventati ben chiari. Il problema è che se non la convinco a fare le cose spontaneamente non è che posso impormi!!
Non è che posso vestirla con la forza!!! Cosa facciamo, la placchiamo in tre e la vestiamo mentre si dimena e urla? E anche volendolo fare lei subito dopo si toglierebbe tutto…
Non è che posso costringerla a lavarsi i denti. L’unico modo per costringerla sarebbero le minacce, ammesso che funzionino.
Che poi mi chiedo come facciano certi bambini a fare le cose perché sotto minaccia: a me purtroppo le minacce scappano, quando non trovo altre strategie e ho esaurito le energie mentali, mi escono… ma vedo che sono assolutamente inutili, piange disperata per la minaccia, si arrabbia pure anche di più ma mica lo fa!! Per fortuna, aggiungo io…

Ormai la sera è diventata il mio incubo… Avremmo la possibilità di stare insieme, giocare, leggere, colorare e invece ne trascorriamo buona parte litigando…

Ho bisogni di conforto e soprattutto di idee. Temo di avere perso la strada e la visione giusta…
Crystal
 
Messaggi: 126
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda esmeralda » mercoledì 22 novembre 2017, 10:51

Mah... non mi ricordo da quando, ma forse proprio da molto presto, ho iniziato un percorso di "rispetto per le funzioni vitali altrui". Comprese le mie. Avranno avuto boh.. giusto sui 3 anni, quando ho cominciato a dire: ora la mamma va a dormire / la mamma vuole dormire un altro pochino.
Non era mica un problema loro se io avevo sonno quando loro volevano stare svegli. Alla fine in concreto è capitato pochissime volte che loro siano andati a dormire dopo di me o che se ne siano stati lì un po a giocare in camera mia con me che sonnecchiavo al mattino. Più la seconda che la prima. Alle volte era proprio il mattino l'unico momento ammesso per la visione di qualche DVD (mentre io facevo la nanna ancora una mezz'oretta)
Ovviamente tutto ciò non è affatto parente dell'abbandono, delle recriminazioni e della rabbia.
Era detto -e fatto- tutto con la massima serenità.
Non so se potrebbe essere nel tuo stile ma "tu preparati e così poi IO posso andare a letto, potrebbe funzionare?"
Comunque direi che funziona il concetto che non si obbliga nessuno nè a dormire, nè a non dormire, nè a mangiare nè a non mangiare. E nessuno vuol dire nessuno cioè neppure la mamma.

PS
Devo gloriarmi del fatto che questo piccolo suggerimento ha funzionato bene per una mia amica che aveva la secondogenita impestatissima sull'andare a letto. Aveva un problema serio eh, e per fortuna che non vendono più quello sciroppo che faceva dormire i bambini... sennò glielo avrebbe propinato a litri tanto era il delirio di 4 anni infernali!
Da quando se ne andava tranquillamente a letto lei lasciandola in pace e dandole solo la buonanotte... la bambina -4 anni - è stata trovata qualche volta addormentata sul tappeto, poi man mano si e regolarizzata, pur restando sostanzialmente "una gufetta" . Però non ci sono stati mai pianti e strepiti.
esmeralda
 
Messaggi: 2096
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda Crystal » mercoledì 22 novembre 2017, 11:14

Io ancora non riesco ad ottenere il rispetto delle mie funzioni vitali. Di sicuro non il dormire, se poi è in dormiveglia si arrabbia pure per la pipì... Ma scusa, quindi tu non li svegli mai? Li lasci dormire finchè vogliono?

il problema non è andare a nanna, aspetto sempre che sia lei a dirlo o al massimo lo propongo. Ma sapendo che poi al mattino non si vuole svegliare quando purtroppo è ora, faccio di tutto per creare le condizioni favorevoli (il classico consiglio di non fare giochi molto energici).
Però condizione necessaria all'andare a nanna è essersi preparati...
Ho provato a dirle "io vado a letto, tu resti qui e poi ti prepari con papà" ma viene giù il mondo...

Posso riprovare oggi ad aspettare che le venga voglia di dormire per poi andarsi a preparare in quel momento, ma è molto rischioso...
1) la doccia la dobbiamo comunque fare prima
2) rischio che come ieri continui a giocare all'infinito
3) potrebbe essere così stanca da volere andare a letto subito senza passare per il bagno
4) potrebbe succedere che mentre ci prepariamo, visto non è una cosa istantanea ma comprende diverse azioni, le ritorni in mente di giocare (come ieri che stavamo per lavarci i denti)
Crystal
 
Messaggi: 126
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda esmeralda » mercoledì 22 novembre 2017, 17:32

Forse è sul quel "viene giù il mondo" che si potrebbe lavorare 8-)
Perchè viene giù il mondo? Non so, forse perchè "gliela metti giù male"? E' solo un'ipotesi eh
Penso che sia importante per i nostri bambini vederci come persone vere, che fanno tranquillamente le loro cose senza che questo debba turbarli o preoccuparli. Come un dato di fatto.
Siamo sempre, sempre, sempre pronti a derogare dal nostro "porco comodo" in loro favore. Questo almeno a 3 anni, deve essere assodato. Però il nostro "porco comodo" non può assolutamente essere perso di vista da noi stesse, innanzitutto, nè tantomeno deve diventare il nemico pubblico numero 1 per nessun altro. Neppure per i bambini.

Nel senso che non si vede che problema sia per lei se TU vuoi andare a letto. Magari è piccola, ma non credo così piccola da non poter accettare che tu abbia sonno quando lei ancora non ne ha. Veramente... che male c'è?
Potresti appunto proporle di prepararla si tu, visto che giustamente ci tiene. Ma siccome tu vai a letto la prepari subito, perchè, appunto poi tu vuoi andare a letto. Magari le toglieresti pure l'ansia che prepararsi= nanna subito.

I miei sempre stati dei dannati mattinieri da piccoli . E io una mezz'oretta di pace prima dell'alba ho cominciato a chiederla da quasi subito, poi, non è che li chiudessi in una scatola, nè' mi chiudessi dentro con i tappi per non sentirli, facevo solo presente che volevo riposare ancora un po' e che loro erano liberissimi di fare quel che volevano nel mentre. Tipo appunto guardare un DVD. La liberà è un bene che anche i piccoli imparano ad apprezzare abbastanza presto. Pensaci....
esmeralda
 
Messaggi: 2096
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda Emy » giovedì 23 novembre 2017, 18:30

Ha tre anni , ti prometto che a 18 non farà più così .... Ok smetterà anche prima :mrgreen:
Devi tenere conto che comunque a volte alla sera lo cercano il pianto serale, nel senso che qualsiasi miccia é buona per sfogare le tensioni della giornata ( e tensioni non vuol dire che fa vita frenetica, questo mondo stesso per come è strutturato crea tensioni).
Poi si potrebbe tenere conto che magari lei sente il bisogno che la giornata non sia finita, magari perché uno dei genitori ancora non se lo é goduto...
Tante variabili....
Puoi mettere in piazza i bisogni,: ho bisogno che tu metta il pigiamino, so che però tu vuoi giocare ancora un pochino.... Come possiamo fare?
Io mentre lei gioca le direi....guarda, tu continua pure a giocare, mi presti solo le cose che ti chiedo...un braccio, una gamba, la testa, e infili il pigiamino...
Non farai tutta la vita così, é solo una soluzione temporanea tanto se vuole piangere troverà un sacco di validi motivi
E si possono anche saltare momenti di lavaggio, restringendoli ,diradandoli, ripeto, non farà tutta la vita così
Proprio perché sei in una situazione di impellenza, puoi modificare le aspettative fino a ridurle all osso, e focalizzare bene i problemi e le soluzioni.
Il tuo bisogno base è mettere il pigiamino...puoi scremare il resto...il fatto di spostarla, il lavarla, etc..
Oppure il bisogno può essere diverso focalizza quale é.
Puoi restringere i momenti in cui chiedi le cose in poche volte, in cui hai più energie mentali e sei più disponibile magari al gioco.
Per mettersi il pigiamino puoi renderlo interessante... Lo nascondi e ci metti un giochino dentro, oppure fai finta che il pigiama prenda vita e voglia per forza indossare tua figlia, oppure lo fai indossare al gatto o ad un pupazzo...
Voglio dire cambiarsi é noiosissimo : Chessygrin :
Emy
*‿*
 
Messaggi: 1633
Iscritto il: sabato 6 dicembre 2008, 2:02
Figli: S 2000 G 2002 D2004

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda Crystal » venerdì 24 novembre 2017, 10:01

esmeralda:
Non credo sia perché gliela metto giù male… Cioè a volte indubbiamente mi partono i ricatti quando sono esasperata, ma la questione è che da quando ha iniziato la materna si è attaccata ancora di più a me quando ci sono.
Tanto appunto che mentre all’inizio credevo che il problema fosse che alla sera era stanca e quindi si arrabbiava per tutto, poi ho capito che succedeva perché io pretendevo di avere un po’ di libertà per preparare la cena e me stessa mentre lei stava con papi appena arrivato a casa, ma lei voleva stare con me.
Visto che la materna sta andando alla grande, non ho intenzione di forzare la mano su questo suo bisogno ma di rispettarlo completamente. Se lei chiede la mia presenza, la mia compagnia, il mio aiuto, faccio in modo di esserci
Crystal
 
Messaggi: 126
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda Crystal » venerdì 24 novembre 2017, 10:45

Emy:
Condivido pienamente i tuoi suggerimenti, solo che li ho già provati… Ho già ridotto all’osso (non voglio togliere il lavaggio dei denti… ma visto che vuole che glieli lavi io, glieli lavo io). Vestirla mentre gioca non è fattibile, perché comunque rimane il discorso pipì, pannolino, denti…
Però non avevo pensato al cercare di organizzare un teatrino divertente…
In realtà a lei piace prepararsi, perché è comunque un momento di coccola… Cioè mentre lo facciamo apprezza molto, ma si rifiuta di partire!
E il problema è che quando io insisto lei poi si arrabbia perché vuole che si faccia come dice lei…

Comunque negli ultimi due giorni sono riuscita a combinare qualcosa di buono!
Innanzitutto l’ho “preparata” già dal pomeriggio, dicendole che io non volevo più passare le serata a litigare con lei, che è proprio brutto, che possiamo divertirci e farci le coccole insieme anziché arrabbiarsi lei e arrabbiarmi io. Anche lei ha detto che non voleva litigare. Che quindi le proponevo di fare così: subito dopo cena, quando è stanca e vuole scendere dal seggiolone (ultimamente ci sta tantissimo, sia perché si perde a interagire con noi sia perché poi vuole scrivere; quindi noi nel frattempo abbiamo ampiamente finito di mangiare) andiamo subito a fare la doccia, lavare i dentini, vestirci e poi tutti di là a giocare colorare e fare gli addobbi (sabato c’è la sua festa di compleanno). E’ stata d’accordo con questa soluzione. E così dopo cena siamo andate in bagno a fare tutto. Ci abbiamo messo un’ora, perché doveva giocare continuamente anziché svestirsi, anziché vestirsi, anziché lavarsi i denti, ma ce l’abbiamo fatta!
E il pomeriggio dopo, quando le ho detto “hai visto che ieri sera non abbiamo litigato?” mi ha risposto tutta contenta “anche stasera!!” Allora le ho detto che dopo cena saremmo andate subito a lavare i denti e mettere il pigiamino (giorno no doccia).
Eravamo d’accordo con la nonna che sarebbe venuta dopo che ci fossimo già preparate, per vedere gli addobbi. Solo che è arrivata che stavamo scendendo dal seggiolone così ho cominciato a dirle in modo concitato “Dai da che è già arrivata nonna! Veloce veloce che facciamo tutto!” e lei ha cominciato a correre per fare tutto, si è catapultata in bagno e ha cominciato a svestirsi da sola dicendomi quale spazzolino volesse!
Vediamo stasera se è sparito l’effetto novità o se la cosa del non arrabbiarci le piace!
Crystal
 
Messaggi: 126
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda Crystal » venerdì 24 novembre 2017, 10:47

Crystal ha scritto:Altre volte mi avete detto che dobbiamo conoscere i nostri limiti per capire fino a quanto concedere. E non superarli, perché poi ci si innervosisce sempre di più fino appunto a non tollerare più e sbroccare d’improvviso. E capito dove sta il limite nostro, intervenire proprio in quel punto, cercando prima “con le buone” e poi, se proprio non c’è soluzione di compromesso, fare quello che si deve accettando le proteste e accogliendo la sua rabbia.
Io in questa situazione li ho capiti i miei limiti, in diverse settimane in cui si ripete questa storia mi sono diventati ben chiari. Il problema è che se non la convinco a fare le cose spontaneamente non è che posso impormi!!
Non è che posso vestirla con la forza!!! Cosa facciamo, la placchiamo in tre e la vestiamo mentre si dimena e urla? E anche volendolo fare lei subito dopo si toglierebbe tutto…
Non è che posso costringerla a lavarsi i denti. L’unico modo per costringerla sarebbero le minacce, ammesso che funzionino.
Che poi mi chiedo come facciano certi bambini a fare le cose perché sotto minaccia: a me purtroppo le minacce scappano, quando non trovo altre strategie e ho esaurito le energie mentali, mi escono… ma vedo che sono assolutamente inutili, piange disperata per la minaccia, si arrabbia pure anche di più ma mica lo fa!! Per fortuna, aggiungo io…

MI piacerebbe anche sapere qualcosa riguardo a questo punto...
Crystal
 
Messaggi: 126
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda esmeralda » venerdì 24 novembre 2017, 12:08

Ti interessa sapere perchè alcuni bambini si piegano alle minacce?

Io credo che il meccanismo sia lo stesso i grandi, per i bambini e persino per gli animali domestici.

I motivi sono fondamentalmente 2

1) perchè le minacce ci mettono paura sul serio, sono dannatamente concrete ed espresse da entità che le facilmente le metterebbero in pratica.
2) perchè dopotutto non dispiace troppo eseguire quanto richiesto, ma farlo solo dietro minaccia ci da una sensazione in qualche modo piacevole per svariati motivi.
Tipici esempi: il bambino che "si fa vedere" da un genitore provocandolo anche a sproposito, il fidanzatino che fa (o desidera) le piazzate di gelosia per dimostrare l'interesse ecc. ecc. ecc.

Resta il fatto che per costringere veramente qualcuno con le minacce a fare un qualcosa che gli è veramente odioso, devi essere veramente "cattivo".

Direi una circostanza molto lontana da te, per fortuna. E anche da me.
esmeralda
 
Messaggi: 2096
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda Crystal » venerdì 24 novembre 2017, 12:34

Grazie Esmeralda per la tua risposta. Però mi chiedo perchè (fortunatamente) non funzionino con la mia bimba... Forse non mi prende sul serio? Era una battuta...
Però lei ad esempio se mi scappa una minaccia si arrabbia ancora di più dicendo no!! Non è che si piega... Quindi per crederci ci ha creduto... Ad esempio se le dicessi "se continui così andiamo a casa" (per fortuna questa non mi è mai uscita) lei comincerebbe a urlare "NO!!! NON CI ANDIAMO A CASA!!! STIAMO QUI!!" sempre più arrabbiata...
Crystal
 
Messaggi: 126
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda Crystal » venerdì 24 novembre 2017, 12:40

comunque la cosa più importante che volevo sapere era la prima parte:
nei casi in cui non siamo riusciti a trovare un accordo, un compromesso, a farle capire il mio punto di vista, a conciliare i bisogni di tutti... e tutto quello che rimane è fare quello che dobbiamo lasciando al bimbo il diritto di arrabbiarsi e accogliendo la sua rabbia... tipo non vuoi venire con me allora ti prendo in braccio e ti porto via... come cavolo glieli lavo invece i denti? come cavolo glielo metto il pannolino??????
Cioè se si tratta di prenderla in braccio per portarla a casa contro la sua volonta posso riuscirci se dovesse essere necessario come ultimissima spiaggia (e qualche rara volta in passato è capitato), ma non posso vestirla e farle lavare i denti...

Quindi cos significa "devi capire dove sono i tuoi limiti e non superarli"? Come faccio a non superarli?
Crystal
 
Messaggi: 126
Iscritto il: mercoledì 3 febbraio 2016, 13:57
Figli: A. 28/11/2014

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda esmeralda » venerdì 24 novembre 2017, 17:44

Stai pure sicura che se tu volessi proprio sopraffare tua figlia, anche senza toccarla con un dito, ci riusciresti benissimo. Per quanto la bambina sia forte, è sempre una bambina di 3 anni. E non può tener testa ad un adulto. Alla fine è una bella fortuna che tua figlia abbia ben chiaro che tu ti imponi dei limiti e che lei è protetta.
Ti faccio un esempio canino: il mio cane mi tirava la terra fuori dai vasi. Lo sgridavo, faceva l'aria da cane colpevole e continuava a scavare nei vasi. Quando invece mi ha preso male e l'ho letteralmente infradiciato con la canna lui ha capito che tirar via la terra poteva essere pericoloso e ha smesso. Con i miei figli mi comporterei diversamente, ma resta il fatto che quasi sempre vince il piu forte e i bambini di 3 anni difficilmente possono esserlo. Se non ti imponi con lei è perche fortunatamente per voi i tuoi limiti nei suoi confronti sono più forti della tua irritazione. E la bambina lo sa benissimo
esmeralda
 
Messaggi: 2096
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: quando dobbiamo ma proprio non vuole

Messaggioda Emy » domenica 26 novembre 2017, 15:25

Infatti, non si forza il lavare i denti, al massimo i vestiti se si deve uscire...
La cosa é necessaria solo per evitare di innervosirsi e fare le cose con nervosismo, quando si ha chiaramente bisogno di uscire...o di fare determinate cose ovvero solo in casi estremi,
Del resto é un po’ per proteggerli dal nervosismo eventuale che può venire per non riuscire ad arrivare a fare le cose che davvero servono.
Prima ci sono tante possibilità tra cui anche il prendere atto di quello che non si vuole e cercare assieme un modo per mettersi d accordo
Emy
*‿*
 
Messaggi: 1633
Iscritto il: sabato 6 dicembre 2008, 2:02
Figli: S 2000 G 2002 D2004

Precedente

Torna a Primi passi (1-3 anni)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti