Non vuole andare a scuola

Non vuole andare a scuola

Messaggioda Juno » martedì 14 novembre 2017, 12:49

Ciao a tutte, torno su questo forum dopo molti anni :) Ero approdata qui dopo la nascita della mia secondogenita, in seguito a una segnalazione ricevuta su partonaturale che seguivo all'epoca. Poi siccome le cose andavano benissimo :) o piu realisticamente xche avevo altre reti di supporto locali, ho abbandonato tutto.
Torno perche' molte cose sono cambiate per me e ho un dannato bisogno di consigli di gente che vive queste cose sulla propria pelle.
Allora il problema riguarda la piccola (6 anni). Lei e suo fratello (10 anni) sono stati educati in casa fino a settembre. Premetto che viviamo in Irlanda e la scuola qui comincerebbe a 4 - 5 anni. Quest'estate io mi sono separata dal mio compagno e loro padre, con cui convivevo da dieci anni, e mi sono trasferita vicino a una scuola Steiner, una delle tre o quattro in tutto il paese, affinche loro potessero frequentarla e io potessi iniziare a cercare un lavoro.
Per il fratello non c'e' stato nessun problema, ma la piccola odia la scuola. Normalmente va, anche se a malincuore, ma a volte pianta i piedi e non c'e' verso di convincerla. Per esempio stamattina non si voleva alzare. Sono andata nel lettone a fare due coccole, le ho preso i vestiti ecc, si e' alzata, ha fatto colazione, ha giocato un po' col fratello (vanno d'accordissimo) e poi si e' buttata per terra e non voleva andare. Il fratello friggeva perche per lui e' importante essere puntuale, io continuavo a pregarla, supplicarla, e minacciarla (mai piu' giocare con le amichette..dico a Babbo Natale che sei stata cattiva... Alla frutta insomma!) Finche poverina l'ho alzata di peso da terra e allora si e' lasciata mettere scarpe e giacca ed e' andata, ululando come un ossessa. Avevo fino paura che non ci arrivasse in quello stato.
Quando le parlo dice che le manca la mamma e il papa quando e' a scuola e non c'e' nessuno che le piaccia, nonostante abbia diverse amiche con cui si e' vista fuori dalla scuola. Aggiungo infine che aveva gia frequentato sporadicamente un asilo Steiner (in un altro posto) e il problema era lo stesso: finche non trovava qualcuno con cui legare emotivamente era impossibile mandarla.
Ora io non ho scelta, deve andare a scuola. Pero' come aiutarla???
Se ci sono gia altri threads sull'argomento, rinviatemi pure, io non li ho trovati.
grazie a tutte
Juno
 
Messaggi: 2
Iscritto il: martedì 14 novembre 2017, 12:30
Figli: F1 10 anni
F2 6 anni

Re: Non vuole andare a scuola

Messaggioda esmeralda » mercoledì 15 novembre 2017, 11:59

Ciao! La tua domanda non può avere una risposta univoca, nè una soluzione valida a prescindere.
E' la domanda che torna molte volte qui, ed anche il problema che si trova prima o poi di fronte chiunque abbia una responsabilità.
Partiamo dell' inizio: il punto è "Ti tocca una cosa che non ti piace e che non convince del tutto neppure me" ? Giusto?
-deduco che la faccenda della scuola non ti convinca in base al percorso precedente, perdonami se mi sbaglio-
Bene. Cioè male. : Sad :
E qui subentra la tua conoscenza di tua figlia, butto giù un po' di ipotesi.
All'età di 6 anni forse funziona fare il parafulmine e prendersi "la colpa". Vai a scuola perchè voglio io. Se devi prendertela con qualcuno è con me. Non con la scuola ne' con niente.
Questo per un genitore un po' assertivo ed abituato "al comando" funziona abbastanza bene. Non risolve i nodi alla radice, ma indirizza il malcontento in un modo tutto sommato più gestibile. Almeno a casa mia.
Con bambini più grandini forse funziona meglio fare squadra e condividere "il calice amaro", magari cercando di trovarci qualche dolcezza.
Talvolta funzionano -Anche se non mi entusiasmano-, "i baratti", in cui si scambia la pazienza altrui con qualche altra cosa da definire.
Io le magie per far piacere una cosa che non piace neppure a me non le conosco, ma magari tu sei più creativa.
Un forte abbraccio.
esmeralda
 
Messaggi: 2096
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: Non vuole andare a scuola

Messaggioda esmeralda » mercoledì 15 novembre 2017, 13:42

Non è tanto facile barcamenarsi tra il crescere bambini che hanno l'abilità di fare "le cose che fanno tutti" con invidiabile tranquillità e con un certo distacco a bambini che vogliono sempre scegliere e che quello che fanno, lo vogliono fare con un coinvolgimento molto più elevato. Non ridurrei il tutto ad un contrasto tra soldatini e spiriti liberi. E' un modo un po' diverso di affrontare tutti gli aspetti dell'esistenza. Ognuno dei due poli ha aspetti positivi, la parte difficile sta nell' insegnare a noi stessi ed ai nostri bambini a muoversi con un po' di flessibilità tra i due poli.
esmeralda
 
Messaggi: 2096
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: Non vuole andare a scuola

Messaggioda Emy » venerdì 17 novembre 2017, 7:34

Esmeralda sottolinea un punto su cui non sappiamo se ti sei soffermata abbastanza a parlarne con lei.
Cosa ne pensi di mandarla a scuola e quanto hai elaborato dentro questa cosa e quanto è riuscita a diventare un " é necessario davvero procedere così "

Bisogna tenere conto anche del fatto che c'è stata una separazione recente....
A volte i bimbi possono pensare che il genitore potrebbe aver bisogno di loro, che rimane solo
Possono pensare...ma se il papà può separarsi dalla mamma..., quanto io posso rischiare e subire la stessa separazione?
E andare a scuola può far perdere il controllo sulla situazione perché in sua assenza chissà cosa succede....

Forse di questo ne avete già parlato...

Indubbiamente tu hai bisogno che lei vada a scuola
Le amiche con cui si vede sono quelle di scuola?
Il classico invitare a casa altri bimbi può magari favorire l amicizia tra compagni di scuola.
Emy
*‿*
 
Messaggi: 1633
Iscritto il: sabato 6 dicembre 2008, 2:02
Figli: S 2000 G 2002 D2004

Re: Non vuole andare a scuola

Messaggioda esmeralda » venerdì 17 novembre 2017, 9:53

Si, Emy dice proprio giusto: è molto importante che il "problema" sia chiaro prima di tutto per te.
I bambini, soprattutto quando sono un po' sotto pressione per qualche evento della vita, sono ulteriormente confusi dalle nostre umane incertezze e le percepiscono con straordinaria abilità.
Questo è un dato di fatto. Per quanto sia giusto e bello che i nostri figli sappiano che non siamo dei blocchetti di granito, ci sono dei momenti in cui questo non possiamo permettercelo. : Rolleyes :
Mi premeva poi sottolineare una cosa:
ho notato che molti bambini e ragazzi cresciuti troppo "bene" -nessuna ironia- sono convinti che TUTTE le cose che fanno gli debbano piacere. E possibilmente piacere molto.
Quando prima o poi si incontrano con il fatto che non è così, nascono i problemi.
Anche a casa nostra ci sono stati dei malcontenti in questo campo. Un po' vigliaccamente io me ne sono "lavata le mani" il più possibile e li ho lasciati un po' soli di fronte al problema. Un po' perchè non sapevo proprio che pesci prendere, e un po' perchè non mi sembra tanto male che si risolvano da sè i problemi, un po' perchè spesso i problemi si risolvono un po' da soli. Mi sono limitata al minimo sindacale del ricordare che io gli volevo bene.
Però erano forse un po' più grandini di tua figlia.
esmeralda
 
Messaggi: 2096
Iscritto il: mercoledì 7 settembre 2011, 11:10
Figli: P 2005 C 2008

Re: Non vuole andare a scuola

Messaggioda Juno » venerdì 17 novembre 2017, 12:40

Grazie a entrambe Emy e Esmeralda.
Si', effettivamente non ne abbiamo parlato molto. Ovvero qui e la', ma siccome e' una bambina abbastanza chiusa e' difficile capire esattamente cosa non va.
Leggendo i vostri suggerimenti e pensando alla personalita'di mia figlia, potrebbe essere effettivamente una questione di riprendere il controllo. Ovvero, molte cose fuggono dalla sua volonta', sulla scuola si puo' imporre. Anche perche come possibile soluzione lei ha proposto salire di una classe per essere piu' stimolata, ma a me sembrava che fosse perche vuole essere piu' come il fratello piu' grande, dato che il curriculum della sua classe mi sembra adeguato.
Poi c'e'sicuramente il fatto che essendo cresciuta che agisce solo dietro motivazione intrinseca e' molto difficile doversi abituarea a dover fare qualcosa.
Ieri comunque ho parlato con l'insegnante e ha confermato che nonstante giochi con le altre bimbe (stesse che vengono a giocare a casa) arriva un momento in cui si rinchiude in se stessa, il che mi ha spezzato il cuore.
Abbiamo considerato varie soluzioni: che l'insegnante sia disponibile per consolarla se si sente triste, che io le lasci qualcosa di mio da portarsi, che facciamo una lista dei pro e contro della scuola e le ricordo i pro al momento di uscire (questo perche i bimbi vivono molto nel momento e dover alzarsi e uscire a freddo spesso oblitera nell'attimo i vantaggi dell'andare a scuola), e magari che io le dia piu attenzione individuale a casa, perche nonostante dal mio punto di vista la separazione non sia stata traumatica, e' anche vero che io sono meno disponibile.
Vediamo come va, vi sapro' dire.
Juno
 
Messaggi: 2
Iscritto il: martedì 14 novembre 2017, 12:30
Figli: F1 10 anni
F2 6 anni

Re: Non vuole andare a scuola

Messaggioda Emy » martedì 21 novembre 2017, 22:36

Oh beh... Ma non tutti funzionano allo stesso modo, io ad esempio ho bisogno di momenti di solitudine per ricaricarmi, e non sono per niente triste, e questo fin da quando ero piccola.
Stare in mezzo alle persone mi andava bene, ma poi avevo anche bisogno di non interagire.
Magari prova a capire se anche per tua figlia può essere così
Può essere una persona sensibile a cui i continui stimoli possono stancare molto....
Tra l altro, può essere che non tutti i giochi che fa con i coetanei siano interessanti...a me a volte annoiavano...a volte era faticoso cercare di fare giochi per stare con gli altri, emotivamente faticoso..
Emy
*‿*
 
Messaggi: 1633
Iscritto il: sabato 6 dicembre 2008, 2:02
Figli: S 2000 G 2002 D2004


Torna a L'età della scuola (6 anni e oltre)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti