Autosvezzamento

Autosvezzamento

Messaggioda sole » venerdì 14 maggio 2010, 12:39

Ciao a tutt*!
C. ha 5 mesi, il perdiatra mi ha dato il suo bravo schemino per lo svezzamento.. ma ho sentito parlare anche di autosvezzamento.. (non ricordo se proprio qui nel ns forum o altrove..)
Io continuerei ancora con l'allattamento esclusivo, lei cresce benissimo ed è sana come un pesciotto, anche in mezzo a noi tuti malati.. ma a settembre purtroppo andrà al nido e io tornerò in ufficio...
Avete consigli?
grazie e buona giornata!!
Avatar utente
sole
Collaboratore
 
Messaggi: 301
Iscritto il: lunedì 1 febbraio 2010, 10:19
Figli: 2

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Fagiolina » venerdì 14 maggio 2010, 13:25

L'idea dell'autosvezzamento mi sembrava fosse di proporre al bambino gli stessi cibi che mangiate voi, al momento dei pasti, in modo che lui possa scegliere se e cosa assaggiare.
E' molto carina come idea, l'unica cosa è che all'inizio io preferirei proporre cibi che lui sia in grado di "masticare" con le sue gengive (quindi a 5 mesi per esempio non gli proporrei una fetta di carne, ecco) e che non possano creargli problemi di digestione. C'è una gradualità nell'introduzione dei cibi proprio perché lo stomaco dei bambini non è in grado di digerire tutto all'età dei 6 mesi.
Proprio sulla carne avevo letto un bell'articolo tempo fa dove una pediatra affrontava il tema dal punto di vista antropologico e diceva che la natura ci ha fornito dei canini per mangiare la carne per cui, volendo seguire la natura, i bambini in teoria non potrebbero mangiare carne fino agli 8-10 mesi (non mi ricordo più quando nascono i canini... ma insomma ci siamo capiti) :)
Avatar utente
Fagiolina
*‿*
 
Messaggi: 1423
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 12:13
Figli: G 2007
V 2011
P&M 2013

Re: Autosvezzamento

Messaggioda mamazaba » venerdì 14 maggio 2010, 15:37

ciao, per noi l'autosvezzamento non è stato solo un'idea carina, ma un pilastro su cui è cresciuto il nostro rapporto con nina. una volta introiettato che il bambino SA cosa è meglio per lui, cioè dopo aver letto gonzales ( che è anche il MIO pediatra preferito, of course...) , questo concetto si è esteso a tutto il resto, al vestirsi o meno, al dormire ...
è stato illuminante!

i canini a nina sono venuti due mesi fa! ma carne ne ha sempre mangiata, e di gusto ... credo perchè essendo il latte materno "carente" di ferro, lo cercava appunto nella carne. infatti mangia volentieri anche fagioli.
noi l'abbiamo sempre tenuta a tavola con noi, prima sul seggiolone, togliendo quel tavolino davanti, poi sul tric trac ( si chiama così? quella sedia regolabile in altezza...) ma spesso stava ( e sta) in braccio!
da piccolissima ( dopo i 6 mesi di allattamento esclusivo!) le davamo pezzi piccoli piccoli , la carne gliela masticavo io (sembra schifoso ma era funzionale :? ) .
lei non ha mai avuto grandi slanci per il cibo e si è limitata a scarsi assaggi, però di tutto, continuando a ciucciare come prima. in sostanza ancora oggi ciuccia anche 6 - 8 volte al giorno ( notte esclusa) e continua gradualmente a mangiare sempre di più, ma solo quando vuole, può succedere che salti anche tutti e due i pasti principali e non me ne faccio un problema.
però ricordo che all'inizio mi tormentavo, cercavo di calcolare quante paste aveva mangiato, se facevamo progressi ... solo piano piano ho "mollato" e ho lasciato la gestione a lei! devo dire che adesso sto molto meglio :-D
Avatar utente
mamazaba
*‿*
 
Messaggi: 2044
Iscritto il: martedì 13 ottobre 2009, 13:02
Figli: zaba 2008

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Effi B. » venerdì 14 maggio 2010, 16:00

Le tabelle del pediatra buttale pure via o tienile in poco conto. Quello che conta non sono gli schemi, ma il bambino.
Dal 2001 l'OMS ha corretto le sue indicazioni spostando l'introduzione dei cibi solidi a DOPO il compimento del sesto mese. Ma i pediatri sembrano non averlo sentito manco la notizia gliela dovesse portare un piccione viaggiatore.
Inoltre, sempre l'OMS consiglia l'allattamento PREDOMINANTE per tutto il primo anno di vita, COMPLEMENTARE fino al secondo e oltre.
Detto questo, ripeto, si osserva la bimba o il bimbo e si comincia. All'inizio quello che dobbiamo offrir loro sono esperimenti di tutti i tipi: i sapori nuovi, le consistenze dei cibi, l'uso di stoviglie e posate (più per giocare che per altro). Col tempo mangeranno, all'inizio devono assaggiare. La pappa migliore resta quella calda e sempre pronta che produce la mamma. Gonzales mi pare dica che con latte di mamma e un'integrazione di ferro si può arrivare al militare.
Quanto al ferro, il problema è risolto se al momento della nascita si è aspettato a recidere il cordone. Il sangue placentare che ancora vi scorre passa al bambino e lo protegge dai rischi di anemia molto a lungo. Altrimenti sì è opportuno integrare, ma senza affanno. Non c'è solo la carne, ci sono anche i legumi (tipo le lenticchie rosse decorticate, i piselli spezzati, poi i ceci, l'importante è che non ci siano le bucce che contengono troppa fibra), basta aggiungere qualche goccia di limone perché il ferro vegetale è ben assimilabile con la vitamina C, ci sono ad esempio le albicocche secche. Anche qui ognuno fa come sente e segue le abitudini familiari. Io sono vegetariana e anche i miei figli per ora lo sono.
Non è detto che si debba cominciare con la frutta, anzi cruda avrebbe un po' troppa fibra. Anch'io come Fagiolina sono per le introduzioni graduali e sorvegliate, ma noi abbiamo una triste storia famigliare di intolleranze e allergie.
Per il momento Pietro sgranocchia carote e coste di finocchio, le ciuccia, ci si massaggia le gengive, si ammorbidisce in bocca qualche albicocca secca (basta star lì, non mi ha mai dato motivo di temere che se la ingoiasse) e non vi dico che soddisfazione gli dà, ha gradito il latte di mandorla, l'acqua di cottura di verdure e quella dei cereali. Andiamo con calma: di denti ancora non c'è traccia e con suo fratello sono andata avanti fino all'undicesimo mese prima che mi mangiasse un pasto a mezzogiorno. E abbiamo messo insieme comunque 11 chiletti cicciosi col latte di mamma.
Ciao,
Elisa
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 7757
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

Re: Autosvezzamento

Messaggioda sole » venerdì 14 maggio 2010, 20:23

Grazie a tutte!
si si mi sto convincendo per questa strada...
intanto vado avanti con il mio latte e raccolgo info!
Interessante questa cosa del cordone.. per fortuna che questo mio secondo parto è stato molto naturale e rispettoso, per me e per la piccola, e tra le altre cose positive c'è stata proprio la lunga attesa prima di recidere il cordone..
Avatar utente
sole
Collaboratore
 
Messaggi: 301
Iscritto il: lunedì 1 febbraio 2010, 10:19
Figli: 2

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Valentina L. » sabato 15 maggio 2010, 11:28

Ciao,
a me l'autosvezzamento non è molto riuscito...fino ai sei mesi tutto bene, solo latte di mamma e poi libero accesso ai nostri piatti e Andrea rubacchiava di gusto e assaggiava moltissime cose (pane verdure croste della pizza), ma complice un'infezione urinaria mi sono ritrovata a 6 mesi che la sua crescita era ferma da almeno 1 e 1/2 ed essendo partiti dal 10° percentile non avevo molto margine di discussione...ho provato allora a dare qualcosa che potesse andar bene per me e per lui (minestre di cereali e legume, quinoa con le verdure e simili) solo dopo la tetta, tipo aggiunta se mi sembrava che avesse ancora fame, ma mi sono scontrata con una dermatite e quindi mi sono dovuta rassegnare a dare un alimento alla volta ecc...sono comunque fiera di non aver usato baby food (omogeneizzati ed altro) se non in minima parte...poi avevo il problema degli orari (tipo io avevo fame e avevo bisogno di pranzare e lui dormiva!!), di andare a prendere Mattia, di dar da mangiare al grande velocemente qualcosa "a colpo-sicuro" (Mattia è molto selettivo con il cibo e con il fratellino ha avuto una fortissima regressione in questo!) e poi decidere cosa preparare per noi grandi...insomma un po' una grande confusione...poi crescendo anche Andrea ha perso interesse per il cibo: per lui l'ideale sarebbe un boccone-una corsetta pasticciare nel mio piatto e correre al divano ecc...non molto praticabile visto che non cammina da solo...rimane la curiosità di assaggiare tutto o quasi e controllare che piaccia anche a me e questo per me è già molto...cerco di proporre il + possibile gusti netti perchè lui si faccia il suo palato, ma devo dire che il passato di verdura a cui aggiungere legumi, carne o altro alla fine è comodo e visto che non sta molto a tavola ed è piccino mi fa star tranquilla che in pochi bocconi ha preso un po' di tutto...poi se non lo vuole e mangia 2 dei miei spaghetti alla carbonara va benissimo lo stesso...anzi
a questo si unisce il fatto che non è esattamente un "ingoiatore", meglio di suo fratello che vomitava anche la polenta un po' più soda, ma pezzi di pasta o carne ecc lo mettono un po' in difficoltà, si stufa subito e poi è di cattivo umore perchè ha ancora fame, ma magari non di tetta, soprattutto se suo fratello sta mangiando gelato o altro...
V.
V.
Valentina L.
*‿*
 
Messaggi: 1069
Iscritto il: giovedì 2 aprile 2009, 16:21
Figli: M 11/2006
A 05/2009

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Ella » sabato 15 maggio 2010, 11:40

Nel libro de La Leche League "Svezzamento passo dopo passo" c'è scritto proprio tutto di come fare.

al link:


http://www.lllitalia.org/index.php?page ... t&Itemid=1



E' un libricino piccolo che costa anche poco e si legge in un baleno. Io con mio figlio ho seguito queste indicazioni e mio figlio non ha mai avuto problemi e mangiava da solo quello che mangiavamo noi fin da piccolino e non voleva pappe di nessun tipo ed è sempre stato più grande e più pesante della norma. Ma le tabelle del peso e dell'altezza sono da gettare comunque dalla finestra! : Chessygrin :

Anche se nell'introdurre ciascun alimento ci sono sempre degli accorgimenti da seguire tipo aspettare almeno 3 giorni prima di introdurre un nuovo alimento rispetto all'altro e controllare sempre nella tabella quali alimenti è meglio introdurre per primi e quali è meglio evitare.
Ella
 

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Fagiolina » sabato 15 maggio 2010, 11:55

Comunque non ci vedo nulla di così negativo nel voler frullare i primi alimenti di un bambino di 6 mesi invece di darglieli a pezzi, se sono freschi (quindi non gli omogeneizzati industriali per capirci) invece di dargli la carota intera cominciare a fargliela assaggiare tritata il sapore è quello, gli si rende solo più semplice l'approccio con quel sapore.
Anche mio figlio rifiutava tutti i pezzetti, addirittura ancora oggi se gli do lo yogurt con la frutta in pezzi non la mangia mentre lo yogurt con la frutta frullata se lo finisce in un secondo... secondo me dipende molto dal bambino, non c'è una regola più giusta di un'altra
Avatar utente
Fagiolina
*‿*
 
Messaggi: 1423
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 12:13
Figli: G 2007
V 2011
P&M 2013

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Ella » sabato 15 maggio 2010, 12:16

Fagiolina ha scritto:Comunque non ci vedo nulla di così negativo nel voler frullare i primi alimenti di un bambino di 6 mesi invece di darglieli a pezzi, se sono freschi (quindi non gli omogeneizzati industriali per capirci) invece di dargli la carota intera cominciare a fargliela assaggiare tritata il sapore è quello, gli si rende solo più semplice l'approccio con quel sapore.
Anche mio figlio rifiutava tutti i pezzetti, addirittura ancora oggi se gli do lo yogurt con la frutta in pezzi non la mangia mentre lo yogurt con la frutta frullata se lo finisce in un secondo... secondo me dipende molto dal bambino, non c'è una regola più giusta di un'altra



Certo ogni bimbo è diverso e va ascoltato e infatti in questo libro della LLLL si sostiene proprio questo!
Quanto al frullare , mangiare gli stessi alimenti dei genitori non vuol dire per forza darglieli a pezzi,a mio figlio li frullavo oppure gli davo pezzi enormi da ciucciare, in un secondo tempo ne facevo pezzetti piccoli.
Ella
 

Re: Autosvezzamento

Messaggioda tommymama » sabato 15 maggio 2010, 12:54

anche noi con tommaso autosvezzamento e ci siamo trovati bnissimo!a sempre mangiato di tutto (anche il risotto e della carne a dun matrimonio a 7 mesi d esempio). tutt'ora mangia quello che vuole quanto ne vuole. la cosa bella è che noi siamo stati costretti a migliorare la nostra dieta. io ho perso peso mangiando molte cose a vapore. tommaso ha 8 mesi mangiava da solo.
se ti può interessare so che c'è un forum a riguardo www.autosvezzamento.it
ti consiglio il libro il mio bambino non mi mangia!
tommymama
 
Messaggi: 91
Iscritto il: sabato 1 maggio 2010, 15:14
Figli: T.10/2008

Re: Autosvezzamento

Messaggioda lino » domenica 16 maggio 2010, 6:58

Testimonianza nostra.

Per Maria mi sono trovato un po' come Valentina. La bimba era tra il 5o e il 10o percentile.
Diciamo che da 5 a 10 mesi mangio` praticamente un pasto a parte, anche se riducevamo
al minimo l'uso di pappine e frullavamo tutto il resto.

Per Francesco, invece, autosvezzamento no limits. Questo perche' per varie ragioni Francesco e` piu`
cicciottello e poppa molto (ancora adesso alcuni pasti li salta per il latte). Per "no limits" intendo proprio
no limits. Ossia dal settimo mese l'ho piazzato sul seggiolone e ci ho dato da mangiare dal mio piatto,
niente frullatore, al massimo in pezzi piccoli.
Naturalmente bisogna accettare dei compromessi, per esempio accettare che una buona parte del cibo proposto
andra` buttato, gettato, sprecato. Mi rendo conto che dare da mangiare a Maria, alla stessa eta`, era una
cosa piu` "pulita".
Tu ne cede malis, sed contra audentior ito.
Avatar utente
lino
 
Messaggi: 131
Iscritto il: lunedì 14 dicembre 2009, 22:04
Figli: Maria 29.10.2004 Francesco 22.8.2008

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Franci.uk » lunedì 17 maggio 2010, 7:43

Io ho fatto svezzamento puro con Valerio.
Vivevamo in UK e li' non ci sono tutte le regole italiane per l'introduzione dei cibi. Si', si consiglia no sale, no zucchero, no latte vaccino e miele fino all'anno, poi si consiglia di stare attenti ai noti alimenti allergenizzanti, tipo uova, crostacei, ecc. pero' stop. Non tutti pero' seguono autosvezzamento. Ti consiglio questo libro.

Valerio a 6 mesi non ne voleva proprio sapere di mangiare. Verso i 7-8 mesi ha iniziato ad assaggiare qualcosa: tra i primi cibi gli ho dato c'erano broccoletti, fagiolini, patate (al forno, a vapore), cavolfiore. Cavoli e broccoli sono fantastici, perche' si tengono a cimette e i bimbi non fanno fatica, vanno cotti al dente, perche' se no si rompono in mano. Ha iniziato a mangiare maccheroni, quelli grossi dai 9-10 mesi. Gli facevo la carne nel sugo, alla pugliese. La affettavo con l'affettatrice e la mangiava molto volentieri. Piu' o meno nello stesso periodo ha iniziato a mangiare pesce: sarde e sgombro al forno o a vapore : Chessygrin : Mangiava le mele intere, io gli avviavo con un morso e lui continuava. Se e' capace di staccare con un morso e' anche capace di gestire l'alimento in bocca. Le bucce le sputava da solo. All'inizio fanno un po' di "gagging" e la cosa puo' impressionarti. Il cibo arriva in fondo e se non sono capaci di mangiarlo lo ritirano su e lo sputano. E' un meccanismo di autodifesa, se gli dai i pezzi grossi, sono capaci di gestire da soli quello che riescono-non riescono a fare. Dare pezzi piccoli e' piu' pericoloso, perche' non riescono ad attivare questo meccanismo. Magari all'inizio evita cibi che vanno piu' facilmente di traverso: mele e carote crude.
Appena Valerio e' stato in piedi da solo e' venuto in cucina a lavare le verdure con me, se le metteva da solo nel cestello dalla vaporiera.
A 11 mesi mangiava praticamente il risotto con la forchetta :-D

Ah, fino a quel momento si e' rifiutato categoricamente di essere imboccato, se solo provavo a portargli il cibo alla bocca protestava furiosamente.
E' pure risultato allergico all'uovo, ma non e' stato un grosso problema.

Comunque, se hai qualche domanda pratica, chiedi pure.


Fagiolina ha scritto:Comunque non ci vedo nulla di così negativo nel voler frullare i primi alimenti di un bambino di 6 mesi invece di darglieli a pezzi


Un motivo c'e': introdurre cibo frullato significa mangiare di piu', e' piu' difficile dire: basta, sono sazio. Ricordo un giorno che venne un'amica a pranzo, con suo figlio che ha la stessa eta' di Valerio. Avevano poco meno di un anno. Feci fa mangiare dei capelli d'angelo con un sughetto di carne e pisellini. Valerio si mangio' le sue due matassine di pasta, un bel piattino. E, piu' o meno, cucinai le stesse quantita' per l'altro bimbo, ma le dovetti frullare, alla fine per l'altro bimbo non era sufficiente e ne dovetti preparare molto di piu'.
Franci.uk
 
Messaggi: 419
Iscritto il: mercoledì 25 febbraio 2009, 10:27
Località: Principato di Monaco
Figli: Valerio 08 luglio 2007

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Fagiolina » lunedì 17 maggio 2010, 9:33

Franci.uk ha scritto:
Fagiolina ha scritto:Comunque non ci vedo nulla di così negativo nel voler frullare i primi alimenti di un bambino di 6 mesi invece di darglieli a pezzi


Un motivo c'e': introdurre cibo frullato significa mangiare di piu', e' piu' difficile dire: basta, sono sazio. Ricordo un giorno che venne un'amica a pranzo, con suo figlio che ha la stessa eta' di Valerio. Avevano poco meno di un anno. Feci fa mangiare dei capelli d'angelo con un sughetto di carne e pisellini. Valerio si mangio' le sue due matassine di pasta, un bel piattino. E, piu' o meno, cucinai le stesse quantita' per l'altro bimbo, ma le dovetti frullare, alla fine per l'altro bimbo non era sufficiente e ne dovetti preparare molto di piu'.

Scusa Franci ma la prova non è attendibile per affermare una cosa del genere... sono 2 bimbi diversi con due appetiti e due gusti diversi, se uno vuole mangiare più dell'altro non significa che il motivo sia per il cibo frullato...
Prova evidente è che per mio figlio frullavo le cose ma lui non ha mai avuto un grande appetito e lasciava la "pappa" come ora lascia la pasta o la carne... il suo comportamento non è cambiato affatto passando dal cibo frullato a quello in pezzi.
Avatar utente
Fagiolina
*‿*
 
Messaggi: 1423
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 12:13
Figli: G 2007
V 2011
P&M 2013

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Valentina L. » lunedì 17 maggio 2010, 10:10

Elisa B. ha scritto:E abbiamo messo insieme comunque 11 chiletti cicciosi col latte di mamma.

stai dicendo che Pietro pesa adesso 11 kg?!?! cioè potrebbe prendere in braccio Andrea che credo sia sugli 8.5?!?!?!?! però deve prima prenderlo :rotfl: :rotfl: :rotfl:
V.
Valentina L.
*‿*
 
Messaggi: 1069
Iscritto il: giovedì 2 aprile 2009, 16:21
Figli: M 11/2006
A 05/2009

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Franci.uk » lunedì 17 maggio 2010, 11:56

Fagiolina ha scritto:Scusa Franci ma la prova non è attendibile per affermare una cosa del genere... sono 2 bimbi diversi con due appetiti e due gusti diversi, se uno vuole mangiare più dell'altro non significa che il motivo sia per il cibo frullato...
Prova evidente è che per mio figlio frullavo le cose ma lui non ha mai avuto un grande appetito e lasciava la "pappa" come ora lascia la pasta o la carne... il suo comportamento non è cambiato affatto passando dal cibo frullato a quello in pezzi.


Certo, sono sicura che l'altro bambino, di suo, mangiasse piu' di Valerio. Pero' indipendentemente dall'appetito, secondo me ingerire cibo solido o liquido non e' uguale: quanto ci metti a mangiare una mela a pezzi o una mela grattugiata? E' piu' lento mangiare a pezzi grossi, riesci a sentire diversamente quando arrivi al punto di sazieta'? sicuramente un bambino che non vuol mangiare, ci mettera' una vita pure a finire la pappa liquida, ma allora probabilmente non la voleva tanto per cominciare :roll:
Adesso, non so se la Rapley nel libro che ho citato ha linkato degli studi, logicamente mi fila che i bambini che mangiano liquido mangiano di piu' di quanto non mangerebbero se avessero l'opportunita' di mangiare solido. Si dice che l'autosvezzamento sia particolarmente adatto per i bambini che sono stati allattati al seno: come si sono abituati a regolare la loro richiesta di latte al seno, cosi', indipendentemente, possono regolare la loro necessita' di cibo solido. Certo che pure i bambini alimentati a formula, quando non vogliono proprio mangiare non finiscono il biberon. Ma secondo me il bambino allattato riesce a sviluppare un meccanismo di autoregolazione diverso, cosi' come un bambino che fa autosvezzamento. Da un articolo di A. Barbieri sull'indipendent qui: " First, a baby will take as much or as little as it needs; this approach, Rapley has observed (she conducted a study in 2000/1), stops them becoming constipated. Constipation is something that seems to trouble many babies not long after solids are introduced; it’s not certain why, but it could be because if they are spoon-fed, they are fed more than their young systems can handle." Quindi forse rimane solo un'ipotesi, ma mi sembra sensata, tutto qui.
Ognuno sceglie la strada che vuole. Ma, nel mio caso, e' stata una delle scelte di cui sono stata piu' contenta, nonostante le quintalate di roba che ho dovuto raccogliere da terra.

Altri articoli interessanti da Iwantmymum

qui
qui
qui
Franci.uk
 
Messaggi: 419
Iscritto il: mercoledì 25 febbraio 2009, 10:27
Località: Principato di Monaco
Figli: Valerio 08 luglio 2007

Re: Autosvezzamento

Messaggioda nacquinellacqua » lunedì 17 maggio 2010, 23:30

La prima volta che ho sentito parlare di autosvezzamento è stato ad un incontro della LLL a cui sono anata quando iris aveva 2 mesi. Nella mia ignoranza l'idea che un bambino manifestasse da solo l'idea di mangiare alto dal cibo mi aveva veramente sorpresa: ricordo le mie domande e lo stupure che ho provato. Così sono andata a casa con il libretto della LLL sullo svezzamento e l'ho letteralmente studiato anche se mi sfuggiva effettivamente COME fare...
alcuen cose mi sembravano problemi insormontabili: tipo COME offrire certi cibi ...(tagliati quanto? ma se dovevano fare i loro esperimenti da soli come prepararli)
La strada come al solito me l'ha indicata Iris: mentre passavano i mesi e io ci stavo apensare, lei ha agito
e così a 5 mesi mi ha rubato il tost dal piatto e si è messo a ciucciarlo di brutto
é stato semplicemente stupendo!!!
da lì ho capito i suoi sguardi ai nostri cibi: ma anche se li avevo notati mi sembrava veramente troppo presto
Ricordo che proprio in quei giorni ero stata dalla pediatra e lei tassativamente mi aveva detto di non darle nulla!!!
io ero in crisi perchè volevo aspettare i 6 mesi ma l'interesse di iris era palese
così per un mese le ho fatto assaggiare la frutta e le verdure (la pediatra, alle mie insistenze, mi aveva concesso al massimo mela e pera) di stagione che iris gradiva tantissimo...ad ogni pasto le preparavo qualcosa perchè voleva assaggiare e così per non darle le nostre cose preparavo frutta (pezzi da succhiare che gradiva di più della frutta garttuggiata)e qualche volta verdura (ero partita anche con i pezzi di pane ma la pediatra aveva terrorizzato il mio compagno con i pericoli della celiachia quindi ho deciso di assecondarlo fino ai 6 mesi)
Al sesto mese siamo partiti con le pappe: ammetto che però io ero veramente poco convinta su quegli intrugli
sul mettere tutto dentro in un miscuglio in cui mi sembrava ci fosse poco gusto
così separavo: ossia una volta mettevo una verdura e un pò di farina
altre volte la carne
mai tutto insieme
e solo cibi freschi (mi avevano detto che iris non li avrebbe mai mangiati...ma non era così...iris preferiva la carne che sapeva di carne,..al massimo con un pà di farine e/o verdure per amalgamarla) e il resto separato
Nel frattempo assaggiava di tutto
le ho dato comunque le pappe per "quieto vivere"..perchè veramente mi sono trovata il mondo contro
I miei genitori (che vedono spesso la bimba...i suoceri son invece lontani) e il mio compagno sbiancavano se davo un pezzetino di qualcosa per paura che si strangolasse
Invece iris è stata da subito abilissima: al massimo tossiva e sputava i pezzi che non riusciva a gestire
per un pò si è interessata alle pappe (effetto novità) però a circa 9nmesi non le ha più volute:
non voleva più essere imboccata e allora
pappe abolite
da allora mangia tutto ma tutto quello che mangiamo noi
(premetto che io cucino in maniera piuttosto semplice e sana)
Non è sempre stato facile
ricordo intorno ai 7 mesi che sono andata un pò in crisi
ma la colpa è stata mia perchè si avvicinava il momento del ritorno al lavoro e "mi serviva che mangiasse altro dal latte"
l'idea di tirarmelo e farglielo dare col biberon mi sembrava ancora più complicato e difficile (non ho mai avuto un gran rapporto con il tiralatte e l'idea del biberon...mi dava fastidio...come se mi privasse di qualcosa, ma credo che tutto si riconducesse all'idea del lavoro, è stata proprio dura acccettare di non stare a casa con lei)
così credo che in qualche modo lei sentisse la mia tensione
perchè iris assaggiava tutto
ma appunto assaggiava
poi se aveva fame: latte latte latte
prima durante e dopo
Una volta per togliermi il dubbio (anche su suggerimento di mia mamma), ho prvato ad andare via per pranzo
Le ho detto di non forzarla in nessunamaniera che tanto sarei tornata prestissimo (figurarsi...dopo 10 min lontano da iris già sentivo la mancanza)
E iris ha mangiato le pappe di gusto
Così mi sono rilassata, non ci ho più pensato
e da allora non ci sono stati intoppi
magari ho sbagliato a fare questa cosa...però l'effetto è stato utile per me

Ricordo benissimo un sabato a pranzo che siamo andati ad una sagra della polenta
Io avevo portato un termos con della pappa per iris (preparavo sempre qualcosa x lei...perchè mi sembrava quasi un gesto d'amore fare una pappa speciale..così poteva essere libera di assaggiare quello che voleva, bere il latte e mangiare anche la sua pappa) e per la prima volta, quando ci siamo seduti, lei ha mangiato la sua pappa avendo fame
ossia per la prima volta ho visto che se aveva fame cercava la pappa e non il latte
e infatti poi dopo un assaggio della pappa ha voluto mangiare la polenta
e con che gusto!!!
adora la polenta
quando la faccio ne mangia sempre tantissima

ricordo con gioia quella giornata perchè è stata una gironata di svolta
da lì iris ha veramente iniziato a mangiare e non solo assaggiare

e infatti quando sono arrivata a sera, proprio prima della nanna ho sentito un pò di tensione al seno e mi sono resa conto che iris non aveva preso il latte dalla mattina appena alzata!!!

da allora ha fatto un pò lo io io
nel senso che fa dei periodi in cui quasi prende solo il latte
anche se lavoro magari mangia pochissimo e poi si rifa quando torno
e poi dopo qualche giorno mangia come un camionista

Comunque lo svezzamento per me è stato un momento di grande gioia...vederla mangiare, assaggiare cibi con curiosità
scoprire questo nuovo mondo è stato veramente bello
e ringrazio tanto quel ibretto (poi ho letto altro per documentarmi..ma l'idea è partita da lì )
all'inizio ho cercato di fare un pò una via di mezzo, un pò per dubbi miei ma anche per mettere a tacere chi mi stava attorno
tanto poi ha deciso iris : Chessygrin :
dovreste vederla mangiare gli spaghetti: è abilissima
e pure con tutti i tipi di pasta
Adoro i gusti forti
compresi broccoli e cavoli che adora (e che io mangiavo tranquillamente allattandola con orrore di molti)
Adesso ha voluto la forchetta e sta imparando molto velocemente
Stasera riusciva a infilare i pezzettini di ricotta e a metterli in bocca da sola (in fondo ha solo 14 mesi...)
le ho dato una forchettina da dolce che è più facile da impugnare di una forchetta normale ma ha le punte (come si chiamano) più affilate delle forchettine da bimbi.
e ogni volta che ci riusciva mi chiamava perchè voleva che la guardassi
: Chessygrin : : Chessygrin : : Chessygrin :

mi sono dilungata tanto...
e avrei ancora moltissime cose da scrivere
diciamo che questo è stato un buon spunto per scrivere qualcosa di me (è mesi che mi manca il coraggio scusate)
e per rasserenarmi ricordando qualcosa di piacevole in una serata piuttosto triste (vedi altro topic)

Non rileggo...scusate ma è tardissimo
e se lasciassi in memoria il messaggio conoscendomi non lo mandarei più
spedisco pronti via e non ci penso più
Nacquinellacqua

Senza spiegare nulla, senza dirti dove, ci sara' sempre un mare, che ti aspetta
Avatar utente
nacquinellacqua
*‿*
 
Messaggi: 736
Iscritto il: martedì 16 febbraio 2010, 9:47
Figli: Pesciolino110309
Trottolina 100912

Re: Autosvezzamento

Messaggioda sole » mercoledì 19 maggio 2010, 15:39

Grazie a tutti per l'arricchimento di questo topic con le vostre esperienze! mi sono davvero molto utili..anche se ancora non ho deciso il da farsi... forse di mezzo c'è anche il fatto che non amo cucinare... e allora forse le pappe mi sembrano più comode...

nacquinellacqua ha scritto:e se lasciassi in memoria il messaggio conoscendomi non lo mandarei più

cara nacqui, ma perchè?
è stato bellissimo leggerti, mi hai trasmesso tantissima tenerezza ed entusiasmo nel raccontare dello svezzamento di iris.. non vedo l'ora di inizare! gli episodi del toast e della polenta sono davvero buffi :mrgreen:

mi hai anche fatto pensare a settembre, quando tornerò in ufficio.. sento anche io che non sarà facile separarmi da C., forse mi devo iniziare ad abituare un pochino..in modo da non arrivare totalmente impreparata...

grazie ancora, comunque..non ti censurare più! :-D
Avatar utente
sole
Collaboratore
 
Messaggi: 301
Iscritto il: lunedì 1 febbraio 2010, 10:19
Figli: 2

Re: Autosvezzamento

Messaggioda miki.arcon » sabato 22 maggio 2010, 6:37

Anche noi autosvezzamento per entrambi. Motivo principale? La mia pigrizia, e il fatto che non ho mai visto nessun motivo sensato per dare pappette... Tanto più che a me non piacciono... Avevo due bimbi molto grossi, che ciucciavano alla grande, quindi non temevo per la loro crescita (anche se a 7-8 mesi, quando hanno cominciato a mangiare, entrambi si sono fermati completamente fino a dopo l'anno). Istintivamente non mi sono mai molto preoccupata per il soffocamento... Non so perchè... Ma si sono sempre gestiti molto bene pezzi e pezzetti. Io ho sempre usato dare assaggi dal mio piatto (o dal mio panino : Chessygrin : ) staccando i pezzettini piccoli coi denti (miei) e porgendoli con le dita. A volte, se vedevo interesse per quel cibo ma difficoltà a masticare, li masticavo io: Sofia ha mangiato così le mandorle (che amava moltissimo, e tra l'altro mi pare contengano ferro...?) fino a quando ha finito di mettere i premolari. Poi bisogna guardare il bambino. Sofia mangiava volentieri le cose premasticate (non ho il frullatore quindi non ho mai fatto frullati veri e propri, solo qualche passato di verdure col minipimer o qualche minestra di farina per le emergenze) ma non i passati, Federico mangia yogurt e passato di verdure, se proprio deve, ma qualsiasi cosa masticata o frullata o troppo cremosa gli fa schifo. Mangia la frutta intera masticandola direttamente, ma se lo stesso frutto glielo dai frullato o a pezzetti fa una faccia disgustata. Sofia ama la frutta secca e le cose dolci, Federico va pazzo per carne e prosciutto crudo (non vi dico le facce della gente, sembra che il prosciutto crudo sia pericolosissimo... Io non lo sapevo e l'ho sempre fatto assaggiare a piccoli pezzi, senza problemi).
Sul discorso pigrizia: io ho provato qualche volta con Sofia a cucinare separato, ma è più complicato e non ha mai un grande successo. Quando proprio quello che prepariamo per cena non gli piace o non gli va, abbiamo il nostro passepartout: brodo vegetale istantaneo Rapunzel (buonissimo) con pastina o gnocchi di semolino. Se rifiutano anche quello vuol dire che non hanno semplicemente fame!
miki.arcon
*‿*
 
Messaggi: 786
Iscritto il: martedì 30 giugno 2009, 6:08
Località: over the rainbow
Figli: S. (2006) e C. (2008)

Re: Autosvezzamento

Messaggioda rughetta » venerdì 18 marzo 2011, 0:23

anche io in fase svezzamento, alice ha 10 mesi passati, ma ciuccia tanto e lo sto facendo lentamente. è stato illuminante leggere tutte le vostre esperienza. io ho iniziato con le farine, mi sono fatta regalare un mulino e macino il riso, orzo e vari con verdure ... ma ... non sapevo nulla di autosvezzamento. Ho iniziato con le pappe perchè alice ciucciava un casino e a 7/8 mesi avevo bisogno di staccare un pochino. adora lo yogurt e non gradisce i pezzi ma adesso sono in crisi un pò ... mi chiedo se avendogli dato sempre creme non faccia difficoltà con i pezzi perchè disabituata. comunque inizierò a farla mangiare con noi e a farle assaggiare quello che chiede con più convinzione, e cercherò di superare la paura che si strozzi, oltretutto ho verificato che al massimo fa un conato di vomito e tira fuori tutto. chissà perchè mi crea ansia ma vedendo come si comportano i miei al riguardo, posso immaginare!
mentre scrivo ricordo che per esempio qualche tempo fa ha agguantato il parmigiano e se l'è morsichettato con gusto. é sempre il papà che gli fa fare queste esperienze gnammose, io sono più cauta. comunque mi impegnerò per farmi guidare dalla sua saggezza .
notte
Avatar utente
rughetta
 
Messaggi: 6
Iscritto il: martedì 15 marzo 2011, 18:50
Figli: F1 02.05.2010

Re: Autosvezzamento

Messaggioda Kino » venerdì 18 marzo 2011, 9:17

Non avendolo letto forse non dovrei azzardare a fare nomi, ma ho sentito molto parlare di "Io mi svezzo da solo" del dottor Lucio Piermarini. Se ne parla spesso nel newsgroup Bebe' a costo zero, per cui mi sembra garanzia di rispetto, empatia, ecc. ecc. Certo che, per gli stralci letti, i consigli del dottor Piermarini che leggo altrove, per quel che ne ho capito, e' molto "autosvezzamento estremo".
Come per tutte le cose, cum grano salis ognuno accetta quello che c'e' di buono. Certo che piuttosto del video della Mellin in cui la mamma testimonial diceva: allattavo Luca 10 minuti al seno destro e 10 al sinistro (visto in un momento in cui la pediatra mi aveva prospettato l'obesita' di mia figlia cresciuta di 9 kg in 6 mesi ed allattata esclusivamente al seno a richiesta, figuratevi le paranoie!) preferisco l'altro estremo se proposto con rispetto e avendo il bambino al centro dell'universo svezzamento.
"Non e' mai troppo tardi per avere un'infanzia felice"

Immagine

Immagine
Avatar utente
Kino
 
Messaggi: 90
Iscritto il: mercoledì 1 dicembre 2010, 10:23
Figli: X S 16.04.2008
S 22.11.2011
A 24.7.2016

Prossimo

Torna a Neonati (0-12 mesi)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite