Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzia

Notizie e avvisi importanti.

Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzia

Messaggioda foglievive » martedì 16 novembre 2010, 10:31

La nostra Silvia D. : Love : ha proposto una bella iniziativa per la Giornata Mondiale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. Ne abbiamo parlato un pò ed ecco quanto :friends:


Cari amici vogliamo compilare insieme un Alfabeto del sorriso per la Giornata per i diritti dell'infanzia che si celebra il 20 novembre 2010?

Aiutateci a trovare termini significativi e citazioni (anche frasi vostre personali)
per ciascuna lettera dell'Alfabeto.
Il risultato sarà pubblicato sul Sito in occasione del 20 nov.

Sinora abbiamo scelto alcune citazioni di autori a noi cari presenti nelle nostre pillole.
Nulla vieta di accogliere frasi di altri autori a voi cari o frasi vostre o dei vostri bambini.




A come attaccamento

"Per avere cura dei nostri figli, dobbiamo reclamarli a noi e assumerci il compito di provvedere ai loro bisogni di attaccamento". (Neufeld, Matè)

B come bisogni
"I capricci sono etichette sociali che si danno ai bisogni e noi pensiamo che sia importante rispondere a questi ultimi non usando sistemi di condizionamento (ricompense o punizioni), ma mettendoci in ascolto dell'emozione" (Un papà)

C come

D come

E come empatia
"Picchiare degli adulti, è tortura, picchiare dei bambini, è educazione. Forse che questo non basta a mettere chiaramente e nettamente in evidenza una anomalia che perturba il cervello della maggior parte delle persone, una “lesione”, un buco enorme al posto di dove si dovrebbe trovare l’empatia, in particolare VERSO I BAMBINI?" (A. Miller)

F come felicità

"Il miglior modo per avere figli buoni è renderli felici". (Oscar Wilde)

G come gentilezza
"Non c'è ragione per cui non si possa dire ai bambini di no nello stesso modo gentile che usiamo quando si dice di sì". (John Holt)

I come

L come

M come

N come

O come

P come punizioni
"Non si può essere dalla parte dei bambini, e contemporaneamente punirli e spaventarli" (A.S. Neill)

Q come

R come

S come

T come

U come

V come vincolo affettivo
"La qualità del vincolo affettivo con la madre predice la qualità dei vincoli affettivi con le altre persone". (C. Gonzales, parafrasando Bowlby)
Avatar utente
foglievive
NTIS
 
Messaggi: 3631
Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 22:37
Figli: M2006

Re: Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzi

Messaggioda Ella » martedì 16 novembre 2010, 11:10

Bella iniziativa al momento mi viene da proporre sempre delle pillole del sito:

"Concentrandoci sulla lode o sulla critica si producono personalità dipendenti, controllate dall'esterno. I bambini educati con questo metodo hanno poca autostima e mancano di capacità di valutare sè stessi".(J. Juul)

Sotto la L di Lode o sotto la C di critica

Innalzarsi sotto la I:


"Dite: é faticoso frequentare bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non é questo che più stanca. É piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi fino all'altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. PER NON FERIRLI". (J. Korczack)

Rispetto sotto R:

Il principio di una educazione senza violenza si riassume in tre parole: rispettare il bambino. La messa in pratica di tale rispetto è anch’essa molto semplice da definire: trattare il bambino come vorremmo che lui trattasse noi. (O. Maurel)


Sacrificio sotto S:

Una frase di un post di Patrizio: "il sacrificio del bambino, in un contesto patogeno, è la regola perchè "il pesce più piccolo mangia sempre quello più grande". E fino a quando vedrremo i nostri cuccioli come oggetti a nostra disposizione, le cosa non potranno cambiare. Tuttavia il prezzo da pagare per questi "crimini privati e pubbliche virtu'" che si perpetuano dietro "rispettabili apaprenze" cade su tutta la società attraverso la trasmissione intergenerazionale della vittimizzazione inconscia."

Se lui è d'accordo, nel topic: viewtopic.php?f=9&t=45&start=80

EDIT:

"I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli
tutto ogni volta."


"Non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi."


dal libro "Il piccolo principe" di Antoine-Marie-Roger de Saint-Exupéry
Ella
 

Re: Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzi

Messaggioda Roberta » martedì 16 novembre 2010, 14:47

a me vengono in mente poche cose, ma appena ho letto C ho pensato alle coccole (Ci sono solo due cose che devi fare con un neonato: prenderlo in braccio quando piange e allattarlo quando apre la bocca!" (Un pediatra ad una neo-mamma) F come fiducia ("Il bambino nasce competente e dispone già di nozioni, valori e criteri di valutazione che orientano concretamente la sua esperienza. Comunemente, invece, ci si comporta con lui come se fosse una specie di tabula rasa su cui i genitori devono imprimere le conoscenze necessarie per un regolare sviluppo umano e sociale." (J. Juul)),I d'indipendenza (“Ma non dovremmo lasciarli andare?”, chiedono molti genitori, “i figli non dovrebbero essere autonomi e indipendenti?”. Certamente! Ma solo dopo aver portato a termine il nostro lavoro di genitori e solo affinchè possano essere realmente sé stessi! " (Neufeld, Matè)) L come libertà di essere ("Intorno ai due anni, i bambini cominciano gradualmente a liberarsi della loro totale dipendenza dai genitori. Vogliono sentirsi liberi di pensare, sentire e agire per conto loro. (...) E come reagisce la maggioranza dei genitori? (...) quando i bambini diventano indipendenti, alcuni genitori reagiscono con un comportamento di sfida". (J. Juul)) U come unicità ("Lo sviluppo del bambino ha le sue leggi e se vogliamo aiutarlo a crescere dobbiamo seguirlo, e non imporci a lui." (M. Montessori))
Non esiste una strada verso la felicità. La felicità è la strada
Avatar utente
Roberta
*‿*
 
Messaggi: 1578
Iscritto il: giovedì 28 maggio 2009, 21:58
Località: Genova
Figli: M. febbraio 2008
E. agosto 2011

Re: Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzi

Messaggioda Luce78 » martedì 16 novembre 2010, 22:08

M come mondo nonviolento
"Se esiste un uomo non violento, perche’ non puo’ esistere una famiglia non violenta? E perche’ non un villaggio? una citta’, un paese, un mondo non violento?" (Gandhi)

N come no
"Non c'è ragione per cui non si possa dire ai bambini di no nello stesso modo gentile che usiamo quando si dice di sì". (John Holt)

O come onestà
"Utilizzando un modo di comunicare fondato sulla chiarezza e sull'onestà, è possibile creare relazioni familiari basate sul rispetto e sull'arricchimento reciproco." (M.B.Rosenberg)

T come testimone consapevole
"Un Testimone soccorrevole è per me una persona che sta accanto (sia pure episodicamente) a un bambino maltrattato e gli offre un appoggio, un contrappeso alla crudeltà che caratterizza la sua vita quotidiana. Questo ruolo può essere svolto da qualunque persona del suo ambiente: un insegnante, una vicina, un collaboratore domestico o anche la nonna. Molto spesso si tratta di un fratello o di una sorella. Questo testimone è una persona che offre un po' di simpatia o d'amore al bambino picchiato o abbandonato. Non cerca di manipolarlo a scopi educativi, ha fiducia in lui e gli trasmette il sentimento di non essere "cattivo" e di meritare affetto e gentilezza. Grazie a questo testimone, che non necessariamente dev'essere consapevole del suo ruolo decisivo e salvifico, il bambino apprende che al mondo esiste qualcosa come l'amore. In circostanze favorevoli, il bambino svilupperà fiducia nel suo prossimo e potrà custodire in sé amore, bontà e altri valori della vita." (Alice Miller)
Alice

"I nostri figli ci offrono l'opportunità di diventare quel tipo di genitori che avremmo sempre sognato avere" (Louise Hart)
Avatar utente
Luce78
 
Messaggi: 1363
Iscritto il: martedì 7 luglio 2009, 12:10
Figli: O. 2005

Re: Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzi

Messaggioda Effi B. » mercoledì 17 novembre 2010, 0:25

Q - qualità di comprensione
"ogni volta che non riusciamo a dare ai nostri figli la qualità di comprensione di cui hanno bisogno, non siamo stati capaci di esprimerci con onestà" (Marshall B. Rosenberg)

:idea!: E chiedere a Mel una citazione o una sua riflessione sull'homeschooling per la lettera H?

Se non ho visto male mancano solo D e Z
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 6624
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

Re: Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzi

Messaggioda foglievive » mercoledì 17 novembre 2010, 11:05

Elisa B. ha scritto: :idea!: E chiedere a Mel una citazione o una sua riflessione sull'homeschooling per la lettera H?


: Bash : : Yahooo : : Groupwave :
Avatar utente
foglievive
NTIS
 
Messaggi: 3631
Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 22:37
Figli: M2006

Re: Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzi

Messaggioda foglievive » venerdì 19 novembre 2010, 14:16

ho messo tutto in un unico messaggio,
sperando di non aver saltato nulla,
ecco quanto
a tutt* voi : Love : : Love :
(mancano D, H, Z)

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Alfabeto del sorriso
per la Giornata per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza che si celebra il 20 novembre 2010.


Si possono sempre aggiungere nuovi termini : Love :



A come attaccamento

"Per avere cura dei nostri figli, dobbiamo reclamarli a noi e assumerci il compito di provvedere ai loro bisogni di attaccamento". (Neufeld, Matè)

B come bisogni
"I capricci sono etichette sociali che si danno ai bisogni e noi pensiamo che sia importante rispondere a questi ultimi non usando sistemi di condizionamento (ricompense o punizioni), ma mettendoci in ascolto dell'emozione" (Un papà)

C come coccole
“Ci sono solo due cose che devi fare con un neonato: prenderlo in braccio quando piange e allattarlo quando apre la bocca!" (Un pediatra ad una neo-mamma)

E come empatia
"Picchiare degli adulti, è tortura, picchiare dei bambini, è educazione. Forse che questo non basta a mettere chiaramente e nettamente in evidenza una anomalia che perturba il cervello della maggior parte delle persone, una “lesione”, un buco enorme al posto di dove si dovrebbe trovare l’empatia, in particolare VERSO I BAMBINI?" (A. Miller)

F come felicità, fiducia

"Il miglior modo per avere figli buoni è renderli felici". (Oscar Wilde)
"Il bambino nasce competente e dispone già di nozioni, valori e criteri di valutazione che orientano concretamente la sua esperienza. Comunemente, invece, ci si comporta con lui come se fosse una specie di tabula rasa su cui i genitori devono imprimere le conoscenze necessarie per un regolare sviluppo umano e sociale." (J. Juul)

G come gentilezza
"Non c'è ragione per cui non si possa dire ai bambini di no nello stesso modo gentile che usiamo quando si dice di sì". (John Holt)

I come innalzarsi, indipendenza
"Dite: é faticoso frequentare bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non é questo che più stanca. É piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi fino all'altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. PER NON FERIRLI". (J. Korczack)
“Ma non dovremmo lasciarli andare?”, chiedono molti genitori, “i figli non dovrebbero essere autonomi e indipendenti?”. Certamente! Ma solo dopo aver portato a termine il nostro lavoro di genitori e solo affinchè possano essere realmente sé stessi! " (Neufeld, Matè)

L come lode, libertà di essere
"Concentrandoci sulla lode o sulla critica si producono personalità dipendenti, controllate dall'esterno. I bambini educati con questo metodo hanno poca autostima e mancano di capacità di valutare sè stessi".(J. Juul)
"Intorno ai due anni, i bambini cominciano gradualmente a liberarsi della loro totale dipendenza dai genitori. Vogliono sentirsi liberi di pensare, sentire e agire per conto loro. (...) E come reagisce la maggioranza dei genitori? (...) quando i bambini diventano indipendenti, alcuni genitori reagiscono con un comportamento di sfida". (J. Juul)

M come mondo nonviolento
"Se esiste un uomo non violento, perche’ non puo’ esistere una famiglia non violenta? E perche’ non un villaggio? una citta’, un paese, un mondo non violento?" (Gandhi)

N come no
"Non c'è ragione per cui non si possa dire ai bambini di no nello stesso modo gentile che usiamo quando si dice di sì". (John Holt)

O come onestà
"Utilizzando un modo di comunicare fondato sulla chiarezza e sull'onestà, è possibile creare relazioni familiari basate sul rispetto e sull'arricchimento reciproco." (M.B.Rosenberg)

P come punizioni
"Non si può essere dalla parte dei bambini, e contemporaneamente punirli e spaventarli" (A.S. Neill)

Q come qualità di comprensione
"Ogni volta che non riusciamo a dare ai nostri figli la qualità di comprensione di cui hanno bisogno, non siamo stati capaci di esprimerci con onestà" (Marshall B. Rosenberg)

R come rispetto
“Il principio di una educazione senza violenza si riassume in tre parole: rispettare il bambino. La messa in pratica di tale rispetto è anch’essa molto semplice da definire: trattare il bambino come vorremmo che lui trattasse noi”. (O. Maurel)

S come sacrificio
"il sacrificio del bambino, in un contesto patogeno, è la regola perchè "il pesce più piccolo mangia sempre quello più grande". E fino a quando vedrremo i nostri cuccioli come oggetti a nostra disposizione, le cosa non potranno cambiare. Tuttavia il prezzo da pagare per questi "crimini privati e pubbliche virtu'" che si perpetuano dietro "rispettabili apaprenze" cade su tutta la società attraverso la trasmissione intergenerazionale della vittimizzazione inconscia." Patrizio Lampariello

T come testimone consapevole
"Un Testimone soccorrevole è per me una persona che sta accanto (sia pure episodicamente) a un bambino maltrattato e gli offre un appoggio, un contrappeso alla crudeltà che caratterizza la sua vita quotidiana. Questo ruolo può essere svolto da qualunque persona del suo ambiente: un insegnante, una vicina, un collaboratore domestico o anche la nonna. Molto spesso si tratta di un fratello o di una sorella. Questo testimone è una persona che offre un po' di simpatia o d'amore al bambino picchiato o abbandonato. Non cerca di manipolarlo a scopi educativi, ha fiducia in lui e gli trasmette il sentimento di non essere "cattivo" e di meritare affetto e gentilezza. Grazie a questo testimone, che non necessariamente dev'essere consapevole del suo ruolo decisivo e salvifico, il bambino apprende che al mondo esiste qualcosa come l'amore. In circostanze favorevoli, il bambino svilupperà fiducia nel suo prossimo e potrà custodire in sé amore, bontà e altri valori della vita." (Alice Miller)

U come unicità
"Lo sviluppo del bambino ha le sue leggi e se vogliamo aiutarlo a crescere dobbiamo seguirlo, e non imporci a lui." (M. Montessori)

V come vincolo affettivo
"La qualità del vincolo affettivo con la madre predice la qualità dei vincoli affettivi con le altre persone". (C. Gonzales, parafrasando Bowlby)
Avatar utente
foglievive
NTIS
 
Messaggi: 3631
Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 22:37
Figli: M2006

Re: Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzi

Messaggioda Effi B. » venerdì 19 novembre 2010, 14:23

D come dono: sapere che i genitori pensano esattamente ciò che dicono e dicono ciò che pensano è uno dei doni più belli e duraturi che possiamo fare ai nostri figli" (Juul).

Che dite, un po' vago?
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 6624
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009

Re: Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzi

Messaggioda Ella » venerdì 19 novembre 2010, 15:45

Z come ..zuppetta? ;)

"Questa sera mi sono commossa. Guardando i miei bambini fare una zuppetta di grissini in un bicchiere, da cui il più piccolo estraeva ogni tanto un pezzettino per succhiarlo un po'. Perchè io non ho mai fatto una zuppetta di grissini. E nei momenti bui penso che è per questo che percorro questo cammino, lungo e faticoso: perchè i miei bambini possano fare un sacco di sciocchezze in tutta serenità, e non di debbano chiedere, ad ogni azione, se e quando verranno picchiati." (Una mamma)

H la vedo dura! :? O si trova il nome di un autore che inizia con H o si fa corrispondere H ad altezza o ora e si trovano citazioni aderenti...
Ella
 

Re: Alfabeto del sorriso - Giornata Mondiale Diritti Infanzi

Messaggioda Effi B. » venerdì 19 novembre 2010, 18:12

Bello! Se no avevo pensato a questo: Homeschooling

"La componente fondamentale per il successo della scuola familiare (homeschooling) è la fiducia: abbiamo fiducia che i bambini imparino ciò che sono pronti e interessati a imparare. Confidiamo che sappiano come progredire nel loro apprendimento. Se questo modo di vedere i bambini vi stupisce, considerate come i genitori applichino già questo stesso metodo di apprendimento nei primi due anni di vita dei bambini, quando imparano a stare in piedi, a camminare, a parlare e a fare molte altre cose importanti e complesse con un minimo aiuto da parte di altri" (Jan Hunt).
Avatar utente
Effi B.
NTIS
 
Messaggi: 6624
Iscritto il: mercoledì 24 settembre 2008, 22:15
Figli: Carlo 2006, Pietro 2009


Torna a Segnalazioni e iniziative

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite