[Nuovo articolo su NTIS] Sentire il «sì» dentro al «no»

Scambi di idee sulle letture che ci fanno riflettere. Un'area di confronto in cui discutere degli articoli pubblicati sul sito e degli autori che, in bene o in male, hanno destato il nostro interesse.

[Nuovo articolo su NTIS] Sentire il «sì» dentro al «no»

Messaggioda foglievive » giovedì 26 gennaio 2012, 0:20

Sentire il «sì» dentro al «no» – di Inbal Kashtan.

http://www.nontogliermiilsorriso.org/dr ... al-kashtan
Avatar utente
foglievive
NTIS
 
Messaggi: 3632
Iscritto il: martedì 24 febbraio 2009, 22:37
Figli: M2006

Re: [Nuovo articolo su NTIS] Sentire il «sì» dentro al «no»

Messaggioda nonloso » giovedì 26 gennaio 2012, 12:32

grazie per il bell'articolo.

gli spunti utili a me in particolare sono questi:

Mio figlio ha cominciato ad elaborare strategie che venissero incontro ai bisogni di tutti prima del suo terzo compleanno; strategie spesso originali e praticabili che noi non avevamo intravisto.


molto bello, spero proprio di instaurare questa dinamica biunivoca con nostra figlia

Se si cambiano i programmi per una scelta consapevole che venga incontro a dei bisogni avremo a che fare con qualcosa di molto diverso dal «darla vinta» al bambino e ai suoi «capricci».


questa per me è la cosa più difficile della CNV.
la sensazione di darla vinta, di essere mollacciona, sottomessa etc... purtroppo è dura da vincere. Ma è bello vedere questa prospettiva di "scelta", scelgo quando passare la mano. Poter scegliere è sempre bello.

sedersi sul seggiolino diventi una scelta del bambino piuttosto che una 'lotta di potere' in cui perderebbe.


poveri, in effetti con noi se volessimo, perderebbero sempre..

In ogni caso quando un genitore persiste nell'esprimere onestamente le proprie emozioni e i propri bisogni ed empatizzando con le emozioni e i bisogni della figlia, insieme costruiranno le fondamenta di cui hanno bisogno per trovare strategie che funzionino per la loro relazione per tutta la vita.


me lo tatuo in fronte!

Quando cerchiamo di trasformare il «no» del nostro bambino in una comprensione del «sì» che c'è dietro, otteniamo una rivelazione più profonda [un insight] su quanto motiva le azioni dei nostri figli: bisogni che sono condivisi da tutti gli esseri umani


questa cosa del si dietro al no, è davvero una bella riflessione, mi piace molto, grazie.

di sperimentare più pazienza e tolleranza quando i loro bisogni non sono accolti in quel momento particolare.


...ecco...come sopra..uno dei più grandi scogli da superare per me.

Cambiare il modo in cui rispondiamo ai «no» dei nostri figli significa, in parte, lasciar andare il potere che abbiamo su di loro rinunciando (o almeno riducendo) i «no» che rivolgiamo ad essi


lasciare andare il potere che abbiamo su di loro... già...meno facile quando si tratta dell'asse moglie-marito e se ne comprende anche il perchè...nessuno vuole "subire" il potere dell'altro. difficile in questo caso, difficilissimo.

Esiste un rischio nel rivolgere ai nostri figli delle richieste al posto di pretese o ultimatum: possono rispondere di no e sta a noi accettarlo.


come sopra, sopra...è per me forse la parte più difficile

ma vale la pena ogni giorno tentarci.

grazie!
nonloso
 
Messaggi: 1077
Iscritto il: martedì 4 ottobre 2011, 12:40
Figli: F12010


Torna a Approfondimenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite